Hacker sfruttano l’attesa di Windows 10 per inviare email infette

Ci risiamo. Alla piccolezza umana non c’è limite. L’ultima è che un gruppo di hacker ha pensato di sfruttare l’attesa di Windows 10 per fare phishing e infettare pc.

L’aggiornamento a Windows 10 sta registrando numeri da capogiro, con più di 16 milioni di dispositivi aggiornati al giorno. Un numero impressionante se si pensa che ogni volta vengono scaricati in media 5/6 GB di file più tutto lo sforzo che i server Microsoft devono fare in fase di autenticazione e configurazione del singolo account.

Detto questo, è normale che i tempi per ricevere l’aggiornamento si prolunghino e proporzionalmente aumenti la trepidazione degli utenti che non vedono l’ora di riceverlo. E proprio quest’ultimo punto debole che un gruppo di hacker non meglio precisato ha sfruttato per arricchirsi alle spalle della gente.

 

Finte mail da Microsoft

In sostanza, viene inviata una mail che, sotto mentite spoglie di Microsoft da un falso indirizzo update@microsoft.com, invita a scaricare l’allegato, che altro non è che un CTB-Locker (un ransomeware o un tipo di malware) che bloccherà foto e file personali e chiederà, per sbloccarli, l’esborso di una quantità di denaro via Bitcoin o Tor entro un limite di tempo di 96 ore.

CTB-Locker-550x362

La smascherabilità della mail è però facile se si nota che, tra l’atro, manca il logo Microsoft, non sono codificati alcuni caratteri accentati e speciali, che la mail si auto-dichiara scannerizzata da antivirus (quando mai?) e soprattutto che ha un allegato.

Character_errors

In ogni caso, non aprite mai questo tipo di email e soprattutto mai, in generale, gli allegati delle mail ricevute da mittenti sconosciuti.

Lo ripetiamo: l’aggiornamento è definitamente pronto quando si riceve la notifica di Microsoft dal programma “Ottieni Windows 10” presente sulla barra delle applicazioni. Non viene inviata nessuna email!

 

Quindi, per chi non ha ancora Windows 10, non vi resta che attendere la notifica di aggiornamento tramite l’app “Ottieni Windows 10”. Altrimenti, se proprio non ce la fate più ad aspettare, seguite questa guida per un’installazione pulita, dove trovate anche le indicazioni per scaricare Media Creation Tool che permette anche di aggiornare senza cancellare i vostri dati.

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Staff
One love, one staff, one vision! - Seguiteci anche su Facebook e Twitter -
  • Ma ✔ᵛᵉʳᶦᶠᶦᵉᵈ

    Cracker non hacker, i primi fanno quello che fanno i secondi ma solo per lucro, gli hacker per “ci sono riuscito e ti faccio notare le falle di sicurezza”.

    • Michele

      Sarai d’accordo anche tu che la maggior parte delle persone avrebbe capito che si parlava di salatini con “cracker” ?

      • Alessandro

        Ah ah ah ah. Grande. ?

      • Sal Cantali

        ??? hihihihihi

      • Ma ✔ᵛᵉʳᶦᶠᶦᵉᵈ

        Ho capito, ma se si continua a chiamare le persone col nome sbagliato si continuerà a far credere alla gente che gli hacker sono i cattivi :P Se sei Michele, ti chiamo Michele, non ti chiamo Filippo.

    • Ma i cracker craccano semplicemente i programmi e gli OS no? Mentre hacker è una più vast definizione

      • Luca Serri

        Hacker è chi lo fa solo per svago o a fin di bene senza fare danni, cracker chi se ne approfitta per trarre vantaggio. Sostanzialmente la differenza è questa.

  • C’è gente che ci casca!

    • gente che vedeva messaggi simili su pagine web per mac e pagava… ma in realtà bastava cancellare la cronologia di Safari…

      • Ma ✔ᵛᵉʳᶦᶠᶦᵉᵈ

        Perchè i 100 euro per il virus della polizia di stato (col logo della gdf e traduzioni alla buona)? :P Dubito sull’intelligenza dell’utente medio che utilizza internet :P

        • jacopo pacelli

          Anche io -o-

  • Ecco fantastico, mio papà ci cascherà di certo
    C’è un modo indolore per rimuovere questo malware?

    • jacopo pacelli

      Credo di no ☹

  • lore_rock

    La cosa peggiore é la facilità con cui si può prendere un virus di tale gravità….