Sistema OBD: capiamo e comunichiamo con la nostra auto tramite smartphone – Parte 2

obd

Dopo il primo articolo introduttivo, oggi parliamo dell’hardware necessario per utilizzare la tecnologia OBD da smartphone o da tablet. 

 

Chiaramente, non avendo né la nostra auto né il nostro smartphone un tipo di connessione reciprocamente compatibile, per poter interfacciare i due mondi avremo bisogno di un “ponte” apposito: il più comune e, a mio avviso, il più comodo per gli amatori consiste in un piccolo dispositivo Bluetooth da inserire nella porta OBD della nostra auto, il quale ci permetterà poi di connettere il nostro smartphone alla stessa evitando scomodi cavi.

 

Fortunatamente ne esistono di davvero economici, con pochi euro possiamo ottenere un device più che sufficiente per chi si vuole “divertire” e non deve utilizzare l’interfaccia OBD a livello professionale.  Personalmente ho provato il modello che vi propongo qui sotto, acquistato su Amazon.it per meno di 10 euro: leggero e super tascabile, dotato di due comodi led che ne certificano il funzionamento e perfettamente compatibile con Windows Mobile. Nonostante il prezzo, salvo leggere difficoltà iniziali per inserirlo correttamente nell’apposita porta, sta svolgendo il suo compito egregiamente.

 

Ovviamente esistono moltissimi modelli più accurati e costosi, ma, per un utilizzo non professionale (se non siete dei meccanici insomma) questo prodotto dovrebbe risultare più che sufficiente. Secondo alcuni sviluppatori sarebbero comunque da preferire, per quanto riguarda i modelli che utilizzano il chip Elm 327 (che sono la maggioranza), la versione 1.4/1.5 rispetto alla 2.1 che sembra accusare qualche problema di connessione con alcune app.

 

obd bluetooth

 

Connettere il dispositivo è facilissimo: una volta trovata la porta OBD della nostra auto (solitamente situata sotto il volante) basterà inserire il dispositivo Bluetooth nella stessa, che per forma e dimensioni ricorda vagamente una vecchia presa scart dei televisori, accendere il quadro dell’auto per avviare l’impianto elettrico e stabilire una connessione dal menu del nostro smartphone. In alcuni casi potrebbe essere necessario avviare il motore per far funzionare il dispositivo, operazione che diventa comunque necessaria per poter leggere i parametri.

Va detto inoltre che alcuni dispositivi, soprattutto i più economici e quindi “cinesi”, richiedono una password per stabilire la connessione che non sempre viene fornita nella confezione. Prima di disperarvi provate le combinazioni di quattro numeri più semplici: 0000, 1111, …, 9999 oppure 0123, 1234, …, 7890. Nella maggior parte dei casi vi accorgerete che tra queste 17 combinazioni c’è anche quella che cercate.

 

Per quanto riguarda la compatibilità della vostra auto vi basterà una rapidissima ricerca su Google su Bing per verificare che il modello in questione sia fornito della tecnologia OBD e lo stesso procedimento vi aiuterà in caso non riusciate a trovare dove sia collocata la presa. A meno di auto molto datate comunque, non dovrebbero esserci problemi.

 

A brevissimo il prossimo e ultimo articolo riguardante le migliori app per interfacciarsi al sistema OBD II e tutte le possibilità che offrono.  Mi scuso per l’imprevisto dilungarsi di questa presentazione ma per noi di WindowsLover gli articoli sono come i kebab, sono buoni solo se completi.

Articolo precedenteArticolo successivo
Simone Mascarino
La vita e la bici hanno lo stesso principio, devi continuare a muoverti per stare in equilibrio
  • #ludwig

    Bene, trovata porta OBD nella mia “piccola ammiraglia” (cit.; la mia nuova fiammante Mazda 2 ♥? ) …Ora non mi resta che attendere la terza parte!

    • devi assolutamente darmi un feedback… sulla mazda. modello allestimento colore… ecc :)

      • #ludwig

        Beh, ho scelto allestimento Exceed (la più accessoriata) con aggiunta pacchetto activesense (utilissimo) e sedili in pelle (che bellezza!❤). 90cv benzina: in statale confermo medie anche sopra 20km/l, nel misto finora 17/18. L’ho presa nera (coi fari full-led e i vetri posteriori oscurati fa un gran effetto). Guida molto piacevole e morbida, cambio precisissimo, visibilità posteriore sopra la media attuale. Il Lumia 930 ovviamente si collega via Bluetooth (anche comando vocale per chiamata).
        Finora molto soddisfatto ?

        • Io sono tentatissimo ma non ci sono concessionarie mazda nella mia città… La piu vicina é a vercelli.. Non distante ma forse scomoda per le manutenzioni ecc ecc e il fatto che non me veda in giro non mi aiuta. Comunque complimenti!

  • Comprai uno di questi adattatori Bluetooth circa un anno fa, poi mi sono detto “Cacchio! (più o meno) C’ho solo un’auto!” e non ho più provato ad usarlo… Forse aspetto la terza parte per vedere di quali app posso fidarmi senza incasinare la centralina

  • ILCONDOTTIERO

    Ordinato qualche giorno fa su Amazon quello DB POWER arriva fra 7/10gg. su Amazon che credo sua la stessa cosa più o meno di quello che avete postato voi . Ho un qasqhai 2011 e incrocio le dita . La app sullo store ne ho trovata una valida che viene aggiornata spesso , ultimo aggiornamento 3gg.fa . Speriamo di non pentirmi. Dai forza sono molto curioso aspetto il prossimo step :) .