Non smettete di “kantar” | Grazie al caos

Grazie al Caos - dati Kantar - Focus - Windows Lover

Oggi desidero cimentarmi con voi in una lettura meno superficiale dei notissimi dati Kantar che, ogni tot mesi, qualcuno usa per tirare somme molto affrettate sul nostro mercato.

Premessa

Non proseguite, per favore, senza prima aver letto questa premessa:

  • non pretendo di dire verità assolute, ma nemmeno reputo di scrivere stupidaggini. Mi limiterò a fare ragionamenti semplici, per instradare verso letture più evolute di dati che è sin troppo facile leggere in modi distorti e superficiali.
  • ricordo che i dati di vendita (VENDITA) proposti dalla società che sta dietro al nome Kantar, cioè la ComTech, fanno riferimento alle vendite di terminali in un dato periodo (es. un trimestre del 2016), attuando poi un confronto con il medesimo periodo dell’anno appena trascorso (es. stesso trimestre del 2015).
  • non sto assolutamente difendendo Windows, Windows Mobile o Microsoft. Provo a difendere un po’ il buonsenso e l’intelligenza di chi legge.

Tutto chiaro? Procediamo.

Dati Kantar: il caso dell’Italia

Se non avete letto la premessa, fatelo. Poi tornate qui.

Dunque, per prima cosa, un po’ come avete sempre letto altrove, ecco la tabella riepilogativa dei dati proposti da Kantar. Analizziamo per semplicità quelli relativi all’Italia, nel trimestre APR-MAG-GIU del 2016:

 

Dati Kantar - big - Windows Lover

Ora, confrontiamo i dati del trimestre 2016 con quelli del APR-MAG-GIU del 2015:

Dati Kantar - os sales - confronto 2015 2016 - Windows Lover

Un po’ ovunque, poi, avrete letto la seguente tabella

Dati Kantar - tabella - confronto 2015 2016 - Windows Lover

partendo dalla quale il commentatore di turno ha iniziato a raccontare di cali drammatici, di apocalissi imminenti e, di conseguenza, l’apoteosi del tutto e del suo contrario tra i commenti. Giusto?

Ok, cancelliamo tutto. Leggiamo diversamente i dati Kantar

Quello che desidero fare oggi è provare con voi a fare questo:

Dati Kantar - os sales - distrutti - Windows Lover

Sfondiamo un po’ quello che “vediamo”, che “vogliono mostrarci”,  e proviamo (come feci già molti mesi fa) a usare un po’ di buonsenso per leggere dati numerici assoluti e relativi, in maniera più congrua con la realtà.

Nicola e Giuseppe: tanta voglia di cantar

Per procedere nella mia analisi, è fondamentale che capiate una cosa di importanza assoluta. Per riuscire a spiegarla io, che sono uno stupido, ho bisogno di fatti stupidi. Non offendetevi.

Prendiamo un mondo ipotetico popolato soltanto da due persone, Nicola e Giuseppe, ed in cui esistono solo due modelli di telefono Brand 1 e Brand 2.

Periodo 2015

Inizia il nostro mondo ipotetico. Nicola compra un bellissimo Brand 1 e Giuseppe un bellissimo Brand 2.

Nel periodo Gennaio – Marzo (ad esempio) Giuseppe vuole cambiare telefono e compra un nuovo bellissimo Brand 2

DATI del TRIMESTRE 2015 – GEN-FEB-MAR:
Brand 1: n. 1 telefoni venduti; Brand 2: n.2 telefoni venduti.

TOTALE TELEFONI presenti nel nostro mondo ipotetico: 3 unità

 

Periodo 2016

Stesso trimestre, ma un anno dopo.  Nicola è ancora in possesso del suo ottimo Brand 1 , Giuseppe del suo secondo bellissimo Brand 2.

Un bel giorno di Febbraio, Giuseppe cambia di nuovo e compra un terzo Brand 2.

DATI del TRIMESTRE 2016 – GEN-FEB-MAR:
Brand 1: n. 0 telefoni veduti; Brand 2: n. 1 telefoni venduti.

TOTALE TELEFONI presenti nel nostro mondo ipotetico: 4 unità.

Comparazione dei due periodi:

Brand 1, nel confronto tra trimestri 2016/2015 regista un 1 telefono in meno;
Brand 2, nel confronto tra trimestri 2016/2015 registra un 1 telefono in meno;

I blog del mondo, scriveranno che:
Brand 1 ha un sacco di utenti in fuga, visto che non vende telefoni;
Brand 2 è in crisi totale, perchè ha venduto un telefono in meno rispetto al trimestre precedente.

Cosa ne consegue?

Ne consegue che: non è vero niente di quello che i blog cercano di raccontare per scrivere qualcosa. Le letture fatte in questo modo sono stupide.

Nicola ha ancora il suo primo cellulare Brand 1, perchè probabilmente ci si trova bene e riceve tanti aggiornamenti che non lo rendono vecchio il giorno dopo averlo comprato.

Giuseppe, che invece ama tanto Brand 2, ne ha cambiati ben 3 per motivi vari e che non conosciamo. E, nonostante questo, i dati statistici del periodo raccontato che la Brand 2 (che ha venduto ben 3 cellulari da quando esiste) nel trimestre 2016 ha venduto meno del medesimo periodo dell’anno scorso!! Eppure, nel nostro piccolo mondo è la vera leader di mercato.

Comprendete qual è il punto del discorso?

Rileggiamo i dati Kantar

Dati Kantar - os sales - confronto 2015 2016 - Windows Lover

 

Dati Kantar - tabella - confronto 2015 2016 - Windows Lover

Android non è detto che abbia un ASSOLUTO +10,6 (ricordate Nicola e Giuseppe?), perchè quei dati riguardano le VENDITE, non il tempo di possesso in mano ad una persona sola.

Windows, quindi, allo stesso modo, NON HA PERSO in senso assoluto l’8,6%, ma l’ha fatto solo in senso relativo. Ed ammesso di possa parlare di “perdere”. Senza una relazione sottostante, cioè, i dati qui sopra non raccontano niente di assoluto. Tutte congetture, insomma, e catastrofismi troppo frettolosi.

Cioè…

Io che ho un Lumia 735 comprato a gennaio dell’anno scorso, ancora oggi (un intero anno dopo) ci sto BENISSIMO (specie con Windows 10 AU – Insider) e non ho alcun bisogno di cambiarlo. Funziona, fa quello che deve fare, lo fa bene e buona così.

Probabilmente, il Giuseppe che ha avuto Android, ha subìto molto il fascino della pubblicità e, nell’arco di un anno, ne ha cambiati 3. Ovviamente, nessuno può dirlo con certezza.

Quello che è certo, però, è che sia io sia il Giuseppe immaginario abbiamo verosimilmente un telefono a testa. Dunque, non possiamo dire che un brand abbia perso qualcosa, se non abbiamo un dato certo ed assoluto che dica l’esatto contrario (guadagno) a persona dell’altro brand.

I dati Kantar in tabella, almeno in Italia, mostrano qualcosa di interessante, raccontando di una sicura mobilità del mercato Android. E’ plausibile ritenere, cioè, che tantissima gente cambi (COMPRI, cioè aumenti il dato VENDITE) il cellulare Android più volte rispetto ad un utente Windows o iOs. 

Anche il caso iOS è particolare, a modo suo. Quello Apple, guardacaso, è un brand “affettivo” ma distorto dal fenomeno modaiolo: cioè, chi compra iOS ama stare in iOs, ma la moda, la pubblicità e l’obsolescenza programmata, comunque (quasi) obbligano a cambiare per un nuovo iOs. Certo, con tassi di vendita (VENDITA) diversi dal generalista Android.

Come ultima cosa, mi piace ricordarvi che il costo dei terminali più alla moda sia di Android sia di Apple, non è proprio alla portata di tutti. E’ sempre vero che siamo un popolo di boccaloni, ma molti ricorrono al mercato dell’usato per cambiare smartphone o per dotarsi di un secondo dispositivo, per curiosità o necessità. Quindi, abbiamo un ulteriore distorsivo delle tabelle Kantar, le quali riportano solo i dati di VENDITA del nuovo, per periodo di tempo considerato.

Infine, ma non sarebbe quasi il caso di scriverlo, bisogna ricordare che non è inverosimile pensare che molti di voi dispongano di più di un cellulare personale, per esigenze varie e che, quindi, i dati sono ulteriormente passibili di letture “diverse” e, tutto sommato, personali.

Tutto quanto detto, spero racconti meglio una situazione che giudicare solo tramite i freddi numeri è un po’ “inutile”.

Sono riuscito a spiegarmi meglio sui dati Kantar?

Non serve prendere dei numeri e iniziare a fare catastrofismi di nessun tipo, perchè come abbiamo visto sono assolutamente RELATIVI.

Non è detto che il mondo Windows Mobile sia al declino, ma possiamo dire con certezza che Windows permane più tempo nella tasca del suo acquirente, rispetto alla controparte Android. Forse, una certa sfiducia di fondo nelle tante stramberie Microsoft possiamo leggerla, ma… Parlare di crollo e scomparsa, secondo me, è un po’ una scemenza e mi spiace tanto per chi la legga così. Ma ne riparleremo a tempo debito.

Ora, la domanda ulteriore che possiamo porci è: con la mia lettura, ci ritroviamo con quello che sentiamo in giro? Personalmente, direi di sì, anche per esperienza personale. Un mio amico è al suo settimo Android, io al mio secondo Lumia. Eppure amo la tecnologia.

Ebbene, se tutto quanto ho detto è plausibile, mi sorge un dubbio… Ma se Microsoft iniziasse a non aggiornare alle nuove versione di Windows 10 alcuni dei vecchi terminali, tagliandone fuori piano piano alcuni, che succederebbe?

Come? Lo sta già facendo????

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Orienta la tua vita in maniera che nessuno possa dire che l'unica cosa che hai di smart sia il tuo telefono!
  • Olafnotto

    Salve! Un articolo interessante. Un ragionamento condivisibile ed oggettivamente riscontrabile nella realtà. A prescindere da questo, però, rimane che Microsoft, per chissà quali motivi, non fa praticamente nessuna pubblicità dei suoi prodotti nel mobile. E senza pubblicità non si vende. Non che mi crei tanti problemi. Personalmente, mi trovo ottimamente con Lumia 1020 e 950XL + PC W10 + 2in1 W10. Le applicazioni che mi servono realmente le ho. Se non c’è l’app precisa, faccio dal browser. Ma finché continuano a tenere aggiornato tutto il sistema, mobile e pc, va benissimo.

    • Perché è un ritirarsi per prendere la rincorsa ?

      • Breus

        Però è anche un errore ostinarsi a vedere il bicchiere mezzo pieno, siamo sicuri che lo sia, e se fossero gli ottimisti ad avere una percezione distorta? Se Microsoft non apre gli occhi potrebbe non accorgersi del baratro (mobile) alle sue spalle nel prendere la rincorsa.
        Pochi anni fa i Lumia erano i dispositivi più consigliabili, economici e affidabili in circolazione, e nonostante l’impegno profuso da Nokia sono stati snobbati da sviluppatori e utenti. Ora che i dispositivi Android fanno molto meno schifo mi chiedo cosa potrà mai fare Microsoft di più efficacie di quanto non sia già stato fatto per convincere le pecore del pianeta? La piattaforma universale? Probabilmente le pecore non si accorgeranno neppure della sua esistenza.

        • Uhm, no. Io non vedo il bicchiere mezzo pieno. Ma nemmeno mezzo vuoto.
          Dico, molto più semplicemente, che non serve avere visioni pessimistiche dove non serve, specie basandosi su dati che non proprio tutti sono riusciti a leggere come si dovrebbe fare. Questo articolo mirava proprio a raccontare una lettura dei dati più “veritiera”. Sono molti mesi, come avrete notato, che non commentiamo più questi dati, proprio perchè non sono immediatamente utili a capire come va il mercato… Ma solo, piuttosto, a creare relazioni di “tendenze”.

      • Sal Cantali

        Dici? Speriamo

  • Mancano anche altri elementi nel tuo ragionamento: ci sono meno modelli (nel mio negozio l’anno scorso in questo periodo avevo una vetrina quasi interamente dedicata a Microsoft, oggi è meno di un terzo), è vero anche che tanti passano da Lumia ad Android ma è vero anche il contrario ed è vero che un Lumia è più “longevo” anche su fascia medo/bassa. Ed è anche vero che le vendite smartphone in totale sono diminuite tantissimo ed in quel diminuire solo Huawei ha avuto una crescita di ben 20% (in questo periodo a Milano non c’è nessuno, i negozi vuoti e il poco che io vendo sono o p8 lite o p9 lite, o Wiko Lenny3 a 99€)

    • Puoi integrarlo, il mio articolo. O farne uno in cui esponi questi pareri, se mancano elementi :)

      In ogni caso, come si potrà capire bene, non potevo compendiare tutto l’universo in un solo articolo, avendo già creato in esso un micro universo d’esempio (tra l’altro) :D

      • esatto, è una cosa talmente complessa che dire “Windows Mobile sta morendo” basandosi su questi dati non è da stupidi, è da ******* ?

        • Inviasubito

          Si infatti. Un mio amico dopo sentirsi dire da altri che windows stava, appunto, morendo, ha deciso di passare ad android, si è preso l’hawaii p8 lite se non sbaglio. Indovinate, dopo 3 mesi ha deciso di ritornare a Windows Phone xD

    • Sal Cantali

      Concordo con te Mariano sul fatto che al momento i WM disponibili per cambiarli sono solo 4 modelli (550,650,950,950XL) ormai a prezzi abbordabili. Il problema e: Perché gli utenti dovendo cambiare lo smartphone non si avvicinano o acquistano WM?
      Io ne sono l’esempio vivente :(, usato Windows dal lontano Omnia 7 fino al 640xl del 2016, poi passato ad android perché infastidito dal comportamento di MS ma a causa di alcune lacune e app che mi servivano. Comprato Android Zenfone 4 gb di ram, gran bel telefono, possiede tutto quello che serve app comprese, ma lo ODIO A MORTE in quanto Android (da ignorante tecnologico che sono) lo reputo un’accozzaglia di OS. Bramo e voglio il Lumia 950-950XL, ma non riesco a decidermi di ritornare a casa MS :( sono impaurito nel dovermene pentire.
      Credo che questo sia il comportamento di molti utenti ex Windows.
      Sono pienamente convinto che se MS facesse qualcosa per invogliare il ritorno di noi utenti scappati, i dati sarebbero altri.

  • D’altronde se hanno introdotto l’obsolescenza programmata un motivo ci sarà, no? :)

  • Gabriele

    Sono molto più interessati i dati sullo share dei vari OS a partire da analisi di aziende di advertising. Per quanto distorte dal fatto che non tutti i telefoni sono monitorati, ma almeno danno una visione generale più veritiera di quello che accade nel mondo reale.

    Il confronto con l’anno precedente può essere oltretutto forviante ogni tanto, non c’è stata una crisi improvvisa questo trimestre ma è qualcosa che va avanti da circa un anno e nel 2015 in Italia abbiamo avuto il boom di vendite WP. Anche per la promo san Valentino.

    Aggiungo che poi vorrei tanto sapere a che punto della filiera è preso il dato di vendita. Di recente ho letto che le vendite dichiarate da Apple sono quelle della casa madre, quindi sia direttamente ai consumer ma per buona parte ai retail. E se il retail poi non vede e li tiene in magazzino? Le vendite sarebbero alte per Apple ma non avremmo aumento dello share dell’OS nella realtà

    • “poi vorrei tanto sapere a che punto della filiera è preso il dato di vendita”

      Aspetto davvero molto interessante questo Gabriele, davvero. Complimenti. In effetti, mentre scrivevo me lo sono chiesto pure io, ma aprire troppi spiragli alla conversazione non avrebbe giovato allo scopo dell’articolo.

      In ogni caso, hai centrato in pieno un dato interessantissimo: in quale momento si registra l’acquisto?
      Ne ri-discuteremo, quando avrò tempo (e dati) per farlo!

      • Sal Cantali

        Roc per favore, che non intervenga in questa discussione il Pennuto XD che non centra nulla con Windows!
        Stia pure in ferie insieme hai suoi discepoli robottiani . :P

        • Ahahah, tranquillo. E’ a riposo tra i prosciutti in cantina. :) Ahahahah

          • Sal Cantali

            Fiuuuuuuuu…… Meno male! Non sopporterei la sua comparsa in questo periodo vacanziero per gli altri e lavorativo per alcuni me compreso :P :)

  • Federico

    Questo potrebbe spiegare il “malfunzionamento accidentale” dell’accesso a gmail. Quanti terminali “attivi” ci sono su wm? Proviamo ad interrompere accidentalmente il servizio, e guardiamo in quanti si lamentano, cosi ho il termometro di quanti utenti attivi ci sono sulla concorrenza. I dati di vendita sono relativi, appunto, come l’annuncio in pompa magna del miliardo di iPhone venduti, ok, ma utenti attivi quanti ce ne sono? Indubbiamente tanti, tantissimi, ma non un miliardo.

  • Vi prego di scusarmi l’immane ot ;)
    Dopo quasi una settimana di RS1 sul mio Lumia 1320 (esperienza davvero più che buona, tranne forse la mancanza di glance screen che avrei reinstallato in qualche modo) per cause di forza maggiore (il telefono non si ricaricava più, non riconoscendo nessun caricabatteria) ho dovuto fare un hard reset tramite WDRT (dal telefono non potevo, la batteria era morta), ritrovandomi purtroppo quindi con Windows Phone 8.1 e ho già letto i numerosi articoli in cui è scritto che non essendoci più TH2 (ultima release Windows 10 Mobile supportata ufficialmente dal mio telefono tramite insider) sui rami insider non posso più avere Windows 10 ufficialmente neanche tramite insider. Quindi ora dovrei rimanere “confinato” qui ad 8.1 oppure c’è qualche modo non ufficiale?

    • Inviasubito

      Se non ricordo male anche un mio amico aveva avuto lo stesso problema, purtroppo poi ha cambiato telefono…

      • Il problema del mancato caricamento (proprio non funzionava, la batteria si scaricava e non compariva il simbolo della ricarica) è sparito, ora è rimasta solo l’assenza di Windows 10 Mobile ?

    • 1.e4

      Non ricordo se il 1320 ha 1gb di ram o meno, nel caso abbia 1gb dovrebbe essere possibile installarci redstone in maniera non ufficiale cambiando i valori del registro.

      • Fatto, sembra tutto apposto ora, grazie

  • CoffeyM

    Mi sono sempre chiesto perchè Android venda così tanto…sicuramente ci sono i fanatici che cambiano modello ogni generazione di galaxyqualcosa; poi ci sono quelli – e sono la più parte – che cambiano perchè costretti da un cellulare che è progettato per essere poco longevo. Infatti concordo con la tesi di fondo dell’articolo. Seguendo questo ragionamento, però, si arriva addirittura a conclusioni contro intuitive: a leggere in giro, sembra che adesso Android sia in grado di reggere bene anche su telefoni che non hanno una carrozzeria da formula1…se le persone che hanno acquistato quei telefoni, si trovassero improvvisamente non costrette a cambiarlo che succederebbe??

    “Dati Kantar 2017: Android cala la sua cuota di marchet!!!1123!!!!undici!!!”

    Comunque, a noi interessa di Windows. Secondo me un calo c’è stato. Tira e branca siamo sempre in ritardo (per chi lo percepisce, questo ritardo, beninteso!). Voglio vedere bene però a marzo 2017 (quando è uscito WM10 come aggiornamento) cosa ci raccontano rispetto a questo periodo. Io uso principalmente un 820, ma di tanto in tanto un 830 per vedere W10. Sono stato lì lì per cambiare il mio e passare al lato verde della forza. Un mio amico con 830, recentemente, ha scelto di abbandonare la nave. Tutti gli scontenti di marzo…che fine hanno fatto? Lo zoccolo duro dei 520, tanto per capirci: dove sono andati? E se alla fine a marzo 2017 leggessimo:

    “Dati Kantar: Android rimane kostante!!!11!!”

    • Daniele Cereda

      Attenzione,all’ottima analisi dell’articolo va aggiunta anche una cosa:chi è il compratore medio dei 3 os? l’Applefan convinto lo si conosce,scimmiato epr la mela e non potrebbe vivere senza,l’utente WP ha la consapevolezza più concreta di cosa cerca e di cosa ha tra le mani,android ha per la maggior parte(per anni l’ho fatto pure io)smanettoni che fleshano ROM settimanalmente,il mercato ha più movimento a prezzi che crollano subito e puoi cambiare anche dopo 6 mesi un device,ora ad esempio tra i cultori android c’è il boom Oneplus3,senza inviti,gente che aveva preso un P9 3 mesi fa e lo rivende per passare ad OPO,i dati di vendita di android stanno tutti li,leggerli per dire che è il migliore è un errore madornale di intrpretazione.

    • Android genera un “ciclo” di cambi che secondo me si spiega per una serie di motivi:
      – presenza di molte marche, di buonissimo livello: Huawei ha fatto uscire cellulari che, pur avendo un Samsung o un Asus, hanno incuriosito il pubblico per qualità “necessarie” come la fotocamera ed altri piccoli espedienti commerciali;
      – tante marche, generano l’humus necessario a far attecchire i messaggi promozionali e pubblicitari: se con una volantino Mediaworld (faccio per dire) posso prendere un più potetente Samsung rispetto al mio primo Android Wikio, non lo faccio? Certo che lo faccio.
      – i numeri: tanta concorrenza, specie con nomi “potenti” (Samsung, ad esempio) genera una necessaria calata dei prezzi medi degli altri produttori. A ciò, bisogna unire l’obsolescenza “indotta” dalla pubblicità: “hai ancora un GAlaxy 3? Ma il 5 carica in metà del tempo e non muore nell’acqua”.

      Tutta questa serie di motivi, Coffey, credo rispondano alla tua domanda iniziale.
      Va da sè che Ms non possegga quasi nessuno di essi: non ha praticamente “OEM”, non possiede modelli di punta che facciano sembrare vecchio il tuo modello attuale al punto da detestarlo, non ha un S.o. che gira malissimo se non cambi cellulare.

      Quanto al contro intuito: boh. Sarei curioso di saperlo pure io. Nella mia ottica, stanti i punti precedenti, credo che la varietà di produttori e di modelli possa ovviare all’effetto “freno” di cui parlavi.

  • Alessandro Papà Nonaltrimentis

    Una considerazione e una domanda. La considerazione é che ovviamente i dati letti in questo modo andranno letti sempre cosi anche se e quando i dati di vendita degli smf wm saranno positivi. La domanda invece é, i cellulari dati a rate o in comodato dagli operatori, contano come “vendite”? Perche in tal caso (se un operatore fa un po di magazzino) i dati potrebbero risentirne. Ultima cosa, per me wm vende poco pii che altro per un motivo, fondamentale per me, assenza di nuovi modelli, sia da casa microsoft che altri brand(all’inizio della presentazione di wm10 se ne erano visto diversi, invece ora mi pare che sia tutto fermo a parte il costoso e tardivo hp).

    • Certo. I dati andranno letti (speriamo) allo stesso modo anche per Windows Mobile.
      Con la sola differenza che – mi auguro – vedremo numeri alti e positivi anzichè solo negativi.

      Quanto alla domanda: NON SO. Ti sono sincero. Infatti, ho meddo in evidenza un intervento che stuzzica proprio questo tipo di curiosità.

  • Alessandro

    Effettivamente Roc, io oggi possiedo un 930 ma l’ho acquistato usato a inizio anno, praticamente nel 2016 io non ho acquistato nessun nuovo brand 1 ma semplicemente mi sono appropriato di quello di giuseppe (in questo caso giuseppe si è comprato un iPhone, e per la cronaca giuseppe è in realtà giuseppina ?).
    Diciamocela anche però, che è vero che molti utenti Windows possiedono ancora lo smartphone dell’anno scorso, una fetta perché ci si trovano bene, un’altra però anche perché ritengono che Microsoft non abbia rilasciato nuovi smartphone all’altezza da convincere a cambiare il precedente Lumia. Personalmente me ne sto rimanendo con Lumia 930 perché mi piace molto e i nuovi Lumia non mi convincono a sostituirlo. I nuovi Lumia non propongono un miglioramento in toto dai precedenti Lumia acquistati. Infatti a guardar bene, un 650 non si allontana poi molto da un 735 o un 640. Il 950 avrà prestazioni più elevate ma ha perso per la strada i soft touch che io adoro (che ho sul mio 930), ed un design più accattivante. Inoltre le prestazioni sono altrettanto elevate.
    Insomma, per aggiungere una postilla al tuo bellissimo ragionamento, gli utenti Windows se ne rimangono per più tempo con il loro bellissimo smartphone, perché ci si trovano bene ma anche perché Microsoft non sta facendo dei netti passi avanti con i nuovi smartphone. Speriamo lo farà con quelli del 2017 sennò Giuseppe se ne dovrà rimanere a vita col sul Lumia del 2015 o amaramente accettare di cambiare Brand.

    • Sacrosanto: niente nuovi modelli significa “niente circolo” delle novità e, quindi, nessun cambio telefono. Un po’ quel che ho scritto nella risposta a CoffeyM.

      (ahahah, mi hai fatto ridere molto con la genesi di Giuseppe/giuseppina) :)

  • ILCONDOTTIERO

    Anche io spesso ho detto che Microsoft non sta guardando quello che sta accadendo. Se poi non fosse realmente cosi ?? Che considerazioni dovremmo fare oltre a quelle fatte da Roc ? Il dilemma mi assale e oltre a tutto quello scritto e rifruttato da mesi nn so darmi altre spiegazioni. Al di la delle quote di mercato che tutti conosciamo non so cosa altro pensare , ovvero credo che la paura di avere un terminale da gettare sulla pattumiera sia condividibile, ma il mio 830 tralasciando i bug del flicker con edge e gli spegnimenti di 1/10 secondo sporadici del display non soffre di altre paturnie . Non ho l’esigenza reale di cambiare il terminale, semmai un po’ soffro la frustrazione del reparto app , ma quando prendo in mano il mio s3 tutto torna a posto e non sento l’esigenza di pensionare il fantastico 830 . Mi piacerebbe avere un Surface Phone ma a quei prezzi al limite ci farò una foto sulla vetrina quando lo esporranno come ricordo :D .

    • Secondo me, Ms sta aspettando a tirare furi altri smartphone perchè vuole finalmente un sistema BEN FATTO, aperto e “pari alla concorrenza”. Da lì in poi, saranno gioie. Molte.
      FINALMENTE
      (o addio al settore mobile, ovviamente. Ma spero di no)

      • Sal Cantali

        Potrebbe essere Roc, però devono anche comprendere che con questo sistema si stanno SUICIDANDO!
        Come credono di rifarsi la clientela se scendono al 2-3%? Non di certo saltando fuori con il Surface Phone che costi 500-600€ di botto!
        Almeno almeno mi devi saltare fuori sul mercato con 3 modelli in contemporanea (per come la vedo io e farei io), un base € 200, un medio €350, un top €500-600 con la nuova linea fighissima style SURFACE, deve avere un OS coi fiocchi, continuum su tutti, app. quante ne possiede IOS e ANDROID, insomma uno smartphone da farti emozionare e piangere dalla gioia con le future che i rivali non hanno (vedi contunuum).
        Allora sono d’accordo che puoi permetterti di scendere ancora come %. Ma poi devi fare il botto! SUBITO SUBITO, lasciare al palo gli avversari attoniti.
        Questo vorrei da MICROSOFT.

        • Vorrei le stesse cose, ma secondo me hanno qualche piano. Credo e spero sia così. Non credo molto al surface phone costosissimo. Credo piuttosto ad una serie di novità e di nomi grossi che adotteranno il nostro S.o. (ma solo quando sarà ottimo)

  • Resta tuttavia da chiedersi come mai Giuseppe, che ha cambiato telefono ogni anno, non ha mai preso in considerazione un Brand 1; ovvero, più in generale, come mai chi ha comprato un Windows Phone lo tiene a lungo, mentre chi ha comprato, mettiamo, un Galaxy S6, pur essendone complessivamente soddisfatto, lo cambia con un S7 e non con un 950.
    Ogni Casa rinnova i suoi modelli ogni anno, confidando nel fatto che milioni di suoi clienti desiderano avere un terminale sempre aggiornato; noi, invece, ci lamentiamo del fatto che non arrivano aggiornamenti su modelli di tre anni fa…
    Purtroppo, così come in tanti altri settori, un marchio rimane in vita se vende, non se chi acquista i suoi prodotti li fa durare una vita.

    • E se la risposta fosse che Microsoft sa bene che ora il suo OS mobile non è perfetto e quindi (QUANTOMENO) aggiorna anche telefoni vecchi di tre anni, in attesa di iniziare a fare come tutti gli altri, quando avrà un sistema operativo convincente sia per gli utenti sia per i produttori?

      Questo è il motivo per cui i Giuseppe non comrano Brand1. Solo questo: attualmente, a causa dell’app gap, del fatto che dai noi si paghino alcune app, etc, spinge Giuseppe a prendere solo Brand2
      (mi rendo conto che se qualcuno dovesse leggere solo la mia risposta e non anche l’articolo, passerei per matto!)

  • salva

    Io ho un 920 da due anni e 9 mesi è funziona ancora. Ma da qualche mese che voglio sostituirlo con un nuovo Windows Phone ma la scelta per me si riduce a solo tre modelli il 640xl il 650 e il 950 e tutti e tre hanno dei nei quindi aspetto sino a novembre poi cerco di prendere il 950 sempre prezzo permettendo, sinceramente il 650 non mi convince mentre il 640xl non è nativo con w10. Se ci fossero stati altri modelli sicuramente l’avrei già cambiato. Microsoft aspetta gli ogm i lumia gli dismetterà per produrre il surface Phone purtroppo, siamo in un periodo di trapasso. Comunque io ho deciso di rimanere su questa nave ancora, android non mi ispira. Spero di non sbagliare.

    • Breus

      In un periodo di “trapasso”!? XD. Io spero che sia solo un periodo di transizione.

      • salva

        Si si volevo dire transizione!!!

  • Moreno Casalanguida

    Secondo me. Luglio e Agosto le vendite saliranno di nuovo per via del 640xl a 99€ da mediaword e il 650 a 119€ ve lo dico perché o iniziato a lavorarci (e ci hanno già rifornito tre volte)
    Ho visto persone incuriosite con android cambiare. E chi ha iOS accompagnarlo con un telefono secondario (quindi lumia) e ammettendo che a livello di prestazioni sono superiori ma peccano di app.

    • Moreno Casalanguida

      OT: App foto aggiornata e torna la funzione STAMPAAAAAAAAAAA ???

    • Anche io in questi 2 mesi ho venduto una cinquantina di 640 XL LTE a 149€, quindi, a quel prezzo direi che avrà fatto il BOOM!!! ne ho venduti anche una 30ina Dual SIM ;)

    • Curiosissimo pure io di vedere i prossimi dati pazzarielli! :)

  • gtb

    Ottimo articolo, analisi condivisibile, tuttavia mi resta una sensazione di incompletezza che mi gira per la testa, se realmente Microsoft vuole sbarazzarsi dei telefoni vecchi e in vari casi ancora ottimamente funzionanti ( da 820 in su) tagliandoli fuori dagli aggiornamenti, perché allora non offre la possibilità di rimpiazzarli con nuovi modelli? L’utente più informato sa che il 950 lo puoi trovare in rete sotto i 300 € ma la massa compra nei negozi fisici dove i prezzi sono ancora altissimi, ovviamente la massa dei possessori dei vecchi Lumia se dovrà cambiare telefono cambierà marca ( cosi dicono loro ) e si comprerà il P.Lite del momento senza quasi rendersi conto , se non dopo l’accensione, di aver cambiato os, tutto questo mi sembra talmente assurdo da parte di Microsoft, sostanzialmente manda via i suoi clienti.

    • Proprio per il fatto che non ha sortito buoni effetti con il 950.
      Secondo me il 950 è stato un test: gli utenti, preferiscono hardware potente e o vogliono un So. corposo e ben fatto, con uno store degno?

      A mio parere, stanno lavorando per creare questa catena: s.o. affidabile attira produttori –> tanti produttori, tanta concorrenza –> tanto di entrambi, porta a prezzi bassi e possibilità di far uscire il toppissimo di gamma, tipo Surface Phone –> tutto questo genererà richiamo per gli sviluppatori.

      Pazzesco? Per me no!

      • gtb

        Vorrei essere ottimista ma dall’arrivo di Nadella ho avuto la sensazione che per quanto riguarda le strategie siano stati un po’ ondivaghi, prima tanti device mal distribuiti nei segmenti di mercato, poi la trovata dei tre modelli anche qui mal diversificati ed infine la fregnaccia del mercato business che ha comunque bisogno come il consumer delle app e certamente non può fare numeri sufficienti per sostenere un produttore di Smartphone, se speravano in altri produttori, questi non si sono praticamente visti e sarà ancora più difficile se la base di utenti si assottiglia sempre più, per vedere questo basta vedere il tasso di adozione di w10m in base alle statistiche fatte da ad duplex credo si chiami, i vecchi device anche se longevi non sono eterni e come dicevo nell’altro commento molti cambiano e passano ad altro per mancanza di offerta, per verificarsi quello che tu hai auspicato dovrebbe avvenire una rivoluzione e ad oggi non se ne vedono proprio i segni. Spero di sbagliarmi perché a me piace questo Os e finché il mio telefono funzionerà non ci penso proprio a rinunciarci.

  • Hankel

    il ragiomento è sensato ma in mancanza dei dati di diffusione non si può affermare se sia la realtà dei fatti :)

    • Certo. Infatti la mia è una lettura, che spero però possa essere più circostanziata e ragionata rispetto ad un pessimo “perdiamo ancora quote di mercato”.
      Non è vero. O meglio, non è la sola verità considerabile.

  • roberto

    Se mi é possibile vorrei dire la mia dopo un paio di premesse. 1 sono un cultore di Windows Phone, 2 la statistica di x se é fatta da freddi numeri, ma secondo me da ancora la giusta idea di ciò che succede realmente. se da una parte chi possiede un microsoft ha un telefono con una maggiore stabilità e sente meno il bisogno di cambiarlo e anche vero che, chi ha un android e vuole avere un secondo telefono difficilmente migrerebbe su un Windows Phone. Secondo me tutto verge sulla scarsa politica di marketing e comunicazione di microsoft, i suoi device sono ottimi affidabili e stabili, ma non hanno appeal. Mettiamoci anche che la stampa di settore (ossia varie riviste specializzate) boicotta molto il suddetto sistema operativo x una semplice legge di mercato, ( gli androniani sono esponenzialmente di più) e il gioco è fatto, e qnd i dati relativi alle vendite sono vicini alla realtà. Questo ovviamente non è indice però di maggiore qualità del prodotto, ma solo della sempre più standardizzazione degli utenti di telefonia o tecnologia varia. Grazie dello spazio concesso.

    • E’ sempre un piacere leggere i commenti dei nostri lettori, quindi grazie a te per aver scritto.

      Quanto al “Microsoft non spinge i prodotti”, concordo con te, ma credo sia una mossa cautelativa, come ho scritto un po’ ovunque quest’oggi tra i commenti di questa pagina :)

  • Carlo Gamna

    Portando il ragionamento di Laterza all’estremo potremmo ipotizzare che se tutti coloro che hanno acquistato un Lumia nel 2015 ce lo hanno ancora allora il 5% di Windows Phone/Mobile venduti nel 2016 sono ex clienti Android/iOs passati a Microsoft. Quindi Microsoft ha conquistato il 5% del mercato mobile! Gioiamo!

    E il rumore delle unghie sui vetri diventa ancora più assordante.

    Aldilà delle nostre interpretazioni da Windows fan, i dati evidenziano un fatto inconfutabile: Microsoft ha PIÙ CHE DIMEZZATO GLI INCASSI del settore mobile. Il che significherà altri tagli, altri licenziamenti, altri sviluppatori che migreranno su altre piattaforme se Microsoft non decide di investire pesantemente in W10M.

    • Ciao. Hai lo stesso cognome della mia prof di Matematica delle medie, a Milano. :)
      Detto questo, caro Gamna, ti dico che – letto bene l’articolo? – odio profondamente il rumore delle unghie sul vetro, quindi non sarò certo io a potermene rendendere fautore. Altresì, non penso di aver alcuna delle caratteristiche del “windows fan”, proprio perchè l’unico punto assonante con essi è che scrivo qui.

      Premesso tutto questo, vado a rispondere.
      Il mio piccolo esempio dei due utenti ha le limitazioni che paiono ovvie anche al lettore più provveduto, quindi credo tu le abbia colte considerato che scrivi bene e relazioni i concetti. Proprio per questo, mi meraviglia tu non abbia colto la portata esemplificativa del mio dire. Ovviamente, il mercato ha sfumature complesse e non facilmente enumerabili in un piccolo articolo di un blog. Tali e tanto sono i fattori che ne generano le dinamiche, da non poter nè io nè altri sperare di descriverle e comprenderle tutte.

      Stanti così le cose, capirai bene che non è diversamete semplicistico seguire il tuo ragionamento “all’estremo” nè trarne quindi delle conseguenze sulla quota di mercato per la quale gioire. Sarebbe bello, ma non è così.

      Nè le mie parole nell’articolo sono migliori o più sensate delle tue: semplicemente, mi piace pensare siano più argomentate. Non penso di aver scritto degli assurdi da “fan” nè di aver esagerato concetti per portare il discorso lontano dalle premesse che ho invitato due volte a leggere.

      Microsoft, tu mi insegni, è una multinazionale che non ha bisogno di fare incassi positivi, se vuole imporsi sul mercato. E’ un concetto elementare di economia internazionale, che, non sapendo tu conosca, mi permetto di accennare.

      Un’azienda che desideri entrare in un mercato con fervore, avendo comparti in crescita come l’infrastruttura di rete, il gaming, il settore table, i software, etc, può tranquillamente permettersi di operare in perdita per entrare di prepotenza dove ancora non esista commercialmente, tanto a livello di settore, tanto a livello di luogo.

      Alla luce di questo, l’unica costa apparentemente strana è il non investire sul prodotto Windows Mobile a livello di marketing. Ma ho spiegato con troppe parole nelle riposte precedenti i miei perchè relativi a questa scelta e non mi va di tornarci su. Non volermente.

      In ogni caso, ti prego: non darmi mai del fazioso o del fan… NON LO SONO. :)
      Se potrai, ti ringrazio. E, se vorrai, controlla i miei tanti articoli del passato: ho criticato quando dovevo, ho difeso quanto dovevo, e via discorrendo. Mi piace “vantarmi” di avere una visione scevra da partigianerie bieche e da stupide tifoserie.

      Un abbraccio.

      • Carlo Gamna

        Caro TheRoc,

        letto bene il mio commento? Io non ti ho mai dato del fazioso o del fan, ho scritto “le nostre interpretazioni da Windows fan”, mi ci metto dentro per primo visto che sono uno estimatore dei Windows Phone, e non c’è nulla di male ad essere un fan. (Ed essere fan è comunque meno che essere lover). Semplicemente non mi trovo d’accordo con il tuo articolo.

        Ovviamente il primo paragrafo del mio commento era ironico: così come non si può concludere dai dati Kantar che la diffusione dei Win Phone/Mobile sia scesa al 5,6%, allo stesso modo non si può concludere che sia molto più alta di quella percentuale. Volendo si può interpretare quel dato come un incremento, ma il punto centrale (e di dissenso tra me e te) è un altro: i dati di vendita ci dicono qualcosa di molto chiaro (e preoccupante) proprio sulle vendite di W10M. Scrivere un articolo per dire che dalle vendite non si devono trarre conclusioni affrettate sulla diffusione mi sembra sicuramente condivisibile, ma anche fuori argomento.

        A mio modestissimo parere la cosa più importante da dire di fronte ai dati di vendita del secondo trimestre 2016 (il primo dall’uscita ufficiale di W10M per tutti i Lumia non esclusi da Microsoft) è che, al contrario delle mie speranze da Windows fan, la rotta non si è invertita. Un anno fa comprai il mio Lumia perchè ero convinto che W10, in quanto sistema universale per PC e mobile, sarebbe stata la mossa vincente per affermare il nostro sistema operativo, colmando anche il tanto famigerato gap app (ed ero in buona compagnia, da quel che ricordo dei post dell’estate 2015). Al contrario, purtroppo, il mercato sta bocciando W10Mobile. E le prospettive, data l’assenza di nuovi smartphone e di marketing, non mi sembrano buone.

        Il tuo articolo, mi sembra, anzichè concentrarsi sugli aspetti più importanti della situazione si focalizza su un’analisi condivisibile ma secondaria. Capisco che bisogna cercare di tenere alto il morale di noi utenti Windows Mobile (e per questo di ringrazio perchè anch’io ne ho tanto bisogno), ma l’ennesimo drastico calo delle vendite va, secondo me, affrontato con la necessaria urgenza, non con un’interpretazione consolatoria.

        Mi sembrerebbe molto più importante, per esempio, cercare di capire come mai in Italia le vendite di Windows, tradizionalmente più alte che nel resto d’Europa, si stanno così velocemente uniformando ai livelli di Germania & Francia.

        Infine, tu scrivi: “Microsoft, tu mi insegni, è una multinazionale che non ha bisogno di fare incassi positivi, se vuole imporsi sul mercato”. Concordo ma, sinceramente, tu credi davvero che Microsoft voglia imporsi nel mercato smartphone (consumer, cioè quello che riguarda la maggior parte di noi)? Io non lo credo più: tra i tanti motivi quello più convincente ai miei occhi è questo: che senso ha lanciare un nuovo sistema operativo e da quel momento smettere di produrre smartphone con quel medesimo sistema operativo? E’ mai successo nella storia dell’informatica?

        Passando alle cose serie: non ho parenti a Milano, nè tantomeno parenti professori di matematica! Ma immagino che una professoressa con il mio cognome sia stata una disgrazia per gli studenti (sono professore anch’io). Sorry!

        A presto

        • Già meglio iniziare con “theRoc”. Bene.

          Potrei innescare un loop infinito, chiedendoti se davvero hai letto BENE il mio articolo e riletto la tua risposta, ma va ben, ho capito che sei persona con la quale si può scherzare quindi non ci sarebbe gusto.

          C’è di male, sì, ad essere FAN, perchè io non lo sono. Lover, per come la vedo io, ha un’accezione più “easy”. Mi piace, perchè mi piace. Ma non al punto da non saperne cogliere i difetti. Ci tengo, non sono un fan (fazioso).

          Il mio articolo, venendo al resto, si focalizza proprio sui punti che desideravo toccare. Io devo fare informazione E parare ad un’utenza che condivide con me una passione. Sarei folle a farlo in maniera denigratoria, ma sleale a non raccontare la verità. Un aiuto nella lettura era il mio scopo.

          Purtroppo, anche a me piacerebbe sapere i motivi del calo italiano che va uniformandosi, ma – come dicevo – le dinamiche del mercato sono tali e tante da rendere l’idea di farne un articolo abbastanza difficile. Sorry.

          A mio avviso, in(quasi)fine, per spiegare come la penso in merito alle assurdità attuali di MS ed in merito a parte delle domande che sollevi, ti indirizzo qui:

          http://windowslover.it/sara-davvero-surface-phone.html
          (sempre made in Laterza, così non ti annoi!) :)

          Cose non serie: Professore. Eccolo là. Te pareva :) Aahahahaah

          A presto :)

    • Daniele Cereda

      ok allora hai fatto esattamente l’errore che imputi con il tuo ragionamento.Il dimezamento degli incassi(mi citi fonti serie?mi link resoconti di bilancio seri?)segue la logica dell’assestamento di vendita dovuto all’abbassamento del turn-over dei device,lo spirito ,per me,dell’articolo era proprio quello di evitare esasperazioni come le tue,che dai dei fan agli altri,ma poi sembra che di lavoro sei manager di Apple o di Google tanto da consigliare a MS che strade prendere.

      • Carlo Gamna

        Caro Daniele,
        se nel 2015 14 smartphone venduti su 100 erano Microsoft mentre nel 2016 solo 5,6 su 100 lo sono (presumendo che il numero totale di device venduti in Italia non sia significativamente aumentato) è matematico che gli incassi siano almeno dimezzati (a meno che il costo medio dei device venduti nel 2016 non sia il triplo del costo medio dei device venduti nel 2015). In ogni caso è Microsoft stessa ad aver dichiarato un calo del 70% su scala mondiale (quindi molto più che dimezzato) http://www.wired.it/mobile/smartphone/2016/07/20/microsoft-crollano-vendite-smartphone-calo-del-70/

        Inoltre, come ho già scritto a TheRoc, io non dò “dei fan agli altri”, ho scritto “Aldilà delle nostre interpretazioni da Windows fan” perchè io sono un fan di Windows Phone/Mobile e non ci vedo assolutamente nulla di male in questo (e immagino che in un blog che si chiama windowsLOVER di fan ce ne siano tanti). Io faccio il “tifo” per W10M perchè spero che il mio Sistema Operativo si affermi sul mercato e migliori continuamente. (in realtà la motivazione principale è che preferisco poter scegliere un prodotto in un mercato plurale anzichè in un mercato dominato da un duopolio che per le mie tasche significa di fatto un monopolio Android)

        Concordo nell’evitare le esasperazioni, non concordo nell’evitare di dire chiaramente che la situazione generale dei Windows Phone (sia sul versante vendite, sia sul versante diffusione & sviluppo) stia peggiorando ulteriormente nell’anno che doveva essere di rilancio grazie all’uscita del nuovo sistema operativo universale.

        Senza risentimenti, rabbia o presunzione. Al contrario, trovo bello e utile confrontarsi con chi la pensa in maniera diversa dalla mia (in questo caso, TheRoc).

        • Senza risentimenti, rabbia o presunzione. Al contrario, trovo bello e utile confrontarsi con chi la pensa in maniera diversa dalla mia (in questo caso, TheRoc).

          PERFETTAMENTE D’ACCORDO. QUi funziona così.

        • Ma ✔ᵛᵉʳᶦᶠᶦᵉᵈ

          Sono d’accordissimo, se Microsoft non investe in Windows Phone si arriverà all’estinzione del sistema a finestre… Non lo dico solo io, anche Davide Lorenzin, famoso sviluppatore Microsoft, che ha sicuramente più voce in capitolo di me, avendo avuto vari incontri con membri importanti di Microsoft negli Stati Uniti.

    • roberto

      Concordo in pieno……..purtroppo

    • Sal Cantali

      Concordo in pieno….. MS SVEGLIAAAAAAAAAAA!!!

  • Ma ✔ᵛᵉʳᶦᶠᶦᵉᵈ

    Ragionando da rivenditore mi sento di smentire l’articolo, in quanto nella mia attività (seppur in un piccolo paese rispecchia i gusti dei clienti), avrò venduto da quando è uscito, almeno una ventina di Samsung S7 edge, mentre di Windows Phone ne ho venduti in tutto 5/6, tra cui il 950 di mio fratello e il 550 di mia cognata.
    Perché ciò? Perché Samsung è più capace, sta facendo quello che ha fatto Apple negli anni scorsi, sta creando necessità, desiderio, facendo accordi con gli operatori per acquisti scontati, pubblicità martellante e vendendo un prodotto originale. Microsoft che ha fatto nel frattempo? NULLA, niente dispositivi nuovi, pubblicità zero. Originalità? Una volta forse. Non ha stipulato accordi, non ha fatto offerte di nessun tipo, hanno tagliato posti di lavoro, spostato risorse su altri settori e sono in attesa di OEM piuttosto che impegnarsi per far diffondere il sistema mobile.
    Questo dico a ragion veduta, per esperienza “sul campo”.