Microsoft Garage: perché non ha senso arrabbiarsi

Ogni tanto, sul nostro come su altri blog, vengono pubblicate notizie relative alla pubblicazione di applicazioni da parte di Microsoft Garage, spesso trattando di progetti destinati ad altri sistemi operativi. Ma cos’è realmente questo box auto di Redmond?

Probabilmente non è chiaro a tutti, nonostante fu spiegato nel lontano 2014 dal nostro Michele Lichinchi (un pioniere di Windows Lover quanto mio intimo compagno di stanza nella nostra prima avventura al MWC di Barcellona, ora pienamente operativo nei myAppFree Garage).

Ecco, dopo essermi perso nei ricordi, riprendo il filo: il fatto che molti non sappiano cosa sia Microsoft Garage è pienamente evidente dai commenti che accompagnano gli articoli in cui si parla di un qualche loro progetto.

Spesso i progetti riguardano applicazioni – oltre che per OS Microsoft – per iOS, Android, Apple Watch, Android Wear che, chiaramente, non sono sistemi operativi Microsoft. E la gente si inalbera, sbraita contro Microsoft che non ha cura dei suoi utenti, contro Nadella che con la sua gestione dà più peso ad altri OS che agli interessi di Microsoft e così via.

Vi spiego ora come tutto ciò sia sciocco, se non addirittura stupido: Microsoft non ha praticamente nulla a che fare con Microsoft Garage.

Difatti, non si tratta di applicazioni che Microsoft, sotto la guida del già citato Nadella, decide ci sviluppare per ampliare la sua gamma di prodotti software. Non c’è un dirigente Microsoft che, una mattina, ha ordinato ai suoi dipendenti di sviluppare una tastiera per iOS: semplicemente alcuni suoi dipendenti, nel tempo libero, hanno deciso di svilupparla e pubblicarla sullo Store di Apple usando il nome di Microsoft Garage.

Ovviamente i progetti spesso nascono come “beta” e, se si nota un discreto successo (sempre relativo: parliamo di appassionati, blogger etc. che provano l’applicazione dando dei feedback), Microsoft permette la pubblicazione – quasi sempre ristretta al suolo statunitense – e, perché no, se davvero riscuote grande successo può renderla un prodotto in tutto e per tutto ufficiale (quindi distribuito in tutti gli Store, magari su tutti gli OS e così via).

Quindi Microsoft Garage, come potete leggere anche su Wikipedia, non è altro che un “luogo” dove i dipendenti di Microsoft, nel loro tempo libero, si dedicano al quel che gli pare, senza render conto a nessuno della buona o cattiva riuscita del progetto, per esprimere al massimo la loro creatività ma, allo stesso tempo, con strumenti adeguati (non solo app, Garage si occupa anche di esperimenti Hardware), consci che – se il progetto è buono –  Microsoft “promuoverà” la loro idea rendendola a tutti gli effetti un “prodotto ufficiale”.

Conclusione: ora vi è chiaro cos’è Microsoft Garage?

Non so come spiegarlo meglio di così: se vi arrabbiate (con Microsoft) per un’applicazione sviluppata da Microsoft Garage per altri sistemi operativi fate solo una pessima figura.

Vi dirò di più: ci sono svariati motivi per la quale il progetto deve concedere piena libertà. Il primo è che non avrebbe senso obbligare a sviluppare progetti per Microsoft: è già quello il loro lavoro per cui sono pagati, nel loro tempo libero magari si divertono mettendosi alla prova su cose diverse (anche se non siete sviluppatori potete comunque arrivare a capire che questo tipo di mestiere è una passione in cui le nuove sfide e la varietà sono il fuoco che alimenta e stimola l’intera vita di questi strani esseri). Il secondo motivo è che, come ormai sappiamo, Microsoft è aperta ad offrire i suoi servizi a tutti, indipendentemente dal sistema operativo che hanno scelto di usare. Ed è una scelta che apprezzo tantissimo perché io stesso, che adoro i suoi prodotti  (inteso proprio come Lumia e Surface a livello fisico) e i suoi sistemi operativi (ormai bisogna dire il suo sistema operativo, al singolare), mi sento ogni giorno tranquillo sapendo che, se un giorno volessi comprare un Macbook Pro e un Galaxy Note (da amante della tecnologia potrebbe capitare), non dovrei rinunciare ai servizi a cui sono abituato.

Insomma: il fatto che ora io mi trovi benissimo con Windows 10 sul mio PC e con il Lumia, non vuol dire che un domani le mie esigenze non possano cambiare. Già ora posseggo tutti e tre i sistemi operativi mobile e passo il mio tempo libero a confrontare le novità e a godermi quel che ognuno di loro sa offrire: ovviamente, il Lumia 950 XL è il mio telefono principale con il quale faccio il 100% di quel che mi serve, relegando gli altri due a meri sostituti per preservare la batteria del principale o perché sto usando il Lumia per fare altre cose. Ma questo è un altro discorso, Android m**da e iOS bimbimin*ia, al cuor non si comanda!

Spunto di riflessione

Qualcuno può far notare che, se nel mio tempo libero sviluppo un’app, tale sarà per il sistema operativo che uso o che mi piace, e se sono un dipendente Microsoft e sviluppo per iOS vuol dire che uso iOS o che mi piace iOS (non è un aut aut ovviamente, le cose potrebbero coincidere). Una risposta può essere: se sono stato assunto da Microsoft per sviluppare l’app di Word per iOS probabilmente sono uno che sa sviluppare per quell’ambiente, che probabilmente ho imparato a sviluppare in Object-C perché mi piace, che uso iPhone etc. Oppure perché sono stato assunto da Microsoft per lavorare su Groove Music per Windows 10 perché sono bravissimo a sviluppare applicazioni musicali in C# ma a me piace usare Android perché la sera chatto con le tipe su Snapchat: non è reato, anzi, è la cosa più normale del mondo! Penso che sia così per tutte le società, tutte.

Ora a voi la parola!

 

Avanti
Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Mariano Mercuri
Chiedere ragione, è la prima cosa che l'apprendista filosofo dovrebbe apprendere a fare. Là dove nessuno chiede ragione, come può la filosofia anche solo cominciare? La domanda "perché?" ci fa scoprire l'intreccio di etica e logica, su cui i filosofi si interrogano, da Platone a Husserl. Se l'etica è la logica dell'agire giusto, la logica è l'etica del pensare [Roberta De Monticelli]
  • Appunto, nemmeno i dipendenti microsoft, che conoscono ancora meglio gli strumenti di sviluppo e le possibilità di Windows 10 mobile, non sviluppano nel loro tempo libero applicazioni per Windows 10 mobile, ancora peggio.

  • Federico

    Può avere senso, ma con lo stesso ragionamento perché allora non esiste un Apple Garage che pubblica app per Android o per Windows, o anche un Google Garage. Per un semplice motivo, a livello di immagine non funziona. Perché dovrei avere fiducia in un azienda che promuove e pubblica App per altri sistemi? Ricordati che il dominio appartiene a Microsoft, il logo Microsoft è ovunque e direi che quindi l’associazione diretta con Microsoft è conseguente. Potevano presentarsi come “The Garage” senza alcun riferimento specifico, e la cosa finiva li. Cosi il segnale è: Noi in Microsoft usiamo prevalentemente prodotti NON Microsoft. Apple e Google una cosa del genere non la promuovono, e direi che i risultati si vedono. Se i ragazzi di The Garage usassero gli strumenti universali di Microsoft per lo sviluppo, per realizzare app universali, per i tre sistemi, allora sarebbe un bel messaggio. Ma con una Microsoft non garage che pubblica di continuo app per “gli altri” e sempre meno per il “suo” sistema, allora, la gente che si è presa un telefono, e la normalità è un telefono, ha il pieno diritto di arrabbiarsi e il pieno diritto di ignorare le delicate sfaccettature dietro a The Garage. Perché in fondo, Windows Mobile sta calando vistosamente e gli altri crescono, e questo non porta solo a crisi di solitudine ma ad una evidente crisi di App.

    • ma Apple e Google non hanno proprio nulla di simile… e poi nom è che “non sviluppano per Microsoft”, ma ti pare che fanno la tastiera storta per Windows? Non è affatto presentabile su un OS stabile e, se proprio vedono che piace, allora la introducono per Windows… intanto si prendono dati dagli utenti iOS che la userebbero più per curiosità che altro…

      • Federico

        All’inizio anch’io credevo fosse un banco di prova, ma quante app sono diventate poi per Windows? Quelle poche che hanno fatto, nel tempo sono morte.
        Ce lo vedresti un FCA Garage che tira fuori elaborazioni per le AUDI? Che immagine trasmetterebbe?

        • Quella per le video conferenze etc. Ma sono quasi tutte estensioni per outlook e simili tranne un launcher Android (pessimo), una tastiera per iOS, una lockscreen per Android (pessima), una lockscreen per wp8.1 (pessima) insomma: nulla di che disperarsi… senza contare che Microsoft FA app per tutti gli OS e che le cose belle con cavolo che le tengono nel Garage… se servono a migliorare Windows stanno in salotto, no nel Garage

  • ILCONDOTTIERO

    Prenderei a pedate tutti quelli di Microsoft Garage , mi dispiace stavolta non essere d’accordo ma sapete che il mio spirito é libero e sincero . Non crediate che non ho letto l’articolo, anzi li leggo sempre tutti e apprezzo il vostro stile unico e inconfondibile . Non é il momento di pensare troppo agli altri , ma di cominciare a fare crescere il grande progetto creato . Tutti sanno della potenzialità di Microsoft e la ** Rabbia o Frustazione ** che proviamo é dovuto proprio a questo. Fosse un progetto sulla carta scadente potrei capire , ma non lo é affatto , anzi é qualcosa di unico e innovativo che Microsoft sta creando in pochi anni dopo 30 anni di letargo informatico ( Dormendo senza mutande sugli allori ) .

    • hai visitato il sito di Microsoft Garage?

      • ILCONDOTTIERO

        Si lo conosco , amico mio . Oggi avevo voglia anche di sfogarmi con qualcuno ed qui sono in famiglia amici miei :) .

        • Noterai che non è che sviluppano chissà cosa per iOS e Android, è la minima parte…

    • Qui puoi parlare liberamente, sei tra amici :)

  • Paolo

    [please risolvete il bug quando scrivi un bel po, non posso regolarmi solo con i suggerimenti della tastiera? ]
    Microsoft offre servizi a tutti.
    Microsoft da voce a tutti, utenti e i suoi sviluppatori.
    Se un dipende di microsoft vuole sviluppare un app(per esempio), ma è “specializzato” in java(android), perché magari fa l’app di OneDrive nei tempi lavorativi.
    Uno sviluppatore non può come un impiegato lavorare 4 ore continue, e fa diverse pause nel frattempo.
    Gli viene in mente un’idea, ma lui sa sviluppare in java e su windows non ci molto, se non le app win32, ma lui vuole creare un app che usi il touch e il gps, così a che serve su un pc? Lo farà per android allora.
    Nei tempi di pausa, a casa o quando vuole, si mette a costruire piano piano la sua app.
    L’app è finita(oddio potrebbe migliorare, magari graficamente, però funziona).
    La fa vedere ai colleghi e ne sono sorpresi e gli dicono perché non la pubblichi.
    Allora lui potrebbe pubblicarla per conto suo, ma per pubblicare ci sono delle spese, ma Microsoft ti lascia pubblicare un’app se la vede interessante attraverso Microsoft garage così non ci sono costi e soprattutto “sfrutti” il marchio microsoft garage che si fa sentire più facilmente di pino brescianella, no?

    Penso che così sia chiaro, un po’ romanzato, ma diciamo che va così. Pensate a quelle piccole aziende che microsoft ha comprato e sviluppavano un app per ios, che ne sanno di come si sviluppa per windows mobile, magari lo sanno, ma non lo preferiscono.
    Per finire microsoft garage ha comunque rilasciato app anche per windows e neanche brutte, perciò non so perché prendersela? Le tastiere a noi non servono e neanche i launcher. E come dicevo le app che pubblicano solitamente funzionano, perciò qual’è il problema?

    • Federico

      Visto che sono un gruppo, potrebbero dividersi le spese di pubblicazione e farlo in autonomia. È solo una questione di immagine, e quella che riflettono non è la migliore. Possono sviluppare in quello che vogliono, come vogliono e per chi vogliono.

      • non capisco quale danno di immagine ci sia…

        • Federico

          E chi ha parlato di danno, solo di cattiva immagine, e sul Mobile adesso Microsoft sta perdendo a rotta di collo, di sicuro The Garage non è il colpevole, ma partecipa sicuramente nell’insieme, e la questione è che Microsoft nel Mobile sembra non abbia da offrire più nulla di nuovo. A scanso di equivoci, ho detto “sembra”

    • hai colto nel segno! propongo un altro scenario:
      Dipendente: “Satya, ho un’idea: sviluppiamo una tastiera per iOS, è utile per ricavare dati e intanto vediamo se può aver senso una tastiera ad arco”
      Satya: “non ti pago mica lo stipendio per fare un esperimento su un sistema operativo concorrente! Però non è stupida come idea, falla nel Garage”
      Ed ecco Wordflow :D

      • Federico

        Satya: I wereable sono tempo perso, non svilupperemo mai uno smart watch.
        Garagista: Ma un’app per Apple Watch? “ottima idea guy! falla nel garage!”

    • Di quale bug parli? Da app?

      • Paolo

        Si da app, se scrivi per un tot di righe, dopo non vedi più quello che scrivi

  • TheVexed

    Diciamo che fanno la fine che Pied Piper avrebbe fatto sotto la Hooli ?

    • simone925

      Haahhahahahah credevo di essere l’unico ad aver guardato quella serie ?

  • Andreaa

    Ma infatti l’unico errore, secondo me, è quello di pubblicarle sotto il nome di Microsoft Garage.
    Perché è ovvio che se uno legge quel nome come dev pensa a MS.
    È come se un dipendente Ferrari, nel tempo libero progettasse un nuovo modello di cerchi strafighi per le VW e lo vendesse col nome di “Ferrari Garage”. Farebbe un po’ storcere il naso no?

    Come progetto invece è veramente bello. Non si sa mai che da una stupida idea di partenza ne esca fuori qualcosa di grandioso no?

  • Sì, ok d’accordissimo ma aggiungere la piccola clausola a tutti progetti “fate quel cavolo che vi pare, pubblicatelo dove vi pare, basta che lo pubblichiate *ANCHE* sul Windows store” non credo sia una richiesta così assurda o no? Si eviterebbero tutte queste stupide discussioni del tipo “eh ma nemmeno a Microsoft non importa della propria piattaforma” e bla bla bla con il “minimo” sforzo

    • Paolo

      Ma quali app del team garage ti fanno venire invidia??
      Non è come skype ai tempi di wp 8 che vedevi la controparte girare meglio e più funzionalità!
      Sono app di poco valore ed esperimenti.
      Le più interessanti sono la tastiera per ios, ma a noi va bene la tastiera che abbiamo e non possiamo aggiungerne altre.
      Il launcher per android, manco è un granché

      • Ma non è invidia (non da parte mia almeno) è che anche se sono solo esperimenti di poco conto perché non portarli ANCHE sul “tuo” store? È così difficile farlo?

  • Pure new wool

    Post interessante, ho fatto un giro sul loro sito e tra l’altro queste app vengono chiamate “experiments” che una volta conclusi non sono più disponibili al download.

  • D@vix

    Mah… Io non vedo proprio cosa ci sia di così scandaloso. Per una “Software House”, sviluppare progetti per le altre piattaforme, oltre che per la propria, equivale alla propria “mission” ed a monetizzare, soprattutto se il bacino d’utenza mobile concorrente è vasto come iOS e Android. Nel caso specifico non si tratta nemmeno di Microsoft in persona, quindi lo capisco ancora meno. Rispetto poi all’apertura che Microsoft ha mostrato ufficialmente portando il proprio software e le proprie app sulle piattaforme concorrenti, mi viene solo da applaudire. In questo modo Ms ha mostrato furbizia perché ci guadagna tanto, ma anche una grande apertura mentale tirandosi fuori da una assurda e miope competizione. Apprezzo molto il fatto che Ms, da colosso quale è, abbia ancora uno spirito pionieristico. Penso che stia tracciando una nuova strada che guarda si al profitto, ma anche ad una sinergia/collaborazione tra competitors che non può che giovare all’utente perché lo rende libero di muoversi tra diverse piattaforme senza dovere rinunciare ai servizi che predilige.. (tantissima gente pur preferendo un determinato OS si ritrova ad esempio a doverne utilizzare un altro perché adottato sul posto di lavoro o altro). Penso sia giusto così, magari facessero lo stesso ad esempio gli uomini politici…IMHO

  • Pingback: Un nuovo progetto di Microsoft Garage: Video Breakdown()