Il primo visore virtuale Windows Holographic è di Lenovo

Lenovo headset Windows Holographic

Al Consumer Electronic Show di Las Vegas, Lenovo ha presentato il primo visore basato su Windows Holographic.

E’ ancora nello stadio di prototipo (non era ancora funzionante), ma ha delle premesse importanti che potranno far realizzare la visione di Microsoft di una realtà aumentata alla portata di tutti.

Il dispositivo, infatti, ha un target di prezzo tra 300 e 400 dollari, idealmente intorno ai 400 euro da noi in Italia, piazzando questo futuristico dispositivo molto al di sotto dei prezzi attuali di Oculus Rift e HTC Vive.

Lenovo headset windows holographic

 

Windows Holographic

Il visore di Lenovo usa il “sistema operativo” Windows Holographic, nato con gli HoloLens di Microsoft, che metterà a disposizione di OEM e sviluppatori una innovativa e futuristica piattaforma per sviluppare applicazioni che possano sfruttare la realtà aumentata (o quella virtuale). Il pregio è quello di standardizzare la produzione di dispositivi di questo tipo, senza gettare risorse ingenti sul lato software perché a questo penserà Microsoft, come per i PC.

Windows Holographic

Per ora sappiamo ancora poco di questa “nuova versione” di Windows 10, ma sappiamo che potrà eseguire qualsiasi applicazione del Windows Store (anche quelle non esplicitamente progettate per usare gli ologrammi) in uno schermo virtuale. Mentre le app specificatamente sviluppate per sfruttare le nuove funzioni e le API di Windows Holographic, potranno accedere a tutta una serie di funzioni avanzate come: 3D, dati di tracking, controller esterni e creazione di ologrammi.

 

Il visore di Lenovo

Passando alla parte tecnica, questo visore monta due minischermi OLED (uno per occhio) da 1440×1440 pixel, con una densità di pixel e risoluzione migliore degli attuali visori in commercio. Anche il peso sarà una caratteristica importante, con i suoi 350g previsti per il dispositivo finale. In confronto, l’HTC Vive pesa 555 g.

The Verge, la testata che ha dato la notizia, ci fa sapere che anche il comfort è notevole nonostante si tratti di un prototipo, e noi possiamo dire che anche il design è piuttosto curato.

Lenovo headset Windows Holographic

Il visore esegue il tracciamento della stanza e dei nostri movimenti (tracking) usando sensori montati sul dispositivo stesso, senza bisogno di accessori esterni. Una cosa particolare è che Lenovo non sta producendo particolari controller da tenere in mano, lasciando la cosa a produttori esterni. Ciò è interessante perché rivela, in un certo senso, la modularità della piattaforma Windows Holographic come fosse un PC: accessori da collegare “on-the-go” in modo semplice e veloce!

Lenovo ha anche aggiunto due fotocamere sulla parte frontale che, ipotizziamo, potrebbero servire a riportare il mondo reale ai nostri occhi per evitare un completo isolamento dell’utente dal mondo esterno (o per l’uso da parte delle applicazioni).

 

Cosa ne pensate di questo primo dispositivo? Vi piace questa nuova ventura era tecnologica? Siete impazienti di fare un salto nel mondo della realtà aumentata? Sicuramente Microsoft è già in prima linea per standardizzare e spianare la strada a questa nuova rivoluzione dell’informatica, come fece per i PC.

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Francesco Tili
When you change the way you see the world, you'll change the world you see - S. Nadella
  • 000

    Ottima considerazione!:
    “Lenovo non sta producendo particolari controller da tenere in mano, lasciando la cosa a produttori esterni. Ciò è interessante perché rivela, in un certo senso, la modularità della piattaforma Windows Holographic come fosse un PC: accessori da collegare “on-the-go” in modo semplice e veloce!”

    vediamo un po’ io per lavoro sono interessato, vedremo quando ci saranno più dettagli sul funzionamento…poi da appassionato del mobile mi piacerebbe si interfacciasse anche col telefono, ma forse è un po’ troppo per il momento…

    • Che tipo di interfaccia pensi per il telefono?

      • 000

        non ho un’idea precisa, ma può capitare che mentre li si sta indossando si debba utilizzare il telefono, non ho ben chiaro come funziona windows holographics quindi magari dico una ovvietà, ma ad esempio se sto usando un software di progettazione 3d(magari dico un’altra stupidaggine visto che non ho chiaro come verrà utilizzata l’emulazione di software 32bit su arm) e voglio chiamare un fornitore per avere un’informazione sarebbe comodo poterlo fare senza togliere il visore…quindi dai contatti far partire una chiamata almeno in vivavoce o con auricolare Bluetooth…non so..sono magari solo mie fantasie…

  • lore_rock

    Questa é la Microsoft che deve essere!
    Si nota subito il grosso impatto che ha avuto la presenza di microsoft nello sviluppo di questo visore (e ce ne saranno altri), senza microsoft di mezzo una dell, lenovo o qualsiasi altro avrebbe dovuto accollarsi tutta la ricerca e sviluppo in un settore che deve sempre mostrare le proprie potenzialità e che poi alla fine viene comunque governato da chi fornisce sistemi operativi e servizi, ovvero che io posso avere l’idea innovativa di un visore ma se google o microsoft non hanno un sistema operativo adeguato rimane uno scatolotto vuoto.
    Questo visore é la dimostrazione palese di come microsoft avesse perso la strada con Ballmer e come satya invece abbia avuto le idee chiare, e se parlano di nuova concezione di mobile con queste premesse io mi sento di dargli fiducia.

  • Daniele

    Dio mio quanto sono contento di leggere questa notizia, grazie Microsoft!! Quando vidi per la prima volta gli Hololens rimasi stupefatto da questa innovazione, la amo troppo. E in più adesso sembra che vogliano spingere questa tecnologia anche a consumer semplici semplici. Per quel che offrono, secondo me il prezzo non dico che è poco, ma mi aspettavo di più devo ammettere (anche se potrebbe anche variare in futuro, non lo escludo). La mia passione (e in futuro spero professione) è la Computer grafica in generale, quindi potrebbe anche essere interessante vedere ad esempio modelli 3D con questi dispositivi.

    • SirMau

      Lo sai che devi osservare molto nel dettaglio la natura per riprodurla si? Spero che farai un buon lavoro

      • Daniele

        Sisi lo so!! Ti dico, è da solo poco più di un anno che mi lanciai in questo mondo, da autodidatta… Quindi le mie conoscenze a riguardo sono ancora molto scarne. Comunque decisione presa dato che finita la quinta superiore (questo anno) parto per una scuola di Game Development a Torino? E grazie per il sostegno!!?

        • SirMau

          Buona fortuna. Sarebbe bello che uscisse una nuova categoria di giochi basata sulla natura. Sarebbe stupendo impersonare un criceto per esempio che vive e si riproduce in un mondo virtuale molto simile alla realtà. Ci vogliono conoscenze naturalistiche e dell animale protagonista, non solo informatiche ma sarebbero delle avventure spettacolari (immagina con un visore e di vivere la vita di una coccinella o di un criceto etc). Se la simulazione é veramente realistica faresti un sacco di soldi te lo garantisco. Sti giochi di adesso sono tutti uguali praticamente…

          • Daniele

            Si lo trovo molto interessante questo tuo punto di vista. Questi esempi raccolgono l’essenza vera e propria della simulazione… Non come i simulatori delle grandi cavolate che sono state create (tra capre, pane, alberi… Bah…)?

          • SirMau

            Già e il bello é che sono venduti anche parecchio da quello che ho sentito. Bho la prima cosa che penso di questi giochi odierni é “ok carino ma e dopo?”, salvo alcuni tutti gli altri sono cosi. Vorrei una vera esperienza simulativa, impersonare un lupo e diventare capobranco e esplorare terre roba cosi per calarci meglio in esperienze diverse dal solito. Certo poi farsi una escursione é sempre meglio e lo dirò sempre.

          • Daniele

            Capisco perfettamente, giochi che immergono ormai se ne vedono pochi, sono della stessa idea?

  • TheVexed

    Questa è veramente una bella notizia, più produttori metteranno le mani in pasta con Holographic, più idee, spunti e varianti verranno fuori!