Dream League Soccer, il gioco per i Windows Phone di chi ama il calcio

Si sa, Pasqua è una di quelle poche occasioni fisse in cui prendere armi e bagagli, percorrere 600 chilometri, fare e disfare la valigia, vedere tutta la famiglia, aprire le uova che NON ti hanno regalato perché “ora sei troppo grande”, prendere per magia due chili, e ripartire. Non prima però di vedere come i tuoi parenti stanno usando i Lumia che hanno comprato sotto tuo suggerimento.

È così che ho notato che l’attenzione di mio fratello era calamitata sul suo Lumia 630 e ad essere aperta non era l’app di Windows Phone Lover.
Disonore! Infamia! Blasfemia! Ma qual è l’app che ha scavalcato, nelle priorità mentali di questo soggetto, l’imparagonabile WPL?

Un gioco di calcio.

Vi rendete conto?!
Un gioco di calcio!
Io non so neanche cosa sia il calcio!
Quindi l’ho obbligato a buttare giù almeno due righe che spiegassero che cos’è un passaggio, un cross, una rimessa dal fondo, e… no. Ovviamente gli ho chiesto le sue impressioni del gioco per fare cosa utile a voi, i nostri lettori che, a differenza mia (e di tutti gli altri editor del blog), hanno sognato da piccoli di diventare Maradona.

Il gioco in questione è Dream League Soccer (ver. 2.05) e l’unica cosa che vi posso dire io è che la grafica è veramente molto curata.
Ora lascio la “appcronaca” all’esperto.

Un gioco che sdoganizza il calcio anche su smartphone e lo fa con discreta cura dei dettagli senza sembrare mai banale e senza ricopiare palesemente i suoi predecessori più illustri.

Articolo precedenteArticolo successivo
Michele Lichinchi
Con la passione per la scrittura e maniaco di tecnologia, un esploratore dei recessi della comunicazione e dei suoi mezzi: un Indiana Jones dell'era digitale
  • cos’è quella cosa citata dopo la Xbox? Play? Boh…

    • Michele

      Quando me l’ha menzionata non ci ho fatto caso. Pensavo fosse uno di quegli strani termini che usano per il calcio come “corner”, “pressing”… No comprendo