Cresce l’interesse degli sviluppatori per l’ecosistema Windows

L’ultimo sondaggio di Vision Mobile rivela che l’interesse degli sviluppatori per Windows e Windows Phone è aumentato dall’ultimo anno. Vision Mobile è leader nelle ricerche sui trend legati alle applicazioni per quanto riguarda gli introiti, i market share e i modelli di business. Ogni 6 mesi esegue un sondaggio sugli sviluppatori, chiamato “Developer Economics”, i cui dati riportiamo ora.

Questo sondaggio è uno dei maggiori nell’ambito delle applicazioni, includendo oltre 10.000 sviluppatori da tutto il mondo. Il Developer Economics riferito alla prima trimestrale dell’anno fiscale 2015 (Q1 2015), corrispondente agli ultimi tre mesi del 2014, conta più di 8000 sviluppatori che hanno espresso le loro opinioni. Ma passiamo ai dati, riportando il grafico della percentuale di sviluppatori che sono interessati a ciascuna piattaforma. Image1 Ciò che ci salta subito all’occhio è il crescente interesse nello sviluppare applicazioni per l’ecosistema Windows, soprattutto per Windows Phone, rispetto alla staticità dell’interesse verso le altre piattaforme. Dal grafico riportato è ben visibile il trend di crescita, cosa che non può che farci piacere.

L’interesse assoluto rimane, però, ben inferiore alle piattaforme Android e iOS, complice la maggiore base di utenti, che porta più sviluppatori a gettarsi nei meandri dell’App Store o di Google Play. Ma, se guardiamo le cifre, si nota che queste non corrispondono alle quote di market share globali attuali (Windows Phone, ahimè, non ha il 30% di share). Ciò significa che, a parità di base di utenti, più sviluppatori sono interessati all’ecosistema Windows, probabilmente perché potrebbero avere più chance di rendere le loro app visibili. image2Il secondo grafico riporta la percentuale di sviluppatori a tempo pieno per piattaforma. In questo caso il confronto è impietoso, indicando come Windows Phone sia quasi sempre considerata una piattaforma “secondaria” e non una primaria a cui dedicarsi a tempo pieno. Tuttavia la percentuale è raddoppiata rispetto all’anno scorso e questo è, ovviamente, un bene. image3 Termino le mie brevi considerazioni con l’analisi degli introiti degli sviluppatori. Come al solito iOS è in testa con una percentuale maggiore di sviluppatori che guadagnano almeno qualche dollaro al mese (88%), ciò perché l’utenza media Apple è abituata alle applicazioni. Non regalereste mai un iPhone da 800€ a vostra zia di 60 anni che non capisce un tubo di come far funzionare uno smartphone. Questo significa che gli utilizzatori di iOS sono più propensi a scaricare ed acquistare applicazioni aumentando gli introiti agli sviluppatori.

Tra Android e Windows Phone, che invece offrono dispositivi per tutte le tasche e quindi hanno una base utenti più eterogenea, gli introiti sono distribuiti in modo abbastanza simile (79% Android contro 78% Windows Phone). La differenza sta quando si va a considerare gli introiti maggiori di 500$, nei quali è maggiore la percentuale di sviluppatori Android che guadagnano di più rispetto a Windows Phone. Questo è probabilmente dovuto al maggior numero di utenti disponibili in Android, con il quale è facile, in caso di successo dell’app, aumentare velocemente i guadagni.

Buoni profitti anche con BlackBerry, complice l’aspetto più aziendale del sistema operativo. In fondo, quindi, in Windows e Windows Phone si guadagna bene perché si possono sfruttare “le mancanze” di app importanti che non vengono adeguatamente sviluppate e perché lo Store non è ancora saturo di applicazioni, perciò la visibilità è buona.

Quindi, cosa aspettate? Tutti a sviluppare per Windows! Forza!

Fonte: Developer Economics

Articolo precedenteArticolo successivo
Francesco Tili
When you change the way you see the world, you'll change the world you see - S. Nadella
  • con W10 la situazione cambierà… tra PC, Tablet e Smartphone voglio vedere se uno non approfitta… il market share è potenzialmente il triplo di quello Android ?

    • Concordo :-D è probabile che l’interesse sia in aumento anche per Windows 10

    • pane e pene

      Mmh sinceramente lo spero ma dubito.
      Basta guardare i grafici di Windows. Sono molto inferiori a quelli di WP e lo sono per il semplice fatto che l’utenza preferisce installare programmi e non applicazioni, su un pc.

      Per cui boh, io dubito che ci sarà un boom di nuove app con W10 (anche se lo spero), al massimo un aumento graduale (come ora).

      • c’è anche poca gente che usa windows 8 e molti son rimasti a 7, 10 sarà diverso…

        • pane

          C-C-COSA!? poca gente? Ahah scherzi?
          Se non erro ora W8+8.1 sta attorno al 10%. Beh, hai idea di cosa sia il 10% di 1 miliardo di licenze nel mondo?
          Fa tanto, tanto davvero.

          • sai quanti comprano il pc con 8 e ci fanno installare 7? ? comunque le app, soprattutto i giochi, sullo store di Windows vanno molto… ed è più consigliato installare app per cose semplici piuttosto che programmi su programmi che installano anche roba in più all’utente inconsapevole e spesso incappa in virus etc. la gente lo deve capire ?

          • Più che altro devono riuscire ad incentivare lo Store, che con le utenze più giovani che crescono sarà sempre più utilizzato perché ce l’hanno nel sangue :-D se dico a mio padre di andare sullo Store, c’è caso che arriva alla Coop

          • esatto!

          • Federico

            Ha ragione Mariano, Win8 non è riuscito ad intaccare significativamente Win7 e, purtroppo, anche XP non si decide a crepare.
            Tuttavia mi sembra un po’ troppo ottimista prevedendo uno share superiore a quello di Android. Si tratta di OS con target totalmente differenti ed Android venderà sempre più di Win nel settore telefoni.
            Il vero competitor di Windows è iOS, non Android.

          • se sommi PC, tablet PC e smartphone allora android lo superi eccome, potenzialmente ovvio, se tutti passano a w10…

          • Federico

            Boh, calcolo troppo difficile alle otto del mattino. :)

  • Alessandro

    Io sto aspettando Windows 10 per passare da Windows 7. Con esso avrò un Lumia con Windows 10, quindi se molti come me sfrutteranno il sistema unico su diversi dispositivi i numeri cambieranno. :-) Inoltre devo ammettere che mi sto accorgendo che a forza di 99 cent o 1,99, alla fine di soldi nello Store ne lascio. Anche perché penso sempre, con 1 euro mi compro un caffè che bevo in 1 minuto, poi scompare. Un applicazione da 99 cent è per “sempre”. ;D

    • Federico

      Guarda che puoi già farlo Alessandro.
      Eseguendo l’upgrade dalla famosa pagina l’installazione avviene tramite “Windows Update” e non si perde nulla di quanto già presente nel PC.

      • Alessandro

        Lo so ma non ho intenzione di installare la Technical Preview di Windows 10 ma la versione finale di Windows 10.

        • Federico

          Naturalmente questa è una tua scelta, però sappi che è stabile come e quanto Win 8.1, tutto continua a funzionare come se avessi eseguito un banale aggiornamento e, volendo, ad ogni boot puoi scegliere di eseguire il rollback al sistema operativo precedente.

          • Alessandro

            Diciamo che non è mia la scelta di non installare la TP ma più che altro è tua la scelta di installare la Technical Preview, versione di un sistema ancora non finito, accettandone le condizioni di utilizzo ed eventualmente anche i rischi che potrebbe comportare. Si chiama Technical Preview per una ragione, ad esempio non è stata rilasciata per essere utilizzata quotidianamente sul PC principale (certo lo puoi fare lo stesso) e inoltre nelle condizioni di utilizzo viene menzionato che Microsoft raccoglie informazioni e feedback sull’utilizzo del sistema al fine di risolvere eventuali bug e migliorarlo (lo scopo è proprio questo, quello di collaborare inviando feedback al fine di migliorare il prodotto). Windows 10 quindi rimane ancora una versione di anteprima, per quanto stabile possa essere. Ecco spiegato il perché delle mie parole e mi pare un po’ superfluo puntualizzare che lo si possa già fare. Certo si può ma a condizioni, è bene distinguere correttamente le cose.

          • Federico

            Beh, la mia è più che altro un obbligo, dl momento che dovrò scrivere del software destinato a girarci. :)
            Comunque nessun problema, in fin dei conti all’autunno non manca poi molto.

          • Alessandro

            Hai fatto senz’altro bene allora. :-) posso chiederti che cosa sviluppi?

          • Federico

            Un tempo roba divertente e appassionante, come kernel di sistemi operativi, modelli di mercati Finanziari e “intelligenza artificiale” (pessima definizione che però va di moda).
            Ormai principalmente gestionale, soprattutto porting su .NET di vecchi progetti.
            Mi occupa poco tempo, è un compito adatto al mio cervello ormai bacato e mi lascia ampi spazi per le lunghe passeggiate con il cane Chicco. :)

          • Alessandro

            Capisco. :-) potresti sviluppare qualche buona universal app. :D

          • Federico

            Naturalmente TUTTO il software migrerà sul nuovo Framework, e quindi sarà eseguibile indipendentemente dalla tipologia di dispositivo.
            Però per svilupparne di nuove non ho più testa, o forse dovrei dire che proprio non ne ho più voglia.
            Largo ai giovani, io so’ vekkio!!! :)

  • Molto bene! Speriamo in un cambio di rotta, ora come ora Windows Phone ha davvero poche applicazioni fatte come si deve e aggiornate a dovere!

    • “Davvero poche” mi sembra un esagerazione suvvia ;)

      • Forse sì, sono stato troppo pessimista… Speriamo in un migliore supporto in futuro, perché in molti casi da quando ho Windows Phone ho la sensazione di essere trattato da cliente di classe C, e mi spiace soprattutto perché ho sempre amato molto il sistema in sé, per fluidità e interfaccia!

  • M_90® ????⚡??

    speriamo continui ad essere sempre più apprezzata la piattaforma per gli sviluppatori.

    • Offre anche un ottimo ambiente di sviluppo!

      • Federico

        Vero.
        Tanti anni fa, quando uccisero l’IDE Borland mi misi in lutto, però ormai Visual Studio è qualcosa di fenomenale.
        Perfino la versione “Community”, del tutto gratuita.