#Focus: Ciao, Cortana! [Aggiornato]

A far data da ieri, e direi finalmente, Cortana, l’assistente vocale di Microsoft, è sbarcata sui nostri telefoni. Ma non solo…

Questo articolo è una sorta di “resoconto” dopo una mezz’ora di utilizzo, giusto per tirare qualche somma in merito al tanto atteso rilascio sul nostro mercato della prodigiosa Cortana.
Prima di tutto, però, cerchiamo di ricordarci che:

wp_ss_20141205_0001

Cioè, essendo in una versione “dimostrativa” di livello Alpha (ossia MENO che Beta, quindi in uno stato avanzato sì, ma ancora passibile di possedere lacune o falle), non iniziamo a fare litanie e processi, laddove faremmo la figura di chi pensa che la conclusione del pranzo sia assaggiare la pasta per vedere se è cotta.
Non a caso, questo update è riservato a chi abbia aderito al programma Preview for Developers [Clicca qui per vedere come fare].
Quindi, no panic!, OK?

Bene, premesso questo, passiamo al sodo.

Ho aspettato un po’ prima di installare questo aggiornamento
(per maggiori info, leggi QUI)
perchè so che in questi casi c’è sempre da stare attenti. Ed infatti, per quanto fossi curioso, ho fatto bene:

Pare che gli utenti in possesso di terminali Samsung ATIVS stiano riscontrado SERI problemi con i loro terminali.
SE POSSEDETE UN SAMSUNG ATIVS: NON AGGIORNATE, almeno per ora.
PERICOLO2

Ok, non posseggo un Ativs, ma la prudenza non è mai troppa. Fare gli spregiudicati non sempre paga.
A dire il vero, in ogni caso, sulle prime non mi spiegavo il perchè di questi intoppi, specie considerando che l’aggiornamento, in linea teorica, non doveva fare altro che attivare Cortana.
Dopo aver installato a mia volta, tuttavia, ho notato che questo update procede anche ad aggiornare il sistema operativo, introducendo alcune funzionalità aggiuntive:

  • possibilità di aggiungere la “RETE DATI” (era ora!) nell’action center
    (tuttavia, se ancora non ve la sentite di installare la Developer Preview, potete usare Data Connection: clicca qui per scaricare)
  • inoltre, nelle impostazioni WiFi è ora possibile, sempre tramite Cortana, lasciare che la vostra connessione (di casa) si attivi quando vi trovate in un determinato “luogo preferito” (cioè uno di quelli che saranno identificati come tale nelle impostazioni di Cortana)
    [novità che credo Plaffo abbia scoperto tra i primi. Grazie, quindi a loro ed a chi se ne sia avveduto più velocemente di me]
    [NEW] Come funziona? Nel pannello WiFi (Impostazioni -> WiFi ),  cioè dove potete attivare e disattivare il WiFi sul vostro cellulare, troverete (a Wifi spento) la voce “RIACCENDI WiFi”.
    Tra le varie opzioni disponibili nel pannello a cascata, trovere un “vicino ai miei luoghi preferiti”.
    In cosa consiste? Praticamente Cortana si occuperà di attivare il Wifi, quando vi troverete in uno dei luoghi che avete indicato come preferiti.
    Come farlo?
    Avviate Cortana. Premete l’icona mostrata nello screen qui sotto.
    Bits
    Dopo ciò, andate in “LUOGHI” e qui, facendo tap sull’icona circolare “+” aggiungete i vostri luoghi preferiti!
  • [NEW] Come faccio ad usare BING per leggere i QR Code, ora che ho cortana?
    Semplice, vi basterà usare questo programma:
    QR FOR CORTANA

    >>Clicca qui per scaricare il programma<<


Come funziona questa Cortana?

L’esperienza d’uso, devo dire che mi ha sorpeso in positivo. Il riconoscimento vocale è sempre eccellente, anche in presenza di qualche disturbo ambientale. Il lavoro di ottimizzazione per la nostra (complicatissima, bisogna considerarlo) lingua è molto buono.

Parlare con il telefono, per me che non ne ero affatto abituato, è stato un po’ strano, devo ammetterlo. Tuttavia dopo poco tempo – e magari usando l’auricolare – ci si fa l’abitudine.

“Comandare” Cortana è più naturale e semplice di quanto pensassi.
Certo, col tempo si “imparerà” a conscersi a vicenda, è chiaro, tuttavia diciamo che anche senza sapere precisamente come chiedere le cose, i tanti esempi proposti ciclicamente e le domande di Cortana per “provare a conoscerci meglio” pare rendano il tutto davvero ben fruibile.

Non è un mistero, tuttavia, che la piena potenzialità dell’applicazione (pardon, so di aver ferito qualcuno, ma si tratta di un programma e non di una persona…) sarà raggiunta con la fase stabile e con i futuri aggiornamenti. Attualmente, come abbiamo già scritto, le funzionalità sono “limitate”, cioò il dialogo con Cortana non sarà mai un botta e risposta secco e assoluto. Tuttavia, la gestione di note, promemoria, funzioni del telefono e molte molte altre, lasciando stucco.

Mi è capitato, a titolo di mero esempio, di chiedere a Cortana: indicami la strada più breve per andare a Milano. In pochi istanti, ho visto a schermo una mappa che dalla mia posizione indicava dove andare. Dunque, mi sono spinto a chiedere: portami a Milano… Beh, inutile dirvi che Cortana ha avviato HERE MAPS per fornirmi le istruzioni vocali per raggiungere il capoluogo lombardo. Notevole!

Stessa cosa con le canzoni presenti sul mio telefono.  M’è bastato dire: “Cortana, riproduci Innuendo dei Queen“, per ottenere esattamente quel che volevo.

Non contento, ho cercato un po’ sul web, per leggere cos’altro potesse fare questa assistente. Ecco, provate a chiederle di raccontarvi una barzelletta: mi ha letto una barzelletta. Tra l’altro, letta “a modo”, cioè usando una cadenza umana. Un passaggio della barzelletta riguardava un tizio che era stato invitato a parlare a bassa voce; ecco, Cortana, quando ha dovuto “interpretare” la battuta del tizio, ha sussurrato le parole. Senza questo passaggio, la barzelletta non avrebbe avuto senso. Notevole, davvero.

Inutile starvi ad elencare tutte le cose che potrete fare, perderemmo tempo e ci priveremmo della possibilità di scoprirle con l’esperienza d’uso. Ma, soprattutto, saremmo qui per una guida e non per un fist look.

Il mio consiglio attuale, per voi, è di godervi questa fantastica innovazione il più possibile. Mai come in questo caso sono stato lieto di avere tra le mani un Windows Phone (parentesi personale per un mio amico: tempismo perfetto, hai fatto proprio bene a vendere il tuo Lumia… Ben fatto!) e di aver creduto in questa piattaforma. Sempre più, mi convinco che il futuro sia roseo. A Microsoft, invece, chiedo – ma senza urlare – di trovare un modo per tenere Cortana “sempre in ascolto”: sarebbe proprio fantastico! Ma fantastico sul serio.

Concludendo, per ora non siamo al cospetto di scenari fantascientifici come quelli prospettati nel film “HER”  del 2013 (guardatelo, merita!), tuttavia credo che stiamo assistendo collettivamente ad uno step importantissimo  – e credo il primo di molti – di quello che sarà in futuro l’interfacciarsi tra uomo e software. A me, in questa sede, non resta altro che dire:

ciao, Cortana: BENVENUTA in ITALIA.

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Orienta la tua vita in maniera che nessuno possa dire che l'unica cosa che hai di smart sia il tuo telefono!
  • CoffeyM

    Bell’articolo che, al di là degli aspetti tecnici, allarga lo sguardo oltre il mero “cel’holunghismo” dei tech-addicted. Giusta l’osservazione sul fatto che sarà il primo passo verso un nuovo modo di interfacciarsi alle macchine (peraltro con margini di accessibilità molto grandi, penso alle persone che hanno disabilità particolari).
    Propongo solo un’osservazione (più un’ipotesi): la nostra lingua è sintatticamente e grammaticalmente complessa, ma non lo è foneticamente. Il fatto che sia sbarcata in versione stabile prima nei paesi anglofoni è – forse – perchè lì è (più) difficile capire la pronuncia delle parole; forse questo ha richiesto maggior lavoro iniziale in USA e UK e poi si sono dedicati al resto. Infatti per i paesi europei è in alpha e la Cina in beta.

    • Uhm, interessante.
      Ti rispondo con un ragionamento-ipotesi:
      Cortana è sviluppata di giorno da gente che parla inglese e, nella notte americana (è la globalizzazione), (di giorno) in India. Potrebbe non aver senso il ragionamento, me ne rendo conto, ma credo che se io dovessi sviluppare un software simile a Cortana – fingendo io ne possa essere capace – lo creo proprio in modo da recepire al meglio la mia lingua, che giocoforza è quella che mi consente di fare più “esperimenti”. E, con il test “inglese light” che può garantire un’indiano (che come noi parla un inglese “imparato” e non “vissuto”), credo che con lo sviluppo siano apposto.
      Tra l’altro, inglese e tedesco hanno parecchi punti in comune, quindi suppongo che anche per quel mercato la trasposizione sia stata “fattibile”.
      A livello fonetico, noi non abbiamo una lingua complicata, a mio avviso. Non più del tedesco, magari o del finnico. Il problema vero della nostra lingua – se di problema possiamo parlare – è proprio la varietà: abbiamo differenza di genere nei pronimi, negli articoli, etc. Abbiamo plurali difficilissimi per uno straniero. E tempi verbali che non sono così semplici da ricordare.
      Inoltre, peggio che mai, è contestualizzare una parola. Ti faccio un esempio:
      IO FUNGO DA CAPO, come verrebbe tradotto da un software?
      I Mushroom of Chief? I’m a head?
      L’insidia, insomma, è dietro l’angolo.
      Ritengo quindi che il tempo richiesto affinchè la donzelletta binaria arrivasse anche da noi, sia stato piuttosto per insegnale (diciamo) a discernere le mille insidei della nostra lingua.
      I software attuali, sempre a mio avviso, non hanno grossi problemi a riconoscere il modo di parlare quanto a suoni.
      Poi, boh! :)

      • Riccardo Lucifora

        Sono d’accordo, la lingua italiana è molto ambigua e varia, sicuramente molto più dell’inglese che ha poche regole semplici e nette

        • Bah, quel che conta è che Cortana sia giunta :D

          • Alessandro

            C’è da dire però che le pronunce dei nomi inglesi ancora non li rileva, ovvero, essendo l’italiano scritto come si pronuncia, provando a chiedere “cosa ne pensi di Gugol?(pronunciato correttamente) ha rilevato effettivamente Gugol e no Google. La stessa cosa quando ho chiesto “cosa ne pensi di Eppol?effettivamente non ha rilevato Apple, perché gli è stato insegnato che in italiano si scrive come si pronuncia. XD poveretta dovrà imparare a capire quando ti rivolgi a termini inglesi e quando a termini italiani. Comunque sono le 2 di notte e mi hai messo una voglia pazzesca di chiedere a Cortana di raccontarmi una barzelletta, soltanto che sveglierei tutti, mannaggia. XD

            Nel frattempo vorrei chiederti, sapresti chiarirmi il funzionamento dell’attivazione del Wifi quando si è in un luogo famigliare (preferito)? Non ho capito dove si trova tale impostazione.

          • Certo, spiego subito e appena posso aggiorno l’articolo:
            quando spegni il WiFi (impostazioni –> Wi.Fi ) appare un pannello.
            In quel pannello, troverai varie voci, tra le quali quella “attiva quando sono nei miei luoghi preferiti”.
            Da quel momento in poi, quando tornerai ad esempio a casa, Cortana si occuperà di riattivare la tua rete Wifi, per risparmiare traffico sulla rete dati.

          • Alessandro

            Ah, okay, grazie, non lo avevo notato. :-) adesso lo provo.

          • Articolo sistemato. Ho aggiunto anche un TIP sui QR code, in attesa di un articolo dedicato.

          • Alessandro

            Grazie per la spiegazione, mi sono accorto che prima non avevo notato l’opzione di attivare il wifi nei luoghi preferiti perché è presente solo se è attivo Cortana (la posizione) e nello specifico credo anche la Rete Dati (correggimi se sbaglio), quindi anche se mi riattivasse il Wifi dovrei comunque disattivare la Rete Dati per non averle entrambe attive. Per quanto riguarda il QR for Cortana, penso sarebbe utile integrarlo direttamente nella schermata di Cortana magari a fianco del tasto musica per fare ascoltare la musica a Cortana. Molto più pratico trovo sia premere la lente con Cortana disattivata, per avere la schermata bing predefinita con il tasto QR in basso. Poi comunque forse è questione di gusti personali, nel mio caso, meno cose installo per avere le medesime funzioni, e meglio è. Sono molto curioso di vedere l’evoluzione di Cortana comunque (ancora di più Windows 10 for phone) e da oggi con la preview sono in prima linea anche io. ;D.

          • Sto provando pure io. In linea teorica, il cellulare ha una logica di questo tipo:

            WiFi vale più di “rete dati”. Quindi, se c’è connessione WiFi, retedati resta inutilizzata.

            Eh, Microsoft a volte si perde in un bicchiere d’acqua. Argh

          • Alessandro

            Sì questo l’ho notato anche io. Soltanto che sul mio 820 la batteria regge poco, tanto vale a questo punto usare le altre impostazioni, col centro notifiche si fa presto. :-)

          • Io la vedo così: è inutile disattivare la rete dati su uno smarphone. Io lo faccio solo se so che starò fuori casa tutto il giorno, senza nessuna possibilità di ricarica o carica batterie portatili ed è un giorno in cui non mi interessa controllare facebook o mail. Comunque per riattivare il wifi nei luoghi preferiti sì, deve essere attiva cortana, ma solo la posizione, non credo serva la rete dati. E mi pare che lo fa se disattiviamo il wifi dalla tendina, dal comando vocale invece no.

          • Riccardo Lucifora

            Eh infatti, non vedevo l’ora e per essere un’alpha va anche troppo bene :D

      • CoffeyM

        …o peggio: “I mushroom from a chief/boss” :)
        E’ proprio quello che intendevo anche io: per dire, “capo” ha due fonemi molto facili per noi da pronunciare e sempre uguali, indipendentemente da dove vengono usati; “capo”, però, viene utilizzato con significati molti diversi nella lingua italiana. L’esempio che fai è già molto illustrativo, la lingua italiana evidentemente richiede accortezze molto diverse rispetto all’inglese. A questo imputavo il “ritardo” (che poi, inciso, hanno fatto bene a prendersi il loro tempo): una volta che istruisci Cortana con le regole sintattiche dell’inglese, sei a posto su un versante; molto più difficile è la fonetica anglofona, ma anche lì, con qualche algoritmo di speech recognition (proprio come zuccherare il caffè vè?) te la sfanghi in modo indolore.
        Per noi forse hanno avuto meno lavoro sulla fonetica, ma molto più sulle “regole”. Idem tedesco, forse.
        Sul francese, forse hanno dovuto fare entrambe le cose.
        …quanto mi piacerebbe saperne di più!!! (ma un’intervistina con domande furbe – confido in voi! – non gliela potreste fare?)

        ps: dicevamo comunque la stessa cosa. :) [edit: mi sono espresso ad min..am prima].

        • Ma tranquillo!
          Mettiamola così: abbiamo detto ambedue la stessa cosa. Tu pensi di esserti espresso male (ma non è vero), io credo di non essermi espresso poi benissimo (=male) perchè ero di corsa… Ed allora: siccome “+” e “-” si annullano, “get lost”.. e diamo la colpa a Mariano! ahahaha

          PS: Grazie mille per l’apprezzamento all’articolo!

  • Bender

    Qualcuno sa come va su Lumia 620? Che già 8.1 me lo ha rallentato non poco (e rispetto ad un altro mio amico con lo stesso modello mi è anche andata bene), ho paura di trovarmi una cortana tanto lenta da essere inutilizzabile.

    • strano, i 512 reggono benissimo 8.1… forse hai memoria piena? io farei un hard reset giusto per ripulirlo… per il resto va bene, il 620 ha lo stesso hardware del 720 quindi…

      • Ciao Bender, confermo le parole di Mariano!
        Non ci risultano rallentamenti con i 620, nè sui 720 (quest’ultimo lo uso personalmente e ti assicuro che non ci sono!).

        Sai cosa? Dovremmo fare un po’ di chiarezza.
        Il tuo amico, che modello ha?
        A noi non risultano problemi nemmeno sui 520. Dunque, non vorrei che fosse come per alcuni automobilisti geniali che si lamentano di Fiat, salvo poi scroprire che non sapevano che bisognava “CAMBIARE L’OLIO”.

        Dunque, direi che se il tuo amico ha attivato l’impossibile, mettendo ogni app e con 500 app in backgroud, stiamo parlando del nulla: andrebbe piano persino il blok notes. MI spiego?
        Che 8.1 abbia rallentato il tuo cellulare mi pare strano. Sul mio telefono, ad esempio, le 3 colonne di tile danno l’impressione di conferire maggiore lentezza al sistema. Ma dopo un hard reset, faccio per dire, tutto torna regolare.

        Cortana lenta? Secondo me no. Dipende solo da che connessione tu abbia.
        Ed IN OGNI CASO: puoi disabilitarla. :)

  • Alessandro

    Il meglio è l’imitazione di Fantozzi. XD