Le statistiche ufficiali sui trend degli Store Windows

Diamo uno sguardo alle statistiche ufficiali che Microsoft pubblica un paio di volte l’anno riguardo i suoi due Store (Windows 8 e Windows Phone).

L’ultimo aggiornamento risale al settembre dell’anno scorso, in cui veniva evidenziato l’aumento dell’adozione di Windows 8.1 e di Windows Phone 8.1 da parte degli utenti. Cioè molti utenti stavano eseguendo gli aggiornamenti alle ultime versioni dei sistemi operativi di casa Redmond.

Le statistiche pubblicate da Microsoft relative ad Aprile non fanno che confermare questo trend, segnalando come la maggioranza dei download di app venga effettuato dalle versioni più aggiornate del sistema operativo. Questo è anche un dato piuttosto ovvio, perché la maggior parte degli utenti che esplora lo Store e installa applicazioni, sa anche “quello che fa” ed è quasi definibile un “power-user” che quindi esegue anche gli aggiornamenti consigliati. In parole povere la maggioranza di chi fa i download dallo store li fa da un telefono aggiornato. Di seguito l’andamento degli ultimi mesi per i download di applicazioni dagli store Windows e Windows Phone, in percentuale relativa al sistema operativo dal quale è stato effettuato il download:

Image1

 

Image2

Negli ultimi mesi il trend è piuttosto stabile, ciò significa che gli sviluppatori possono passare ad implementare anche funzionalità riservate alle versioni più recenti di Windows come, ad esempio, rendere la propria applicazione un’app universale.

Un altro aspetto da considerare per massimizzare la base di utenti, è quello di rendere la propria app compatibile con i dispositivi che hanno una bassa memoria (512 MB per Windows Phone) e che costituiscono la maggioranza degli smartphone Windows Phone in circolazione. Come si evince anche dal grafico, infatti, ben il 68% ha solo 512 MB di memoria RAM. Da qui si capisce anche la scelta di Microsoft di inserire 1 GB di memoria RAM come standard anche nella fascia bassa (probabilmente anche in vista di Windows 10).

Image3

Le statistiche Microsoft ci forniscono importanti informazioni anche sul tipo di applicazioni maggiormente scaricate dagli utenti, in un grafico che compara i download per categoria per lo store Windows Phone:

Image4a

Resta “in testa” la categoria Giochi che segna un numero maggiore di download, ma anche le app in Strumenti e produttività ottengono buoni risultati. Per uno sviluppatore che vuole cominciare ora a creare un’app per Windows Phone e monetizzare, consiglierei quindi una di queste due categorie. Ma vediamo, invece, la situazione per il Windows Store:

Image4b

In questo caso la categoria giochi è davvero molto più ricercata, posso ipotizzare che il motivo sia in una maggiore propensione ad utilizzare lo Store solo per i giochi. Gli utenti desktop, infatti, sono ancora abituati ad utilizzare i classici programmi (che magari già conoscono) per svolgere le altre operazioni di produttività o fruizione di contenuti multimediali. Ciò non si verifica con i terminali Windows Phone perché possono accedere al parco applicazioni soltanto attraverso lo Store ufficiale. Da qui si intende la necessità di Microsoft di porre lo Store in Windows al centro di molte operazioni e punto di riferimento anche per i software desktop (i classici eseguibili .exe per intenderci).

Abbiamo visto i download totali per categoria, ma che succede se si confrontano questi con l’effettivo numero di app disponibili in quella categoria? Nei grafici seguenti, un punteggio più alto significa più download per singola app in quella categoria. In altre parole ci sono poche app nella categoria in esame, ma anche tanti utenti che scaricano app che appartengono alla categoria.

Image5a

 

Image5b

Risulta il Sociale la categoria più “ricercata” nell’ecosistema Windows, sintomo della mancanza di alcune importanti applicazioni nel campo dei social network. Anche i Giochi e le app di Fotografia risultano tra i primi posti, manifestando un generalizzato interesse da parte degli utenti.

Quando si progetta una applicazione, quindi, si dovranno considerare queste principali categorie per cercare di massimizzare il rendimento della propria app. Ma se uno sviluppatore vuole monetizzare, cioè guadagnare con la propria applicazione, quale strada percorrere? Sono possibili tre principali metodi di guadagno: app a pagamento, acquisti in app e pubblicità. Microsoft ci dà informazioni anche su questi tipi di introiti, segnalandoci quali sono più redditizi:

Image6

In conclusione, uno sguardo alla localizzazione delle nostre app. Le lingue “parlate” nel mondo Windows sono molto variegate e non c’è un vero e proprio monopolio. Se una applicazione è disponibile in Inglese potrà raggiungere solo il 16% degli utenti, mentre se viene localizzata nelle 10 lingue più parlate (tra cui Spagnolo, Francese, Italiano, Russo e Mandarino) si potrà raggiungere il 65% degli utenti.

Articolo precedenteArticolo successivo
Francesco Tili
When you change the way you see the world, you'll change the world you see - S. Nadella
  • Notare data e ora dell’articolo. Chiamiamo Adam Kadmon?

    • Sal Cantali

      Hihihihihihi ??

    • Inviasubito

      Hahaha!!

    • Coincidenze? Io non credo

      • Come mai l’avete modificata?

        • Non l’abbiamo modificata :-) c’è un piccolo bug della nostra applicazione che fa vedere gli orari con 2 ore in meno… l’articolo è stato pubblicato alle 21:19 (l’ora vera è quella sul sito), ma nell’app l’hai visto come 19:19