Cose da sapere sul dopo-Groove Music Pass!

Cosa succede dopo il 31 dicembre 2017, giorno nel quale il Groove Music Pass smetterà di esistere?

Tristemente, dovremo farcene una ragione. Microsoft ha esposto le motivazioni per questa uccisione a sangue freddo e noi ne abbiamo parlato ieri.

Oltre alla partnership con Spotify (abbastanza inutile secondo la mia onesta opinione), cosa succederà alla nostra libreria musicale?

 

Musica in locale

Non succederà nulla alla nostra musica presente fisicamente sui nostri dispositivi. Potremo continuare ad usare l’app Groove Musica (che sarà supportata in futuro) per ascoltare i nostri brani, compresi quelli caricati su OneDrive.

 

Musica acquistata

Dopo il 31 dicembre 2017, nemmeno lo Store ci farà acquistare musica. Perciò sparirà completamente dal cloud, anche quella da noi acquistata.

Come fare, dunque? Dovremo scaricarla tutta prima del 31 dicembre 2017 e tenerla stretta! Potremo continuare ad ascoltarla per sempre… ma solo se la scarichiamo! Perciò forza, andate e scaricate miei prodi.

 

Le playlist

Le playlist che abbiamo fatto personalmente, non saranno più recuperabili. Non potremo scaricarle come file .m3u, per esempio. Potremo però “trasferirle” prossimamente su Spotify (se ci sono tutti i brani ovviamente), usando l’app Groove Musica. I nostri sforzi non saranno vani, quindi.

 

Rimborsi

Se il nostro abbonamento a Groove Music Pass si estende oltre il 31 dicembre 2017, potremo ricevere un rimborso: come soldi veri o come crediti da spendere sullo Store Microsoft (per acquistare app e film).

 

Ecco cosa dovete fare adesso

  1. Scaricate e salvate (anche con un backup) la musica che avete acquistato dallo Store, usate l’app Groove Musica per effettuare il download di questi contenuti. Fatelo prima del 31 dicembre!
  2. Se siete iscritti al Groove Music Pass, potete usufruire di 60 giorni gratuiti di abbonamento a Spotify Premium
  3. Non tutti i brani delle vostre playlist potrebbero essere trasferiti su Spotify (molti dei miei non esistono su Spotify, per esempio). Al termine della migrazione potrete trovare un file di testo nella cartella C:\Users\[nome utente]\Music chiamate “GrooveMigration“, nel quale verranno automaticamente indicati i brani non trasferibili su Spotify
  4. Per effettuare il trasferimento, dovrete avere Groove Music dalla versione 10.17083.xxxx.x, che arriverà a breve per tutti.
  5. Se avete ricevuto dello spazio di archiviazione Bonus in accoppiata con il Groove Music Pass, quello spazio verrà rimosso.

 

Se avete altre domande, non esitate a scriverle nei commenti!

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Francesco Tili
When you change the way you see the world, you'll change the world you see - S. Nadella
  • simone950

    Avevo trovato la mia dimensione su groove… Soprattutto su xbox one e smartphone era esattamente la mia applicazione ideale.. E parlo da ex utente spotify

  • roberto

    Io ho una play list sul telefono, o meglio aprendo groove la trovo li. Devo fare qualcosa x salvarla sul cell?, ho scaricato i brani ma se vado tra i filtri e imposto “brani presenti sul dispositivo” mi dice che non c’è nulla.

    • C’è un pulsante sulla playlist che ti dice “Rendi offline” o una cosa del genere… Ti scaricherà i brani della playlist sul cellulare! Ma potrai tenere solo quelli che hai acquistato sullo Store o quelli che hai su OneDrive… Se la playlist contiene musica che non hai né su OneDrive, né acquistato…allora non potrai scaricarla. Comunque potrai trasferire la playlist su Spotity e ascoltarla lí