L’ultimo update di Groove Musica introduce la “mini-view”

Groove musica testata

L’update, arrivato per tutti, introduce la “mini-view” in Groove Musica sfruttando le API di CompactOverlay.

Il test è finalmente terminato e la funzionalità è disponibile per tutti gli utenti. Permette di ridurre Groove Musica ad un bel “quadratino” spostabile e ridimensionabile, che rimarrà in primo piano rispetto a tutto. La funzione sfrutta la nuova feature “CompactOverlay” che viene sfruttata ad esempio anche da Skype.

Molto utile per avere sempre a portata di mano (o di mouse) i controlli musicali e se ci piace gustarci le immagini dell’artista durante la riproduzione (o la cover dell’album). Tuttavia è anche ridondante, visto che i controlli musicali sono già integrati nell’icona dell’app nella barra delle applicazioni! E, non dimentichiamolo, anche nel controllo del volume (ma che brutto ancora in stile Windows 8).

Groove Musica controlli Windows

Per attivare la miniview dovremo entrare prima nell’area “Riproduzione in corso” usando il menu oppure cliccando in basso sul brano in riproduzione. Quando siamo in questa area potremo attivare la nuova visuale cliccando sull’apposito tasto in basso a destra.

Groove musica miniview Windows Lover

La miniview ci permette di mettere in pausa e riprendere un brano, andare al brano successivo o precedente e chiudere l’app. Per tornare alla visuale normale dovremo di nuovo premere l’apposito tastino in basso a destra.

Cosa ne pensate di questa funzione? La userete?? Fatecelo sapere nei commenti!

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Francesco Tili
When you change the way you see the world, you'll change the world you see - S. Nadella
  • Groove Musica è solo un Windows Media Player che non ha smesso di crederci…

    • Ma gli mancano ancora gli effetti di SRS e stupidatine varie tra cui l’alchimia (mi piacerebbe un visualizer come quello di Monstercat visto che adesso sto andando con Rainmeter) anche se lo trovo molto più in miglioramento rispetto a Windows Media Player che durante la sua vita non è che ne abbia introdotti tanti di nuovi.

      • Ragazzi ma Groove è un’app moderna suvvia… È semplice! Io non tocco un CD da 3 anni, a chi serve il ripping? È orientata alla musica digitale, allo Store… Il visualizer serve a poco, chi si mette a guardare un app di musica? L’unica cosa che manca veramente è un equalizzatore integrato, ma probabilmente lo metteranno a livello di sistema

        • A livello di equalizzatore e gestione dell’audio, non solo nel sistema, ma anche in Groove siamo indietro anni ma anni luce.
          Poi i CD ci sono ancora: vai ad un qualunque concerto e lì ti trovi il disco non l’USB protetta da scrittura.
          Per la musica digitale ho da ridire: attualmente ne ho visti pochi/nessuno di album scaricabili singolarmente senza passare per Groove Pass ed è una pecca perché da quanto ricordo anche Itunes permette la vendita singola (almeno che non abbia cambiato).
          Poi il visualizer non è che sia una così grande stupidaggine: pensa che hanno ricreato un canale identico a quello di Monstercat solo per mettere il vecchio visualizzatore e non è che facciano poche visual.
          Sul rippare i CD ti do ragione: ogni volta che si rippa si perde qualità a meno di non fare un bel filone da 320 kbps ogni volta che comunque ha una perdita od un bel flac da 10 mb a canzone (erano 10? Io vado ormai di MP3 a 320 quindi non so…).

          • Nono tutti gli album sono acquistabili singolarmente (anche le tracce volendo). Comunque io dico: non dovete vedere Groove musica come WMP, cioè è un app diversa e più moderna. Non serve aggiungere queste funzioni secondo me, non sono prioritarie… anzi ci sono altre app a cui dovrebbero aggiungere cose ben più urgenti 😁

          • Io provo a fare scarica e mi chiede Groove pass. Sullo store ho visto l’acquisto singolo ma su Groove… Il ripping serve ed è proprio una carenza di Windows/Microsoft: quando inserisci il CD proprio lui ignora Groove e ti avvia in AUTOMATICO WMP.
            Sull’estetica non dico niente a Groove: molto comodo da usare e la modifica delle info degli album posseduti nel 70% dei casi funziona correttamente.

          • Certo il download offline richiede groove music pass… ma se l’acquisti dallo store poi te lo ritrovi in groove e puoi anche scaricarlo

          • E’ questo che intendo: in Groove dovrebbero darti la possibilità di acquistarlo singolarmente invece ti spiaccicano Groove e basta. Basterebbe mettere sotto l’annuncio una scritta sotto -non ora- -acquista album singolarmente-

          • Ma Groove non è uno Store… E se non sbaglio ci sono già dei link allo Store.
            Cioè posso capire che ti piacerebbe una maggiore integrazione, ma hanno anche fatto bene a tenere separate le due cose secondo me

          • Secondo me sarebbe stato meglio invece spostare la vendita singola di canzoni anche su Groove. Bastava anche solo un link allo store nel caso loro (MS) non volessero unire le 2 vendite.
            Io poi non vedo i link allo store: c’è -scarica- e lì si avvia l’idoneità per Groove e la proposta per Pass.

    • Federico

      Gli manca tutta la gestione streaming dlna, la riproduzione CD, il ripping. Insomma groove è come la parte ridotta di wmp

    • fiorenza

      io la uso x tf e va benissimo,Windows Media Player..sara vecchia ma io la trovo molto buona..

  • Alessio

    Buono! Peccato che all avvio la canzone ci mette diversi secondi prima di partire

    • A me nessun problema. Eppure ho un 7200 giri con un Windows 10 che ho quasi distrutto (per cercare di correggere Edge ho ripreso tweaking Repair che sull8 e 7 era un toccasana ed adesso l’avvio avviene in 90 secondi -secondo Wise perché io ne conto molti do più-)

  • Riproduci in minivista è molto comodo, ma manca la possibilità di spostarsi all’interno della traccia (c’è la linea di progressione della canzone ma non è modificabile). Hanno poi risolto il problema che quando inserivi una canzone nella playlist e lui vedeva che la canzone era già stata inserita ti dava un messaggio di errore.

    • Nota forse negativa è che sento l’audio con alti squillanti dopo ogni cavolo di aggiornamento (presente le cuffiette JBL da 30€ che manco per il cavolo assomigliano alle on ear? Ecco!)