Ecco come funziona il Near Share introdotto nelle ultime build [video]

near-share-windowslover
Near Share si ripropone di permettere uno scambio veloce di qualsiasi tipo di file tra due dispositivi vicini tra loro, scopriamolo in video!

Microsoft presenta Near Share

Introdotto con la build insider 17035 ancora poche persone hanno avuto modo di testarlo direttamente: servono almeno due dispositivi entrambi impostati con Insider Fast aggiornati all’ultima build. Neceassario, ovviamente, anche che siano vicini tra di loro per poter comunicare.

Presto sarà più facile testare questa feature che inizierà ad essere veramente utile quando Redstone 4 verrà rilasciata a tutti e si diffonderà nei PC di tutto il mondo.

Oggi grazie a Jen Gentleman, software engineer di Microsoft particolarmente attiva su Twitter e propensa a mostrare esempi e raccogliere feedbakc riguardo le ultime novità introdotte, possiamo vedere il Near Share in funzione.

Ecco a voi il video:

Attenzione! Se da applicazione non riuscite a vedere il video, cliccate qui per vederlo nel browser o nell’app di Twitter.

Come funziona

Come avete potuto vedere, non è nulla di complicato. Lo scambio avviene tramite Bluetooth, è quindi necessario che entrambi i PC lo supportino, lo abbiano attivo e si trovino entrambi nel raggio d’azione di questa tecnologia. Testarlo è semplice: come detto sopra, un requisito è la build 17035 o superiore. Se installata, nei Quick Settings (presenti nell’Action Center) trovete il pulsante per attivare il Near Share. In una qualsiasi applicazione cercate l’icona “Condividi“: tra la lista dei contatti di MyPeople e le applicazioni dovreste trovare in nome dei PC a cui è possibile trasmettere il file. Un click ed il gioco è fatto.

Utile ma da migliorare

Come avete potuto vedere, Near Share compie il suo dovere e lo fa in modo discreto. Nel condividere un link il processo è stato immediato mentre per quanto riguarda l’immagine il tempo richiesto è stato maggiore – secondo me troppo. Sicuramente con il passare del tempo e delle build questi passaggi verranno velocizzati, almeno si spera! Inoltre, sarebbe molto utile poter sfruttare il Near Share non solo in modalità PC-PC ma anche PC-Smartphone. Per ora Microsoft si sta concentrando sul primo metodo, ma la stessa Jen ha confermato rispondendo ad un tweet che si stanno attivando per collegare anche i telefoni.

Near Share mi piace e lo ritenfo davvero utile. Concordate o pensate che se ne possa fare a meno? Fatecelo sapere!

fonte: Twitter

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo