Offline Lamp e Substitute Phone per aiutare i “drogati di smartphone”

what?

In una società dove la stragrande maggioranza delle persone è in possesso di uno smartphone personale, non è raro che si verifichino veri e propri episodi di dipendenza.

Klemens Schillinger è il designer Austriaco che, nell’ambito della mostra chiamata #Offline – Design For The (Good Old) Real World, ha presentato due diversi progetti che hanno come obbiettivo quello di aiutare le persone a “disintossicarsi” dallo smartphone. Ecco di cosa si tratta.

Offline Lamp, da luce solo se le dai lo smartphone

Questa lampada è stata disegnata con lo scopo di ospitare, all’interno di un “cassetto magico“, uno smartphone. Progettata per contenere gli smartphone più diffusi, è in grado di rilevare il peso dell’oggetto posto all’interno e, una volta chiuso il cassetto, la lampada comincerà ad emanare luce. Do ut des, direbbe qualcuno.

Si cede il nostro smartphone per ottenere la luce necessaria per svolgere comodamente altre attività, come ad esempio lavorare al pc o leggere un libro.

L’idea della Offline Lamp, confessa il designer, è mutuata dalle tessere che usiamo comunemente per le camere d’albergo.

Il secondo progetto è, probabilmente, quello che più fa riflettere sul fenomeno. Si chiama Substitute Phone. Il designer austriaco ha creato un set di simil-smartphone, cinque in tutto, per “aiutare” chi non riesce a separarsi dal proprio dispositivo.

Cos’è il Substitute Phone?

Il Substitute Phone riprende le forme di uno smartphone tradizionale ma si serve di alcune biglie per simulare azioni che siamo soliti svolgere quando abbiamo tra le mani il nostro dispositivo. Come ad esempio zoommare, scrollare, swipeare

substitute phone - windowslover -2

Il concetto di base è la stimolazione fisica. Solo che al posto di farlo sul serio, useremo un sostituto.

Effettivamente, se ci fermiamo un attimo a pensare, non è raro ritrovarci col telefono in mano in contesti non appropriati. Pensiamo a quando siamo fuori con amici, a cena, mentre parliamo con qualcuno (lo odio) o, addirittura, mentre si guida (da evitare assolutamente!).

Il Substitute Phone è realizzato in plastica (per i comuni), in poliossimetilene (per gli advanced). Offre alta resistenza ed ha un costo relativamente basso. Integra delle sfere di howlite, un minerale usato anche nel campo della cristalloterapia. Il peso del finto smartphone è simile a quello di uno reale e le biglie sono posizionate in modo da dare soddisfazione al tatto.Klemens Schillinger - Substitute Phone - smartphone - dezeen - windowslover

Schillinger ha dichiarato a Dezeen di essersi ispirato ad un documentario in cui compariva Umberto Eco, scrittore, filosofo ed orgoglio italiano.

Nel suddetto documentario, Eco raccontava del suo intento di smettere di fumare e del fatto che avesse sostituito la sua pipa con un bastoncino di legno. Questione di stimolazione fisica. “Il gesto” direbbe un fumatore.

Personalmente non vedo di buon occhio queste soluzioni. Sono per le risposte drastiche. Riconosco, però, che si fa abuso dello smartphone in ogni contesto e magari questi dispositivi possono davvero avere un’utilità.

Soprattutto riconosco che il mondo ha speso miliardi per i fidget spinner fino a pochi mesi fa. Quindi perché non potrebbe farlo su Substitute Phone?

Si tratta, secondo voi, di soluzioni sensate? Possono servire a raggiungere lo scopo?

Fonte: Dezeen

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Ogni tanto mi viene in mente qualcosa... e qualche volta la scrivo.
  • Stefano

    Ve lo compro con i soldi del Monopoli, cosi io mi disintossico dal telefono e voi dalla vile pecunia!!!

  • Dezzo

    Gli Smartphone hanno cambiato un po la vita di tutti e molte volte se ne abusa, però non credo che queste cose servano a “disintossicarsi”, perché il problema sta nelle persone che non voglio farlo (me compreso). Se l’idea di usarlo meno non parte dalla persona stessa, non ha senso trovare altri modi per farlo…

    • Hai ragione. È un po’ come smettere di fumare.

      • Dezzo

        Esatto! Non è facile, ma l’idea deve partite dalla persona, però diciamo che la lampada almeno sembra utile, almeno sei obbligato a mettere via il telefono per studiare 😜