Intervista a Manuel Pezzera, lo sviluppatore di TrenInfo

Conosciamo meglio Manuel, il giovane sviluppatore dietro a TrenInfo, una delle migliori applicazioni per i pendolari italiani! TrenInfo è un’ottima applicazione per consultare gli orari dei treni di tutta Italia, con alcune funzionalità esclusive e geniali. Manuel ha implementato anche delle statistiche sui treni, sui ritardi e un’ottima parte social per tenersi aggiornati o conoscere qualche altro pendolare nel nostro stesso treno. Ogni treno ha un indice di affidabilità calcolato in base ai ritardi dei giorni precedenti, con ulteriori dati come numero di volte in cui il treno è stato soppresso o la votazione che gli utenti hanno assegnato a quel treno.

È in arrivo la nuova versione (la numero 5) di TrenInfo che porterà alcune novità e che non mancheremo di recensire in modo approfondito! Ma ora conosciamo insieme Manuel Pezzera, buona lettura.

Domanda #01

WPL: Ciao, raccontaci qualcosa di te e del tuo team, se ne hai uno. Qual è il tuo percorso di studi e come hai cominciato a sviluppare?

Manuel: Ciao! Mi chiamo Manuel, ho 22 anni, sono al 1° anno della laurea magistrale in informatica all’università di Milano e, ovviamente, sono un pendolare. Attualmente sono anche docente di laboratorio presso l’università di Milano-Bicocca. Programmo da quando ho 16 anni e ho iniziato a sviluppare su Windows Phone circa un anno e mezzo fa, proprio con TrenInfo. Questa applicazione rispecchia due mie grandi passioni: l’informatica ed i treni (non prendetemi per pazzo). Ho un piccolo team formato da me e un mio fidato amico designer, quindi (ahimè) sono l’unico programmatore.

Domanda #02

WPL: Perché proprio Windows Phone? Abbiamo fatto una ricerca e la tua app TrenInfo non è presente né su Android, né su iOS. Per quale ragione hai scelto questa piattaforma? Quali sono i pregi e i difetti del nostro OS che hai incontrato durante lo sviluppo?

Manuel: La risposta è la più banale possibile. TrenInfo è nata per una mia esigenza: io dovevo essere il primo utente e io avevo (e ho tutt’ora) un Lumia, quindi la scelta non poteva essere che sviluppare per Windows Phone. Premetto che non ho mai sviluppato per iOS quindi non posso dire nulla a riguardo, ma con Android ci ho fatto la tesi e se ci penso mi viene ancora da piangere. Ritengo Windows Phone, almeno come sviluppatore, decisamente migliore di Android.

Domanda #03

WPL: Che io sappia, Trenitalia non ha ancora rilasciato delle API pubbliche, come avete fatto a sviluppare questa applicazione? Raccontaci un po’ i dietro le quinte e se avete avuto difficoltà.

Manuel: È giusto e senza API non ci sono molte alternative. TrenInfo si scarica l’intera pagina web di Trenitalia ed estrae da essa le informazioni che servono. Questo tipo di approccio è rischioso, chiaramente, perché se Trenitalia cambia una virgola nella pagina, io devo rifare tutto. Una volta, per questo motivo, ho dovuto programmare in treno dalle 6:30 del mattino per risolvere più in fretta possibile un problema. Con Trenitalia, poi, ne capita una ogni giorno: ho trovato treni che secondo il loro sito viaggiavano nel tempo (ho ancora la foto se non ci credete) o scomparivano nel nulla, questo non ha sicuramente facilitato il mio lavoro. La difficoltà più grande è quella del tenere allineato il nostro database con quello di Trenitalia: essendoci 11.000 treni, ogni volta che si passa dall’orario invernale a quello estivo o viceversa bisogna andare a controllare quali corse sono cambiate o se sono stati aggiunti nuovi treni.

Domanda #04

WPL: Ultimamente aprendo l’app si nota un bellissimo splash-screen con un’anticipazione della nuova versione, quali sono i progetti e le funzionalità che state implementando? Per quando è previsto il rilascio?

Manuel: L’obiettivo di TrenInfo 5 è di portarsi via alcuni errori dovuti alla mia inesperienza, per questo è stata rifatta tutta la parte grafia ed il peso dell’app è passato da 11 a 4 MB (non so nemmeno io come ci sono riuscito). Ho cercato di sviluppare nuove funzioni sia per i pendolari che per i viaggiatori occasionali. TrenInfo vuole diventare il punto di riferimento non solo per i treni, ma anche per metropolitane, pullman e tram, e con la versione 5 cominciamo i primi passi verso questa direzione. Per il rilascio, diciamo che “quando è finita, esce” perché sono già in un ritardo pazzesco sulla tabella di marcia. Non do troppe anticipazioni, ma vi lascio qualche immagine, ci penseranno loro a parlare. Posso dirvi, però, che insieme a TrenInfo 5 uscirà anche “Trasporti in Emilia-Romagna” e che sto cercando beta-tester!

Domanda #05

WPL: Hai una persona che si occupa del design di TrenInfo, chi è e come l’hai conosciuto? Si può avere un assaggio della nuova grafica?

Manuel: Si chiama Alberto Clarari, è laureato in design industriale e ci siamo conosciuti anni fa giocando online. Fortuna vuole che abitiamo vicini così possiamo incontrarci (cioè ammazzarci di lavoro) per discutere della grafica. Vi mostro come sono la pagina principale e i nuovi menu, ma vi premetto che la grafica cambia ogni 12 ore circa perché non è ancora definitiva.

Image_1b

Domanda #06

WPL: Cosa ne pensi di Windows 10 e dell’integrazione con il mondo desktop? Avete in progetto un’app universale che funzioni anche con il desktop o tablet o, magari, HoloLens?

Manuel: Le premesse di Windows 10 sono ottime, tuttavia rimango titubante su alcune cose. Ad esempio ritengo che esistano applicazioni strettamente legate all’ambito mobile e applicazioni strettamente da PC. Per questo probabilmente non faremo l’app universale per TrenInfo perché non è pensata per essere usata dal PC. Ho studiato, infatti, TrenInfo per far sì che sia utile a chi si sta muovendo o è in stazione ad aspettare un treno, quindi molto spinta sulla parte di geo-localizzazione (in TrenInfo 5 questo si vedrà ancora di più), utilizzandola da PC questa parte viene persa. Ma mai dire mai, magari un giorno avendo tanto tempo libero…

Domanda #07

WPL: Posso definire geniale la tua idea di Tracy, l’assistente personale interna alla tua app? Come ti è venuta questa idea e perché non chiamarla Cortana o integrarla tramite comandi vocali?

Manuel: penso che l’idea di Tracy mi sia venuta proprio dopo aver visto Cortana, ma l’origine del nome rimarrà segreta (se la svelassi perderei metà degli utenti probabilmente). Per i comandi vocali faremo l’integrazione con Cortana visto che l’hanno chiesta in molti, ma per ora ho preferito dare la precedenza ad altre funzioni più utili per i viaggiatori. Anche perché, detto onestamente, quanti si metteranno in stazione a parlare al proprio telefono dicendo “TrenInfo dimmi il prossimo treno per Milano”?

Domanda #08

WPL: Quanti utenti utilizzano quotidianamente la tua applicazione? Quanti messaggi vengono scambiati nella sua parte social? È difficile gestire le lamentele degli u-tonti o di chi si lamenta dei ritardi (ovvi) della nostra compagnia ferroviaria?

Manuel: Siamo intorno ai 9-10 mila utenti al giorno, ma purtroppo pochi utilizzano la chat, la parte social verrà sviluppata molto a partire da TrenInfo 6. Stranamente abbiamo poche lamentele (per non dire quasi nessuna), grazie anche alla “chat con lo sviluppatore” che dà ad ogni utente la possibilità di farmi domande e segnalare problemi. Per questo, infatti, ho avuto segnalazioni da parte di oltre 200 utenti diversi e ciò mi ha aiutato molto nello sviluppo.

Domanda #09

WPL: Ok, ora una classica domanda stupida. Sei su una torre e hai uno smartphone Windows Phone, uno Android e un iPhone. Quale sarebbe l’ordine col quale te ne sbarazzeresti e perché?

Manuel: prima getteri l’iPhone, per quanto buono possa essere penso che uno smartphone non debba arrivare a costare così tanto. Poi l’Android, per vendicarmi degli incubi che mi ha fatto avere durante la tesi. E infine, ovviamente, il mio Windows Phone me lo tengo!

Domanda #10

WPL: Visto che ci siamo, immagina anche questo: dopo aver sfiorato il tuo Windows Phone, come Aladino con la lampada, il capo di Microsoft appare innanzi a te magicamente. Cosa gli chiederesti?

Manuel: Ho uno spirito da ricercatore, quindi gli chiederei di poter entrare a far parte di qualche loro gruppo di ricerca, possibilmente sull’intelligenza artificiale, ambito che mi interessa molto.

Conclusioni

WPL: L’intervista volge al termine, vuoi inviare un saluto personale ai nostri lettori e ai tuoi potenziali nuovi utenti?

Manuel: ci tengo a salutare e ringraziare soprattutto tutti coloro che attraverso segnalazioni e consigli hanno contribuito a rendere TrenInfo quella che è oggi. Ci vediamo in treno!

Bene, ringraziamo anche noi Manuel per questa gradevole chiacchierata. Abbiamo conosciuto un ragazzo che è riuscito a dedicare tantissime ore di lavoro in questa applicazione, andando a colmare le lacune di Trenitalia e ascoltando il feedback degli utenti. Sono pochi gli sviluppatori capaci di tutto ciò, mantenendo i propri prodotti gratuiti (TrenInfo è completamente gratuita) e costantemente aggiornati.

Oltre alle schermate viste precedentemente, Manuel ci ha inviato anche una anteprima di due nuove funzionalità: le schede tecniche dei treni e le schede sulle stazioni.

Image_2b

Funzionalità sicuramente interessanti! Se avete consigli, problemi o suggerimenti, commentate pure qui sotto. Che altro dire? Beh non vediamo l’ora di provare, a breve, TrenInfo 5 e, in futuro, i comandi vocali! Sì, io sono uno di quelli che parlerebbe al telefono chiedendo il prossimo treno per… viaggiare nel tempo!

Articolo precedenteArticolo successivo
Francesco Tili
When you change the way you see the world, you'll change the world you see - S. Nadella
  • Martino Stenico

    Come posso contattare lo sviluppatore tramite mail per una richiesta?

  • chissà che non l’abbia beccato sul treno! prende l’S6 (suburbano)? ? comunque se cerca beta tester emiliano romagnoli c’è praticamente metà redazione di wplover!

    • Zipe92

      S5 o S6, prendo il primo che mi capita ;)

  • Federico

    Ci vuole fegato a fare un’app come questa senza avere la possibilità di appoggiarsi ad API ufficiali

    • ma senza api ufficiali vuol dire che tutte le app di questo genere fanno sti magheggi? magari si possono intercettare le API (non so se detta così sia una cosa logica) da un’app ufficiale… alcune app non ufficiali son nate così… non è proprio “legalissimo” ma va beh… comunque penso che per far crescere davvero la parte social serva una versione android e ios e tanta, ma tanta pubblicità

      • E’ probabile! C’è un progetto indipendente che sono API REST di Trenitalia ma non è più portato avanti che io sappia…

      • Federico

        Le APi non pubbliche sono un rischio, non tanto legale quanto per il fatto che possono venir cambiate senza preavviso, così come può essere sbarrato l’accesso ai client non “regolari”. Insomma no buono.
        Non l’ho scaricato (ne uso un altro da sempre) e quindi non so cosa faccia la parte social.

      • Zipe92

        TrenInfo si comporta semplicemente come il browser, fa le richieste e il server risponde, non c’è modo di differenziare un browser vero e TrenInfo, pertanto non c’è modo di bloccarlo. Ci sono comunque delle pseudo API REST di Trenitalia (dico “pseudo” perché nessuno ne da una lista, bisogna interpretarsele da soli). Solo che Trenitalia le ha sviluppate un paio di mesi fa e finché TrenInfo funziona così com’è ora non lo modifico.

  • Chiara

    In gamba! Un augurio di buona crescita… Continua cosí! :)

  • Luca

    Essendo un appassionato di app per i treni, questa l’ho scaricata subito sin da quando é stata messa sullo store a novembre. Da allora é cresciuta molto e mi auguro che con la nuova versione di affermi come app migliore del suo genere. Bravissimo e disponibile lo sviluppatore che ha risposto ad alcune mie mail in cui illustrati le possibili migliorie da apportare all’app. É cosi che si sviluppa e migliora una app. Bravo.

  • Guest

    L’app è ben fatta.. peccato che non ci siano anche le ferrovie locali..

  • Federico

    Un plauso al lavoro svolto, ed un Buon Lavoro per il proseguo. Ottimo lavoro!!

  • marecola

    Per quanto riguarda l’implementazione di pullman e tram, ci sto (la proverei a Cagliari) :) Sicuramente la versione per tablet e pc darebbe utile per la pianificazione di un percorso e nei neonati minitablet con Windows (molto portatili e maneggevoli). Buona fortuna!

  • marecola

    Per quanto riguarda l’implementazione di pullman e tram, ci sto (la proverei a Cagliari) :) Sicuramente la versione per tablet e pc darebbe utile per la pianificazione di un percorso e nei neonati minitablet con Windows (molto portatili e maneggevoli). Buona fortuna!

  • ah, io ci penserei all’app per Windows: ricordati che è anche tablet e i tablet spesso il GPS lo hanno… anche S3 LTE lo avrà per dire… e il mio Asus Vivo Tab anche…

  • lore_rock

    Mi dispiace di non poter usare questa app semplicemente perché mi sono liberato dei treni con l’università….(per poi ritrovarmeli nel lavoro xD)

    Auguri per il futuro! Intanto passerò l’app ai miei amici pendolari!