Microsoft brevetta un display che tutela la nostra Privacy

Microsoft è da sempre impegnata a tutelare la privacy degli utenti fornendo loro, al contempo, prodotti che garantiscano prestazioni, potenza e comodità in ogni ambiente si trovino, spaziando dallo smartphone di fascia bassa, al PC con le più alte prestazioni.

Di recente abbiamo avuto prove della loro dedizione alla protezione dell’utente con Windows 10 (tramite Windows Hello e Passport) ma cosa dire invece di quando ci si trova in luoghi pubblici, in cui chiunque può osservare lo schermo del dispositivo che stai utilizzando durante l’inserimento di password o dati personali?

Personalmente mi trovo spesso in viaggio con tablet e telefono e mi capita di dover coprire lo schermo da sguardi indiscreti durante l’inserimento di dati importanti, ma ben presto potrebbe non essere più  un problema.

Il colosso di Redmond, infatti, sta lavorando ad uno schermo speciale su cui si può visualizzare il contenuto solo in una determinata angolatura e distanza da esso, impedendo ad osservatori con angolazione differente di vedere cosa si sta facendo sul proprio dispositivo. Per ottenere questo risultato,  il sistema utilizza un “gioco di retroilluminazione” facendo in modo di emanare un diverso fascio di luce polarizzata dalle varie angolazioni.

Il suddetto sistema chiamato “modalità privacy” potrebbe rivoluzionare l’uso che facciamo dei dispositivi mobili che utilizziamo quotidianamente, considerando che la tecnologia è direzionata ad apparecchi sempre più votati alla mobilità e con connessioni mobili più potenti.

 

Potremmo già vedere questa novità su un futuro Surface 4 o su uno dei nuovi top di gamma, o dovremmo attendere qualcosa di più avanzato? Dateci una vostra opinione.

Fonte: brevetto Microsoft (no. 20150138059)

Articolo precedenteArticolo successivo
Staff
One love, one staff, one vision! - Seguiteci anche su Facebook e Twitter -
  • Il problema é che possono tutelare quanto vogliono, ma se dietro lo schermo danno libero accesso a chi vuole allora tanto vale… Microsoft é stata una delle prime ad accettare le richieste NSA per backdoor nei loro sistemi, Skype e Onedrive su tutti.

  • oissela

    ahahahahah “Fonte: HDBlog”

    il bello è che questi simpaticoni fanno la morale ad altri siti facendo credere ai loro polli di essere i paladini della verità… ahahaha sono divertentissimi questi qua..

    • Non vedo dove sta il problema. Il file originale del brevetto non è più accessibile e io la notizia l’ho letta su HDBlog che come fonte riporta il file originale non più accessibile

    • Anzi guarda, ho trovato la fonte originale per bene :-) correggo subito, grazie della segnalazione

    • grazie per aver definito i nostri lettori “polli”, nel caso siano polli che bazzicano più pollai ora avranno un criterio in più per scegliere l’aia in cui beccare :D

    • E’ diventato noioso anche risponderti.
      Contento te.

    • Tommaso Palmieri

      Hai cacato la minchia con ste frecciatine

      • Tommaso, davvero… Ho risposto in privato al signor Oissela. Per favore, non alimemtiamo altre polemiche. Purtroppo certe persone sono cosí, non le possiamo educare né cambiare.
        La mia posizione é quella che ho espresso nei suoi confronti privatamente. Per me é un utente un po’ scocciante, mosso da un non meglio precisato inutile rancore, che alla prossima sarà bannato per “ennesimo commento pretestuoso”.

        Non mettiamoci allo stesso livello.
        ?

        • Tommaso Palmieri

          Mi chiamo Tommaso ? comunque scusate mi sono lasciato un po’ andare ma non sopporto le persone che lanciano le frecciatine gratuite

    • TheVexed

      E tu che fai la morale sulla morale offendendo gratuitamente gli utenti? Già da questo si capisce la tua incoerenza. Un abbraccio.

    • Luca Serri

      Se essere lettori di WPL significa essere dei polli… coccodè.

    • Daniele Amatulli

      Sono simpatici, loro…

    • Daniele Amatulli

      Perlomeno sono simpatici e garbati, loro…

  • Matteo

    Evvai finalmente possiamo andare su PornMd anche al parco! Ah ah

    • Attento però che quello che fai dopo non è invisibile agli altri ahaha

    • Luca Serri

      Sì ma occhio che l’audio lo sentono anche gli altri :D

      • Matteo

        Inventerò un sistema per sentire l’audio in totale riservatezza… Credo che lo chiamerò “cuffie” ah ah :-D

  • vediamociallesei

    Finalmente!

  • Ennio

    Ma che figata!