DONTNOD conferma lo sviluppo di Life is Strange 2

A distanza di più di un anno dall’ultimo capitolo del gioco Life is Strange, DONTNOD conferma l’arrivo di Life is Strange 2.

Cos’è Life is Strange?

Per chi non lo conoscesse, Life is Strange è un’avventura grafica unica ed emozionante. Il corso del gioco viene scelto man mano che si va avanti tramite scelte che la protagonista, Max, dovrà prendere in continuazione:

Life Is Strange è un gioco episodico di cinque parti che si propone di rivoluzionare i giochi basati sulla storia e le conseguenze, permettendo al giocatore di riavvolgere il tempo e di influenzare il passato, il presente e il futuro.

In arrivo un nuovo titolo

Pochi giorni fa, alcuni membri di DONTNOD, casa di sviluppo di Life is Strange, hanno pubblicato un post sul proprio blog ufficiale dove annunciano l’arrivo del secondo titolo della serie:

Possiamo infatti confermare che il team originale di Life is Strange a DONTNOD sta lavorando su un nuovo titolo di Life is Strange. Non vediamo l’ora di dirti tutto quando il tempo sarà giusto, ma per ora ci stiamo impegnando per far si che il gioco sia il migliore possibile. Siamo davvero grati per la tua pazienza dimostrata finora e vi chiediamo solo un altro po’ di tempo. Il nuovo gioco non sarà presentato all’E3 di giugno di quest’anno, ma guarderemo lo spettacolo al fianco di tutti e gli auguriamo buona fortuna!

Le parole espresse dai membri del Team non possono essere più chiare. Si stanno impegnando molto per far si che il nuovo titolo sia ai livelli aspettati dagli attuali 3 milioni di utenti di Life is Strange. Solo quando il gioco sarà pronto e perfettamente funzionante, ci verranno comunicati ulteriori dettagli.

Attualmente, questo titolo è presente anche nel Microsoft Store per Xbox One e su Amazon per PC. E voi avete mai giocato a questo titolo? Ditecelo nei commenti!

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Alessandro Perrone
Una macchina può fare il lavoro di cinquanta uomini ordinari, ma nessuna macchina può fare il lavoro di un uomo straordinario.