From inside the cloud: sono davvero al sicuro i nostri dati?

Spesso una delle preoccupazioni di chi si affida a sistemi di cloud storage è la sicurezza. Dove sono i nostri dati? Chi può accedervi? Quanto sono protetti? Vivek Sharma (lead Office 365 engineer di Microsoft) ce lo spiega nel primo episodio della rubrica “From inside the cloud”.

Frominsidethecloudep1-Maintenance

La prima cosa su cui ci rassicura è che praticamente nessuno ha accesso fisicamente ai dati. Le uniche persone che possono accedervi sono i ragazzi del team di manutenzione (per ovvie ragioni). Allo stesso tempo quest’ultimi non possono scoprire dove i nostri dati risiedono tra le miriadi di partizioni e dischi che compongono il cloud, perché non sono amministratori di esso.

Frominsidethecloudep1-Virus

Cosa succederebbe se qualcuno rubasse il disco su cui risiedono i nostri dati? Grazie a sistemi come BitLocker i dati vengono immediatamente cancellati se il supporto su cui risiedono viene estratto dal sistema. E se qualcuno tentasse di inserire nel cloud virus e altri tipi di minacce informatiche? C’è AppLocker a difenderci, impedendo l’esecuzione di tutto ciò che non è in whitelist.

Frominsidethecloudep1-Team

I sistemi di sicurezza sono in costante evoluzione e quotidianamente il team esegue test e tentavi di penetrazione, organizzandosi in due squadre: una rossa che tenta di entrare sfruttando tutto ciò che l’informatica consente e una blu che cerca di impedirlo. Lo scopo è quello di eliminare qualsiasi falla ci possa essere e rendere sempre più sicuro il nostro cloud.

Una rubrica davvero interessante che vi invitiamo a guardare per intero nel video allegato (in inglese).

FONTE Informazioni: Microsoft

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Alessandro Del Grano
If something is expensive to develop, and somebody's not going to get paid, it won't get developed. So you decide: Do you want software to be written, or not? - B. Gates