Age of Empires: Castle Siege – Il Combat Strategy Game per tutti

Recentemente vi ho parlato di una delle possibili alternative al noto titolo Combat Strategy Game di Supercell, ovvero Clash of Clans. Naturalmente mi sto riferendo a Star Wars: Commander, videogioco interessante per chi ama il genere, che sono sicuro avrà conquistato molti di voi. Un po’ grazie al suggerimento di un nostro lettore, un po’ per venire incontro al desiderio di alcuni utenti, che nei commenti lamentavano la mancanza del supporto ai device con 512 MB di RAM, ho deciso di proporvi un’ulteriore ottima alternativa.

wp_ss_20150121_0011

Chi di voi non ha mai sentito parlare di Age of Empires? Si tratta di uno dei colossi del mercato videoludico, che ha fatto la storia degli strategy game in tempo reale con le sue ambientazioni e battaglie epiche, ponendo il giocatore all’interno del processo di evoluzione della cultura, della scienza e della tecnica bellica della specie umana. Grazie a Microsoft Studios il titolo è tornato a vivere, in un formato ridisegnato che più si addice agli schermi touch.

wp_ss_20150121_0007

Si tratta di un semplice copia e incolla degli altri due titoli concorrenti? Assolutamente no. Age of Empires: Castle Siege possiede una sua personalità e un suo modo di raccontare il genere a cui appartiene. In questo caso saremo chiamati a scegliere una civiltà tra Britanni, Franchi, Saraceni, l’Ordine Teutonico, i Bizantini e i Rus’di Kiev (avrei voluto optare per l’Impero Romano d’Occidente, ma il titolo è ambientato dopo la caduta di quest’ultimo, per cui ho optato per i Bizantini).

wp_ss_20150121_0008

Ogni popolo ha i propri eroi (nel mio caso Belisario, Giovanni Curcuas, Niceforo il Foca e Cheirosifone) che potranno essere sbloccati nel corso dell’avventura. Una volta fatta la scelta avrete accesso ad un classico tutorial che rapidamente vi mette in contatto con le possibilità che offre il gioco e potrete prendere confidenza con la semplice ed efficace interfaccia grafica.

wp_ss_20150121_0013

In cosa si sostanzia il titolo? Nella costruzione e difesa della nostra roccaforte e nella distruzione di quelle altrui con relativo saccheggio delle ricchezze possedute dai nostri avversari. Come? Con lo sviluppo di edifici in grado di far crescere le nostre risorse, difendere il nostro territorio e di rimpolpare le fila del nostro esercito. Il PvP (Player vs Player) risulta quindi un elemento preponderante, ma non mancano spunti per epiche battaglie storiche gestite dalla CPU, accessibili man mano che saliremo di livello (e passeremo quindi a nuove ere).

wp_ss_20150121_0014

Cosa mi piace di questo titolo? Innanzitutto il sistema dei combattimenti e di costruzione. Mentre su Start Wars: Commander è l’IA (intelligenza artificiale) a guidare le nostre truppe e gli edifici in fase di realizzazione non si possono spostare, qui saremo noi a stabilire il bersaglio degli attacchi dell’esercito e potremo spostare gli edifici in costruzione. Altro aspetto importante è anche qui l’essere una Universal App (e giocarci da PC è altrettanto piacevole) con sincronizzazione dei progressi. Con Facebook? No, con Xbox Live e con il suo relativo sistema che ci permette di registrare progressi, trofei e di interagire con altri giocatori. Anche le notifiche sono ben sviluppate (si possono disabilitare) e ci informano in tempo reale di quello che succede al nostro Impero mentre siamo assenti dal gioco. Ultime, ma non per importanza, la sua disponibilità gratuita (ci sono però acquisti in-app opzionali) e la sua compatibilità e ottimizzazione con i device con almeno 512 MB di RAM, per la gioia di tutti coloro che ci vogliono giocare, ma possiedono un budget phone (cosa non possibile con Star Wars, purtroppo).

Cosa state aspettando? Vi unirete anche voi alla battaglia? Vi consiglio di dargli almeno un’occhiata perché tanto, come già detto, non costa un centesimo!

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Alessandro Del Grano
If something is expensive to develop, and somebody's not going to get paid, it won't get developed. So you decide: Do you want software to be written, or not? - B. Gates