Accordo raggiunto tra Microsoft e Samsung sulla questione “Royalty”

Sembra essersi risolta nel più pacifico dei modi la disputa in corso tra Microsoft e Samsung riguardo alle royalty Android di cui vi parlammo circa un mese fa.

L’azienda coreana avrebbe dovuto sborsare grosse cifre nei confronti della casa di Redmond, cosa che non avverrà in seguito all’interruzione della diatriba legale che si protraeva ormai da tempo. Microsoft ha infatti scritto in una breve nota che:

“Samsung e Microsoft sono lieti di annunciare che hanno posto fine alla loro disputa contrattuale presso la Corte degli Stati Uniti e l”arbitrato della ICC (International Chamber of Commerce ndr). I termini dell’accordo sono confidenziali.”

Perché questo cambio di direzione? Perché Samsung avrebbe promesso nuovi device Windows Phone in cambio, proposta davvero ghiotta agli occhi di Microsoft che desidera fortemente aumentare lo share della propria piattaforma mobile. Mossa a quanto pare vincente da parte della casa coreana, forse intenta a slegarsi progressivamente da Android (si veda ad esempio Tizen, il nuovo sistema operativo di Samsung) forte del suo brand più che del proprio OS principale (sembra assurdo ma diversa gente che ha un Galaxy non sa che il sistema operativo installato su di esso sia Android).

Per Microsoft speriamo vivamente che questo accordo possa tradursi nella distribuzione di nuovi interessanti dispositivi con a bordo Windows 10 nel corso di quest’anno da parte del ben noto OEM asiatico: quest’ultimo potrebbe attirare efficacemente sull’ecosistema Windows diversi utenti se spingerà i nuovi device opportunamente attraverso le sue tecniche di marketing.

Vi piacerebbe un Samsung Galaxy Note con Windows 10?

FONTE: Microsoft

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Alessandro Del Grano
If something is expensive to develop, and somebody's not going to get paid, it won't get developed. So you decide: Do you want software to be written, or not? - B. Gates