Microsoft getta la spugna con Groove Music Pass, che peccato!

Groove music pass interrotto

Microsoft ha appena annunciato l’interruzione del Groove Music Pass, che permetteva agli iscritti di ascoltare milioni di brani pagando una quota fissa di circa 10 € al mese.

L’app di Groove rimarrà, ma sarà dedicata principalmente alla musica in locale. Al termine di questa settimana, le vendite di brani e del pass verrà interrotta.

Continueremo a sviluppare e aggiornare l’app Groove Musica su tutti i dispositivi Windows per supportare la riproduzione e la gestione della propria musica, ma dopo il 31 dicembre 2017 l’app non offrirà più la possibilità di effettuare lo stream, l’acquisto e il download di musica.

Per chi ha già una sottoscrizione attiva, il servizio Groove Music funzionerà fino al 31 dicembre. Se si è pagato per ulteriori mesi, verrà fornito un rimborso.

La cosa positiva è che l’integrazione con OneDrive non cesserà di funzionare!

 

Addio Groove Music Pass, ma perché?

Il motivo è probabilmente da ricercare nel basso numero di utenti, che non rende sufficientemente profittevole il mantenimento del servizio. Microsoft deve stringere accordi con le case editrici e altre etichette di distribuzione, pagando, ma i poco numerosi utenti non riescono ad offrire un guadagno sufficiente.

Nel mondo moderno esistono servizi che, come Spotify, permettono di ascoltare illimitatamente moltissimi brani soltanto con qualche pubblicità.

 

La partnership con Spotify

Per rendere meno traumatica l’interruzione del servizio, Microsoft ha stretto una partnership con Spotify che permetterà agli utenti di spostare le proprie playlist su Spotify. Inoltre verrà data la possibilità di attivare un periodo di prova Premium per Spotify della durata di 60 giorni.

Spotify Groove Music

La funzione verrà implementata a breve nell’app Groove Musica, che permetterà la migrazione delle playlist con pochi click.

Vi ricordiamo anche che Spotify è presente nel Microsoft Store, pronta per essere installata con un click!

Icona di Spotify Music
Spotify Music
Spotify AB
4 (7107 voti)
 

 

Un tassello dell’ecosistema Microsoft se ne va, con nostra tristezza. Era un ottimo servizio, con un’ottima app, multipiattaforma e sono sicuro che molti di voi l’avevano provato. E’ un peccato che questo servizio venga dismesso!

Addio… insegna agli angeli come si fa lo streaming di milioni di brani!

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Francesco Tili
When you change the way you see the world, you'll change the world you see - S. Nadella
  • Eddai cavolo! Sono abbonato da 4 anni se non di più, era ancora Xbox music pass! Ok, posso passare a Spotify ma… è che minch!

    • 24 novembre 2017 mi sarebbe partito il rinnovo automatico, almeno non devo tribolare con rimborsi etc.

    • Per quali ragione lo preferivi agli altri? Spotify deezer etc?

      • perché potevo integrare la musica mia (canzoni delle band in cui suonavo o musica introvabile sugli store digitali) salvata su OneDrive con quelle del music pass, ad esempio, nella stessa playlist potevo avere “Fatale Anima” dei Nexus VI (il bassista era un figo della madonna!) con Bohemian Rhapsody dei Queen… poi perché avevo 4 dispositivi e non 3 su cui salvare offline… perché graficamente era un player musicale che mi appagava… ora mi potrei avvicinare a qualcosa di simile con Google play music anche se lo scarto per due motivi: non ho un android decente su cui potrei usarlo (oltre ad averlo prestato, il mio moto g aveva solo 8gb non espandibili), su PC praticamente solo via web (anche se credo esistano app non ufficiali) ma soprattutto: dopo 4 anni tutta la mia raccolta posso trasferirla in un click solo su spotify e quindi sono costretto ormai a passare a quel servizio (a meno di non sbattermi e ritrovare manualmente tutti gli artisti e gli album su un altro servizio)

  • Cavoli. Mi dispiace. Eppure speravo in una crescita di Groove come lo è stata per Itunes. Secondo me sarebbe stato meglio mettere anche solo la vendita di brani singoli per pubblicizzarsi…

  • NicoWPL

    A me onestamente sembra solo un altro segno di cedimento di Microsoft e di chiara sfiducia verso un progetto, Windows mobile, che piano piano sta andando in frantumi e sta perdendo anche i suoi punti di riferimento. Mancano svariate e precise app, non ci sono aggiornamenti accurati e per ora neanche evidenti segni di risposte sul mercato magari con un ‘surface phone’. Non so cosa accadrà, ma non sono certamente segni incoraggianti per gli utenti e per il mondo mobile di Microsoft.

    • Groove è anche su pc e Xbox

      • Marco

        E anche multipiattaforma, android e iOS…

    • Ma veramente Groove era uno di quei servizi resi multipiattaforma proprio per “guadagnarci” … purtroppo Microsoft si deve rendere conto che negli altri ecosistemi ci sono già app ormai entrare nella mentalità degli utenti… e che i loro servizi non hanno molto successo fuori da Windows (Office a parte)… dovrebbe tornare un po’ sui suoi passi e fare il lavoro migliore qua su Windows

      • NicoWPL

        Forse è la competizione che deve evitare. Come dire, i tentativi di Microsoft di produrre app concorrenti al mercato (vedi ad esempio Groove come ‘contrasto’ a Itunes) portano sempre ad app poco brillanti e sempre un po’ indietro rispetto alle altre, almeno questo mi sembra, peccato perché ho sempre creduto che il potenziale di Microsoft potesse contrastare le egemonie Apple e Samsung e produrre davvero qualcosa di nuovo, di fresco e di innovativo, che con l’acquisto di Lumia950 io ho tentato di supportare.

        • Si di innovativo infatti, ma le innovazioni le abbiamo svendute per mancanza di marketing, perché su Windows Phone morivano… vedi Office Lens, Cortana, Groove musica, etc etc …solo che si scontra con una concorrenza ben più agguerrita, che spesso odia il brand “Microsoft” e che ha già app uguali da anni… come se Apple viene su Windows e ci dà un client di posta…chi lo userebbe?

  • Marco

    Funzionasse almeno bene spotify su w10mobile, si apre e funziona una volta su 30!! Che delusione…

    • Mica è colpa di spotify se w10 mobile fa pena

      • Alessandro

        Veramente è colpa di spotify che non è stata sviluppata bene su w10 😂
        Comunque questi problemi non li ho avuti

  • Stefano Fabbri

    App bella solo su windows mobile e windows 10 pc. Stop. In quale bacino di utenza speravano? Non presente in win7 o win8/8.1, schifosa (!) su ios e android, di che parliamo?
    In MS o qualcuno apre gli occhi o a morire saranno tutti i servizi uno dopo l’altro. Raccogli quello che semini e come lo semini.

    • Si? Fa schifo su Android?

      • Stefano Fabbri

        Madre mia, peggio di Outlook, indecente. Bei progetti ma sulla messa in pratica si pigliano un 2.

  • Matteo

    10€ al mese per ascoltare musica sono un’enormità, ve lo dice uno che suona da una vita, con gli abbonamenti telefonici attuali ascolto i brani online, da youtube e spotify, senza mai finirmi i giga, anche perché di musica per cui valga la pena pagare ce n’è davvero poca, a me spotify funziona bene su tel.

    • guarda che è come avere spotify premium, stessi costi e stesso tipo di servizio… se io avessi dovuto acquistare tutta la musica che ho ascoltato con Groove music pass a quest’ora dormirei sotto un ponte… ascoltare da youtube non è la stessa cosa, troppo caotico, ti spara lui le canzoni a caso… spotify gratis ha la pubblicità, mi dà fastidio e se voglio ascoltare offline non posso (e lo voglio fare non per paura dei gigabyte ma perché in un viaggio, ad esempio, o in aereo etc. la connessione è traballante o assente)

      • Matteo

        È vero, ognuno ha le sue esigenze, ma era ovvio che groove facesse la fine di mix radio, il mercato è saturo di prodotti simili, purtroppo vince chi è più conosciuto, purtroppo la pubblicità vince, purtroppo Microsoft, almeno in Italia non la fa

        • questo è vero, io cercherò di passare a spotify premium sperando che sia il più indolore possibile, perché il servizio è simile (non identico, se no non avrei preferito Microsoft). Ma mi rode, madonna se mi rode… io non dico che non andasse male a livello economico, ma diamine: se va male o ti impegni di più o comunque accetti di “perderci” a fronte di altre voci del bilancio che vanno benissimo…

          • Matteo

            Nelle multinazionali non si può ne perdere ne pareggiare, ogni anno dev’essere migliore del precedente, altrimenti stop si cambia, vedi Windows 10 mobile, rode anche a me, le app Microsoft sono tutte fatte benissimo, se solo la gente lo sapesse…

          • Samsung ha fatto anni di perdita controllata nel settore smartphone ai tempi di S4… ora si può permettere di sparare 999€ e la gente ne compra… non so, vale anche la brutta figura no? vale anche che non ha mai migliorato a dovere il servizio con app scadenti su android e ios e zero pubblicità… se va male, prima di chiudere, fai pubblicità e migliora…

          • Matteo

            Ma poi noi parliamo, ma vai a sapere che accordi commerciali ci saranno sotto, tra Microsoft spotify case discografiche, probabilmente MS c’ha anche guadagnato chiudendolo

          • senza dubbio sono decisioni che a quei livelli sanno prendere, ma boh, io perdo sempre più fiducia e mi dispiace perché spesso sono servizi ottimi… però se vedi la mela, la mela cacchio arriva dopo e domina comunque… Apple Music non la chiuderanno mai e va alla grande, fa davvero concorrenza a spotify, cosa che play music e Groove insieme secondo me non ci sono arrivati…

  • Nicol F.

    Mai usati un servizio di streaming, ho la musica che voglio su pc la ascolto con Grove avevo provato Spotify ma la qualità lasciava a desiderare. Mionipote incominciava a usarlo adesso va be mi piaceva l’idea spero che lo streaming da one drive non cessi di esistere.. Poi se ci metti le compagnie telefoniche che tu fanno accordi solo con spotify ma se voglio acquistare musica non lo posso fare…
    Uno Store senza musica, e cme avere uno store vuoto. Spero che a breve non spariscano anche i film…almeno l’acquisto potevano lasciarlo.

  • black_dns

    Ho provato per un po’ di mesi Groove Music. L’anno scorso quando avevo cercato un po’ di info avevo letto che era il servizio con il catalogo più vasto (anche più di spotify). Quest’anno quando ho dovuto scegliere il servizio streaming a cui abbonarmi sono voluto andare sul sicuro, su quello che ha più utenti e che ha meno probabilità di fallire, cioè Spotify. Microsoft si deve mettere in testa che fino a quando continuerà a lanciare software, servizi, hardware ecc. ecc. nella speranza che poi abbiano successo senza insistere, investire, stringere accordi, diffondere i prodotti le cose non andranno bene. La prossima a tirare le cuoia sarà Cortana sostituita da Alexa, poi toccherà a Bing, ad Edge, ecc. ecc.

  • Luca

    Più si va avanti, più la mia fiducia in Microsoft cala.
    Non è in grado di tenere a galla un suo prodotto, a partire dal ormai defunto Windows Mobile, fino ad arrivare ad applicazioni come Groove.
    Sul fronte Xbox One, pare che si stia riprendendo, ma solo perché sta ritorcendo contro Sony la “propaganda” usata per PlayStation 4 Pro (“La console più potente al mondo!!”).

    Praticamente, anche se rilasciassero un nuovo sistema mobile con nuove applicazioni ed altre cosine, potrebbero chiudere il supporto dopo pochissimo…

  • Raoul Rotili

    Ma la musica dallo Store Microsoft si potrà ancora acquistare?

  • Amine D. Ben Moussa

    Beh! Non c’è molto da meravigliarsi di ciò. Se vuoi concorrere in un mercato saturo devi almeno o OFFRIRE QUALCOSA IN PIU’ o ABBASSARE I PREZZI. Ma se non punti su nessuna delle due e speri che la gente lo utilizzi solo perchè preinstallato su windows 10 allora giochi male le tue carte.