Hunger Games – Panem Run: il gioco ufficiale

Hunger Games – Panem Run è un gioco, sviluppato da Reliance Games (anche se nel nostro Store compare come Zapak Mobile Games) ispirato al secondo episodio cinematografico della saga Hunger Games :Catching Fire (la ragazza di fuoco). Meglio tardi che mai…

Si tratta di un endless runner come già ce ne sono tanti sullo Store (Temple Run, Sonic Dash, Rail Rush, Subway Surfer, Cattivissimo Me Minion Rush etc.). In questo caso corriamo tra i distretti di Panem (al momento solo 3, così come su tutti i sistemi operativi, in attesa di aggiornamenti). L’obbiettivo è quello di raccogliere materiali (specifici per ogni distretto) e di migliorare i nostri potenziamenti e frecce da scoccare in particolari tratti della nostra corsa.

Il titolo ha una buona grafica, gira molto fluido (qualche rarissimo impuntamento sul mio 1020, ma cosa da poco che non ne compromette la giocabilità e, tra l’altro, prevedibile dato l’hardware ormai vecchiotto del mio terminale).

Il gioco in sé, come si è capito, non è nulla di innovativo, ma chi ama il film e il romanzo non può evitare di scaricarlo e giocare per ore guidando la rivolta di Panem contro Capitol City.

Rispetto alla versione iOS e Android mancano i collegamenti ai social per condividere e confrontare i risultati con gli amici.

Francamente l’anno di ritardo e la mancanza del gioco ispirato al terzo capitolo sono trascurabili. Per iOS e Android è stato rilasciato dalla Funtactix il gioco ispirato a Mockingjay part 1 (the Hunger Games Adventure) e, francamente, non lo trovo così entusiasmante. Si tratta di un gioco in inglese dalla grafica “fumettosa” di cui esiste anche una versione Facebook (tra l’altro non sincronizza i progressi).

Insomma, se anche voi sentite nel cuore il canto della ghiandaia imitatrice, il link per supportarla è qui sotto, dopo il video trailer:

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Mariano Mercuri
Chiedere ragione, è la prima cosa che l'apprendista filosofo dovrebbe apprendere a fare. Là dove nessuno chiede ragione, come può la filosofia anche solo cominciare? La domanda "perché?" ci fa scoprire l'intreccio di etica e logica, su cui i filosofi si interrogano, da Platone a Husserl. Se l'etica è la logica dell'agire giusto, la logica è l'etica del pensare [Roberta De Monticelli]