[aggiornato] Facebook Messenger: l’app che arriverà

In rete, ormai da un po’ di tempo, circolano gli screenshot della futura applicazione Facebook Messenger per Windows 10 Mobile. Tutto oro quello che luccica? In realtà, a mio avviso, no. E il perché ci sia Belen in copertina lo scoprirete solo a fine articolo, così ve lo leggerete tutto! (*risata malefica*).

Bene o male si tratterà della stessa versione che ora è disponibile per Windows 10 “desktop”. Anzi, direi che è esattamente la stessa. Ora, sappiamo bene che le carenze di quella attuale sono molte: la nuova versione avrà tutte le funzioni attualmente presenti, o quasi, sulla versione per iPhone. Ed è quel “quasi” che mi spinge a scrivere questo articolo (ed era da un po’ che non scrivevo, vi sono mancato?).

Premetto che l’attuale beta, che solo pochi fortunati al mondo hanno, pare andare molto bene: non è totalmente esente da bug ma gira molto bene e si riesce a far tutto quello che viene descritto (a differenza di Instagram, tra l’altro già rilasciata, che è ancora molto carente nell’editare e nell’upload dei video).

Facebook Messenger: chiamate e videochiamate

Esatto: sono proprio queste funzioni a mancare attualmente. Il nostro Giuseppe Perri aveva fatto presente questa cosa dopo una sua particolare esperienza negli Stati Uniti d’America. Insomma, si tratta di un caso particolare (dai, non sono davvero così usate nel quotidiano… e ci sono davvero tante alternative!) ma che vi devo dire: ti accorgi che ti manca una cosa proprio quando ne hai bisogno.

Voi direte: ma sta per arrivare l’app nuova… sì, arriverà e mancheranno ancora chiamate e videochiamate. Guardate gli screenshot e, soprattutto, guardate la versione per PC.

Facebook_Messenger_Windows_10_Mobile_scr03

Voi ribatterete (quelli che come me hanno sempre speranza e fiducia): ma è ancora beta! Magari quando uscirà sarà completa… o magari sarà completa nel giro di qualche mese dopo l’uscita… (perché ormai anche i più fiduciosi mettono le mani avanti). Vi sembrerà strano sentirlo dire da me (o meglio: leggerlo scritto da me) ma io non credo, non in assoluto, ma non nel “breve” periodo. E spero di sbagliarmi.

Facebook Messenger: lo sviluppo

Lo sviluppo della nuova versione di Facebook Messenger, così come delle altre applicazioni della società (Facebook, Instagram e per ora nient’altro) vengono definiti “porting da iOS”. Si tratta di una semplificazione.

Oggi ho interrogato chi ne sa più di me, anche se non capisco molto di sviluppo software, provo a semplificare quel che mi ha detto (i developer mi perdoneranno per la sintesi grossolana):

  • si tratta di app Cocoa, ovvero applicazioni scritte per iOS (quindi, fondamentalmente, è il codice delle app di iOS)
  • nel caso di Facebook Messenger, l’attuale che vediamo è una versione meno recente rispetto a quella che è attualmente pubblicata sull’App Store di iOS
  • Osmeta, acquistata da Facebook nel 2013 è un ambiente di sviluppo, un compilatore, che traduce le librerie Cocoa in librerie Windows (questa probabilmente l’ho detta proprio male, ma abbiate pietà). Praticamente le librerie sono insiemi di funzioni che permettono all’app di interagire con il software (e l’hardware). Se l’app viene scritta in Objective-C (di cui Cocoa è il framework ed è il linguaggio in cui è stata scritta l’applicazione per iOS), ha bisogno e fa riferimento a determinate librerie. Se la prendiamo pari pari, la mettiamo dentro Osmeta, ecco che le librerie di Cocoa trovano corrispondenza con le librerie del framework di Windows così che quel che è stato scritto in Objective-C viene compilato come se fosse stato scritto in C# e XAML. Ed è bellissimo scrivere come se davvero sapessi di cosa sto parlando… Fela, davvero, non insultarmi, ho fatto del mio meglio!

*AGGIORNAMENTO*

Come potete leggere nei commenti, il signor Fela Ameghino mi ha subito bacchettato! Allora spiego meglio l’ultimo punto: Objective-C viene compilato (ovvero trasformato da istruzioni scritte in un linguaggio in un linguaggio macchina, i famosi 01100101010 per intenderci), tramite Osmeta, in un binario Windows. Difatti, Osmeta non fa un porting delle app iOS in app Windows, perché non viene riscritto il codice sorgente ma semplicemente ricompilato. Così come i giochi in Unity (che usa C#) che girano su iPhone non sono porting da Windows ma semplicemente compilati per iOS.

Osmeta infatti funziona anche con Android e Tizen (quindi compila il codice anche per i loro framework).

Insomma, Osmeta è la riscrittura del framework Cocoa per altri sistemi operativi, il framework sono le strutture su cui si appoggia una applicazione.

Il problema delle chiamate

Ora, dopo che avete più o meno, a grandi linee, capito di cosa stiamo parlando, passiamo al nostro problema: le chiamate. Perché non ci sono? Davvero è così complicato implementarle che per anni non l’hanno fatto e ora, nonostante gli sforzi per una app nuova, ancora lasciano da parte questa funzione relativamente importante?

No, in teoria le chiamate tramite internet non sono impossibili da aggiungere in una app per Windows, tant’è che ci sono sempre state: Skype, Viber, WeChat e, di recente, WhatsApp. Cosa accomuna queste app? Presto detto: utilizzano il protocollo VoIP  (Voice over IP).

Facebook Messenger, per motivi sconosciuti all’umanità, ha deciso di far passare le sue telefonate tramite protocollo WebRTC e, guardando anche il sito ufficiale, si può notare come in qualche modo ci sia dietro Google e, guarda caso, sono supportati (nel mondo mobile) Android e iOS senza menzione alcuna per Windows.

Non so dirvi se Microsoft, in questo specifico caso, possa fare qualcosa. Non so dirvi se è una cosa che, al di là del supporto ufficiale di WebRTC, Facebook possa “tradurre” anche quella parte di codice.

Non si tratta, almeno credo, di uno standard particolare di Bluetooth come fu per il GATT (usato solo da Fitbit praticamente…) che Microsoft doveva implementare per permettere ai braccialetti di ricevere le notifiche, cosa che arriverà con Redstone (Garmin, MS Band, Vector e altri usano altri standard per fare la stessa cosa, ed infatti funzionano già!), credo si tratti proprio del fatto che WebRTC debba rilasciare un qualcosa che si possa usare su Windows come ha già fatto per, ad esempio, iOS. E quindi poi Facebook dovrebbe aggiungere la cosa a Osmeta (o quel che è… davvero, non è materia mia per quanto mi piacerebbe…).

Facebook Messenger: conclusione

La speranza è l’ultima a morire, ma prima o poi anche lei schiatta ed è già abbastanza vecchia. Di certo, io non baso la mia scelta del mio smartphone sulla possibilità di fare una chiamata con Facebook Messenger (non le faccio nemmeno normali), nemmeno stigmatizzo chi invece lo fa: esigenze. Anche perché se no non userei Lumia da ormai 4 anni. A me Windows Phone (e 10 Mobile) piacciono per altri motivi, mi ci trovo bene con quel che c’era e ancora meglio con quel che c’è ora, non sento mancanze: se devo fare qualcosa e non ho un’app o una funzione, cerco un altro modo per fare quella cosa o non la faccio, e non ci crederete mai ma la mia vita procede con ottima salute: non muoio.

Certo, mi dispiace da un punto di vista “di fan” vedere come c’è sempre qualche problema (non che altrove non ce ne siano ma almeno non hanno milioni di blog che ad ogni dichiarazione, risultato, vendita o taglio di personale interpretano a modo loro e dichiarano morto un progetto, anche se la dichiarazione ufficiale dice tutt’altro, ma non ho voglia di tirare in ballo sto discorso che tanto è come sbattere la testa contro un muro di gomma).

Insomma, lascia un po’ l’amaro in bocca sapere che sarà un gioire a metà, come riuscire ad avere un appuntamento romantico con Belen proprio nella sera in cui le comincia il ciclo.

*AGGIORNAMENTO*

Tutta la questione su WebRTC va chiarita, sempre secondo indicazioni di Fela, per non creare ulteriore confusione: è un progetto a cui partecipa Google, ma è comunque un progetto opensource. Non è da escludere che, invece di lasciare rielaborare quella parte in Osmeta, vogliano svilupparla tramite un componente nativo per garantire performance migliori (cosa che dovrebbero fare anche per la parte relativa all’upload dei video in Instagram se fossero bravi e diligenti). Non a caso pare che già un annetto, ma nuovamente negli ultimi mesi, Facebook stia cercando sviluppatori RTC per Windows Mobile… speriamo! Dalle mie parti si dice: “se la carne non ti piace al sangue, gira la bistecca”.

Ringrazio Fela Ameghino per le lezioni di informatica! XD

Articolo precedenteArticolo successivo
Mariano Mercuri
Chiedere ragione, è la prima cosa che l'apprendista filosofo dovrebbe apprendere a fare. Là dove nessuno chiede ragione, come può la filosofia anche solo cominciare? La domanda "perché?" ci fa scoprire l'intreccio di etica e logica, su cui i filosofi si interrogano, da Platone a Husserl. Se l'etica è la logica dell'agire giusto, la logica è l'etica del pensare [Roberta De Monticelli]
  • Antonio

    Questo è in qualche modo quello che dobbiamo sopportare noi utenti Linux sul desktop, per quanto riguarda: Driver ufficiali, applicazioni chiave tipo Photoshop, Autocad etc.. Videogiochi di ultima generazione.. Quando si è in una posizione sfavorevole nel mercato vieni letteralmente ignorato..

    • Esiste sempre il dual boot o le macchine virtuali :)

      • Antonio

        Infatti, alla fine ci si arrangia in un modo o nell’altro..

  • Chissene quando mi ricapita di avere un appuntamento con Belen D: (sono saltato subito alla fine, ora leggerò per bene l’articolo)

  • Marco Cavina

    Se scrivo “porting” mi bannate? ? … Ok ora leggo l’articolo ?

  • Fabryzio

    Ciao, complimenti come al solito per gli articoli che scrivi e ben dettagliati.. Sei una risorsa! Per me questa storia del porting non mi è mai piaciuta.. Secondo me, si sono complicati la vita, peggiorando la situazione, che già era precaria! Pensando di accorciare i tempi, stanno solo allungando! Dovevamo per me, continuare lo sviluppo delle applicazioni già esistenti e migliorarle man mano, concentrandosi solo su quelle.. Almeno non dovevano stare a speranza di nessuno sul rilascio di quelle ufficiali.. A mio modesto parere messanger andava abbastanza bene.. Anzi per me è tra le migliori.. Dovevamo lavorare su questa attuale e aggiungere le funzionalità mancanti…stesso discorso per Facebook.. MICROSOFT l’ha sviluppata? Dovevano continuare a sviluppare questa e concentrarsi solo su questa.. Io ormai mi sono stufato e ho preso anche un Android di fascia alta e ho trovato finalmente la pace dei sensi però ad esempio sull’applicazione di Facebook una cosa la vorrei dire.. Su Android l’applicazione ufficiale di Facebook non fa sincronizzare le foto nella rubbrica come su windows mobile, devi per forza ricorrere su applicazioni esterne che svolgono questa funzionalità! Quindi, non sono tutte le cose negative solo su Windows mobile.. Concludendo quindi a mio parere dovevano concentrarsi solo ed esclusivamente sulle applicazioni già esistenti.. Funzionavano meglio e venivano sviluppate nativamente e probabilmente a questo punto si sbrigavano prima e alla fine avremmo avuto tutte applicazioni NATIVE e ben sviluppate..

    • Sai che nemmeno io la vedo proprio bene questa storia del porting? Cioè, ben venga se il lavoro viene fatto bene. Ma… non so, basta guardare Instagram. Bellina, ma funziona in maniera “starna”, rallentata, quasi come se capisse in ritardo le cose. Impressione solo mia?

      • Tommaso Scalici

        No, non è tua impressione. Anche io non vedo bene la storia del porting; sinceramente non vedo proprio di buon occhio tutti i tools che fanno “conversioni/traduzioni” da un linguaggio ad un altro o ASCG (cioè generano codice sorgente automaticamente).
        Non dico di non usarne, anzi, per un programmatore sono spesso fondamentali, a meno che uno sia un amante del copia/incolla frenetico o del re-inventare la ruota n volte. Diciamo che questi strumenti andrebbero usati con consapevolezza e soprattutto bisognerebbe controllare per bene il risultato finale, cosa che in questi porting non verrà quasi mai fatta, secondo me.

        • FrayxRulez

          Infatti Osmeta non fa questo ma compila semplicemente Objective-C in un binario Win32… Non c’è nessuna conversione o generazione di nulla

          • Tommaso Scalici

            Ah allora ok, non sapevo cosa fosse osmeta e mi ero affidato alla spiegazione dell’articolo che faceva sembrare fosse uno di quei tool di “conversione”. Ma se genera un binario Win32 come fa a girare su UWP?

          • FrayxRulez

            Per Win32 intendo semplicemente Windows ? comunque ho già detto a Mariano di sistemare quella parte

          • Tommaso Scalici

            Ahhh ok va bene ?

        • Ecco, perfetto. Qualsiasi cosa utilizzata con intelligenza diventa un plus. Putroppo mi sa che non sempre viene fatto.
          Allo stato attuale delle cose, non credo nemmeno dalle grandi aziende che vogliono provare a sbarcare da noi. Paradossalmente, forse, i “piccoli dev” saranno più accorti. Voglio sperarlo, quantomeno.

      • simone925

        A me va veramente bene… Come tempi di apertura su 950 siamo su quelli di galaxy s6!! Non noto rallenti o cose strane unica pecca per avere la versione a schermo intero devo assicurarmi di abbassare la barre con i tasti a schermo prima di avviarla altrimenti se la chiudo con app gia aperta rimane la barra nera vuota al posto dei tasti. Se la apro con la barra chiusa funziona alla perfezione.

      • Fabryzio

        Non è solo impressione tua..

  • a parte che c’è chi preferisce col ciclo, ma cmq penso che bisogna rassegnarsi a questo dato di fatto: di default, a w10 mobile manca una serie di cose; ma è anche vero che w10 mobile ha cose che altri non hanno. Di certo la situazione attuale è critica (sotto l’1% di diffusione) ma il fatto che cmq questo so stia continuando ad essere sviluppato e continuino ad uscire nuove app (anche se lentamente) mi fa stare tranquillo. Chiudo con qualche aneddoto: ieri ho visto la pubblicità di Trony, invitava a scaricare l’app e c’era anche il logo dello store Windows. Sempre ieri, un mio amico stava consultando l’app guida tv su uno huawei; l’ho cercata e l’ho trovata.

    • Bleach!

      • sono gli ifognari hahaha (Ho avuto la sfortuna di conoscerne)

        • ifognari.. iphonziani, tutti nomignoli che un tempo mi hanno sempre fatto simpatia.
          peccato avere la sensazione che ancora un po’ e farò parte della loro schiera..

    • simone925

      Guida tv e sky go ci sono mancano sky fai da te e un altro paio di app di sky

  • sapete cosa ho scoperto oggi?
    Che non è possibile utilizzare le casse del pc per ascoltare musica presente sul cellulare via Bluetooth. Voi direste “che problema c’è, attacca il cellulare via usb e vattela a prendere da li”.
    Sbagliato!
    e qui introduco la seconda menata di oggi
    La musica scaricata sul cellulare grazie ad una sottoscrizione Groove Music Pass non si può riprodurre sul pc, nonostante tenti di avviarla tramite Groove Music e sia il cellulare che il pc siano connessi ad Internet per permettere la verifica della validità della mia sottoscrizione.
    Vi sembra integrazione mobile/pc questa?

    • simone925

      Ma sei sicuro di avere il solito profilo sia su smartphone che au pc? A me sincronizza paure quelle scaricate su oc tramite free mp3 downloader…

      • Tralasciando il pairing audio Bluetooth tra smartphone e pc (che con il mio htc 7 mozart con windows phone 7.0 potevo fare… ma vabbè) mi accontenterei di poter ascoltare la musica sul cellulare collegato tramite il cavo usb.
        Ma proprio qui sta il problema. Se fosse musica “scaricata” priva dei DRM sicuramente potrei avviarla… anche solo con VLC potrei farlo.
        INVECE paradossalmente, è proprio la musica protetta da DRM di MICROSOFT GROOVE, che io pago per avere e poter scaricare, che non posso ascoltare su un pc connesso allo stesso account che ha sottoscritto l’abbonamento. In più neanche avviandola con l’app GROOVE installata sul pc e ovviamente sincronizzata posso ascoltarla…. nonostante nel catalogo, che ripeto essere sincronizzato, ci siano gli stessi brani che ho sul cellulare.
        Più chiaro ora? :)

        • simone925

          Praticamente te la musica la vedi ma non la puoi ascoltare?!

          • Esatto

          • simone925

            Strano… Tanto!! Però non ti posso essere di grande aiuto perche uso spotify…

    • non ho capito, come si fa ad usare le casse del PC come casse Bluetooth? (intendo con telefoni che lo supporterebbero).
      E poi (non è legato alla prima domanda che è seria, ma una considerazione personale), se hai groove music pass, perché mai dovresti fare una cosa del genere? non hai il tuo account sul PC? E, in caso non ci sia il tuo account, perché non ci vai da browser?
      Ora non ricordo bene, ma mi pare che io la musica scaricata offline sul telefono (ho anche io gmp) riuscivo ad ascoltarla anche su PC…

      • Parlo per esperienza personale e anche su google ci sono tracce di questa funzionalità.
        Fino a quando le cose sono evidentemente cambiate, era possibile far uscire l’audio del cellulare dalle casse di un pc ad esso connesso via Bluetooth. Io stesso ci riuscivo con il mio vecchio htc 7 mozart con windows 7.x a bordo su pc windows versione 7 (se non ricordo male, ma forse era già 8.0)
        (qui per esempio in un articolo neanche troppo vecchio http://www.windowsblogitalia.com/2015/06/come-telefonare-e-ascoltare-musica-sul-pc-tramite-windows-phone/ articolo di un blog concorrente… editatemi se ritenete giusto)
        Che sia una funzionalità mancante lato pc e non lato smartphone? Eppure ci sto provando su un dell xps 13… non su un netbook di quarta categoria..
        Comunque con windows 10 pro + windows 10 mobile non insider su Lumia 930 ad oggi è una funzionalità non disponibile. Allego lo screenshot della stessa schermata w10 corrispondente a quella presente nell’articolo linkato. Come si può vedere mancano molte funzioni. oltre a quella dello share delle casse manca anche quella delle chiamate in ricezione (ma sappiamo che basterà aspettare Cortana per riavere quest’ultima giusto?) E’ invece presente l’inedita funzionalità che permette di usare la tastiera e il mouse del pc per controllare lo smartphone (compare la freccetta del mouse sul lumia e si può scrivere usando la tastiera! davvero molto bello)
        Venendo al tuo secondo quesito.
        Hai ragione e infatti il mio è un caso un po’ particolare.
        Per metà della mia settimana non sono sotto copertura wifi quindi utilizzo i gighi di Vodafone in tethering. Ovviamente potrei scaricare la musica non solo sul cellulare ma anche sul notebook che mi accompagna sempre… ma è un dell xps 13 con 256 gb di ssd che è occupato per gran parte da quanto mi serve per lavorare (adobe + tutto quello che produco con adobe) e di spazio ne rimane poco…
        Quindi già che sul cellulare, li si, ho molta musica scaricata non sarebbe male poter ascoltare quella ma non dal cellulare, bensì dalle casse del pc!
        In questo modo avrei una qualità audio migliore, non dovrei avere con me molteplici copie in locale di brani, eviterei di consumare traffico dati, potrei dare un senso al mio fanboyismo.
        Se provo ad avviare la musica che vedo sul cellulare collegato al pc via usb groove mi restituisce un avviso del tipo “verifica di aver aggiunto questo brano alla raccolta bla bla bla”

        PS EDIT
        la cosa che mi ferisce è che queste limitazioni le ho con musica scaricata con GMP e che voglio riprodurre su dispositivi connessi al medesimo account MS! Sono sicuro al 99,9% che se fosse musica scaricata illegalmente potrei fare tutto senza problemi.

        • sicuro che il problema delle casse audio sia dovuto a windows 10 mobile e non a windows 10 desktop?

          • ho appena provato, stesso pc ma smartphone diverso, un lumia 830 con windows 8.1. Niente da fare, la schermata di controllo delle funzionalità Bluetooth è la medesima.

          • prova anche con un Android e un iphone, secondo me è pc che non lo ha più

    • 1) Il problema del Bluetooth è dovuto al ricevitore (quindi il PC) che ha un modulo Bluetooth che non supporta la chiamata (il protocollo vivavoce). In questo caso quindi non gli passa nemmeno l’audio. Probabilmente il massimo che puoi farci è trasferire file tra i due dispositivi.

      2) Il problema che dici te, se ho capito, è che vorresti scaricare la musica da GMP e ascoltarla come un file normale ma questo non è possibile perché sono file musicali protetti da DRM! Quindi sostanzialmente riproducibili solo sul device proprietario, solo col tuo account e solo con l’app Groove. Se vuoi ascoltare la musica sul PC, devi scaricarla con Groove DAL PC e riprodurla con quello :-) tanto hai l’abbonamento! Certo il problema si pone, in effetti, ma è un esigenza un po’ particolare che avrebbe anche poco senso. Hai provato a collegare via cavo l’uscita delle cuffie del Lumia con l’entrata del microfono del PC?

      • quindi il drm è legato al dispositivo non all’account GMP? cavolo non me lo aspettavo
        Dovrei effettivamente provare l’ultima soluzione possibile, il cavetto dentro l’ingresso mic :) non ci avevo pensato :3

        • Ora non so di preciso come funzionano i DRM di GMP ma a quanto sperimentato da te, sembra proprio così!

  • simone925

    A scopo informativo… Mi sto informando perche a quanto pare ci sono spiragli per ricevere le app mancanti, presenti o meglio aggiornati su altri so che implementano servizi a pagamento. Es. Sky che ha solo due delle 4/5 app in realtà disponibili per gli altri so può essereci uno spiraglio per ricevere anche noi le app disponibili, soprattutto ora che c’è il bridge da ios in quanto anche noi utenti Windows paghiamo un abbonamento sky (e con esso anche tutti i servizi offerti da sky, infatti per usare l’applicazione serve un abbonamento attivo di sky) ed per questo dovremmo avere gli STESSI servizi di chi paga come un utente windows e usa un device android. Stessa cosa per banche, premium…

  • Luca Serri

    Ma se ha il ciclo non è un problema, perchè comunque chi esce con Belen lo fa perchè apprezza la sua simpatia e la sua personalità… (come no :D )

  • Molto chiara la spiegazione, tecnica al punto giusto. Davvero utile la parte sui ptotocolli. Teniamo in vita la speranza, anche per questa particolare funzione (di certo non indispensabile). E buona fortuna per l’appuntamento romantico ?

    • ahahah sono già fidanzato, non ho un appuntamento con Belen! Tra l’altro ai miei occhi è molto più bella di Belen (sicuramente più intelligente e seria, ma la ruffianata è d’obbligo perché a volte ci legge). Comunque grazie! Non essendo un informatico (se non per qualche anno di liceo in cui ho studiato giusto un po’ di C, nulla a che vedere con lo sviluppo delle app e dei programmi di oggi..) non è stato facile spiegare qualcosa che nemmeno io capisco fino in fondo…

  • Stefano Disabato

    Va più che bene così e con futuri aggiornamenti chissà incrementino le stupide chiamate mai usate e che se proprio si vogliono fare c’è skype con ancor maggiore numero di clienti e funzioni soprattutto