Maestro (Preview): prime considerazioni della versione Alpha

Stiamo provando in anteprima una nuova applicazione per Windows Phone che si pone l’obbiettivo di offrire una valida alternativa al client mail di default: Maestro è il nome, vediamo se ha da insegnare qualcosa a Microsoft o deve tornare sui banchi a studiare.

Fondamentalmente il client mail di Windows Phone è tra i più puliti e ordinati strumenti di lavoro che si possa trovare su smartphone.

Non ha strani modi di cancellare la mail trascinando sull’anteprima o cose simili presenti sui client mail di altri sistemi operativi.

Secondo la mia modestissima opinione ha solamente tre macro difetti:

  • quando dobbiamo allegare qualcosa possiamo farlo solo attraverso la gestione file o applicazioni esterne: dalla nuova mail, premendo sulla graffetta, potremo allegare solo foto
  • quando arrivano allegati si presenta un serio problema poiché nel caso di foto tutto ok, nel caso di pdf lo ritroviamo nell’apposita app (non potremo rispedirlo ma almeno lo ritroviamo da qualche parte), ma nel caso di musica e video non c’è verso: li puoi aprire ma poi potrai ritrovarli solo cercandoli nuovamente nella mail dato che non vengono salvati in nessuna parte del telefono (nella cartella musica o video che sia)
  • non c’è la possibilità di cambiare alias

Ora, Maestro è ancora alla primissima release, tante cose da migliorare e funzioni da giungere già messe in programma, la mia premura erano soprattutto i primi due punti.

Al momento funziona davvero male, si incanta nella sincronizzazione, ho provato a mandare una mail con allegati mai partita e a scaricare allegati senza grossi risultati.

Mi ci son messo di impegno e alla fine son riuscito grazie ad un piccolo aggiornamento successivo, e finalmente posso darvi la mia opinione con tutte le riserve del caso.

L’applicazione è tutt’altro che fluida, non mancano incertezze nell’uso, nel refresh e lunghe attese per la sincronizzazione. Ma si tratta di un’alpha e quindi sorvolo tranquillamente.

Rispetto ai tre punti elencati, solo l’ultimo (il meno importante a dirla tutta) è stato disatteso.

Con notevole gioia posso annunciare che sia per allegare, sia nel caso che ci arrivino degli allegati, accade esattamente ciò che ci aspettiamo: l’apertura del file picker!

Quindi possiamo salvare gli allegati, in qualsiasi formato, nella cartella che più ci aggrada e possiamo allegare uno o più file cercandoli nelle directory in cui li abbiamo conservati!

Microsoft, mi rivolgo a te, ci voleva tanto? C’era davvero bisogno che un’applicazione di terze parti facesse il lavoro al posto tuo?

Tornando a Maestro, ora non ci resta che aspettare una versione veloce e fluida, magari con notifiche push e la possibilità di settare diversi client mail (POP, IMAP ed Exchange) e potremo dire che un bel problema è stato risolto (sperando che quella ufficiale di sistema si aggiorni con il prossimo GDR e renda native queste banali impostazioni).

Versione attuale 0.7.0.8

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Mariano Mercuri
Chiedere ragione, è la prima cosa che l'apprendista filosofo dovrebbe apprendere a fare. Là dove nessuno chiede ragione, come può la filosofia anche solo cominciare? La domanda "perché?" ci fa scoprire l'intreccio di etica e logica, su cui i filosofi si interrogano, da Platone a Husserl. Se l'etica è la logica dell'agire giusto, la logica è l'etica del pensare [Roberta De Monticelli]