Nuovo HP Spectre: quando il massimo dell’eleganza incontra le prestazioni

HP Spectre

Come vi avevamo anticipato, nella giornata di ieri HP ha presentato un nuovo laptop: l’HP Spectre.

 

Devo ammettere che, non appena ho avuto il tempo di scorrerne rapidamente le specifiche e alcune immagini, questo dispositivo mi ha lasciato davvero stupito. Fermarsi all’incredibile sottigliezza, che eleva questo prodotto a “laptop più sottile del mercato”, non credo renda onore a ciò che questo prodotto promette di essere. Sembra infatti che in soli 10,4 mm di spessore gli ingegneri di HP abbiano saputo implementare specifiche notevoli, ma, soprattutto, un design elegantissimo, esaltato da un’ottima fusione tra alluminio e carbonio, e, a mio avviso, davvero piacevole.

 

Per quanto riguarda le specifiche mi limito ad annoverare il display da 13,3 pollici FullHD, 8GB di memoria RAM, e disco rigido SSD. Le due versioni disponibili si distingueranno per processore e storage: il modello più economico utilizzerà infatti un processore Core i5 e un SSD da 256GB, a fronte di un Core i7 e 500GB montati sul modello più prestante. Entrambi i processori fanno parte dell’ultima generazione di tecnologie Intel, per garantire prestazioni eccellenti.

 

HP Spectre

 

Si tratta chiaramente di specifiche notevoli, se si considera il volume limitatissimo e soprattutto il prezzo, che ha saputo ribassare ogni mia più rosea aspettativa: soltanto 1.170 dollari per la configurazione base e 1.250 per quella destinata agli utenti più esigenti.

 

Il tutto è corredato da una cura dei dettagli davvero notevole: tra le qualità “invisibili” ad una prima occhiata compaiono per esempio uno schermo protetto da Gorilla Glass e una tastiera retroilluminata. Notevole anche l’aspetto ingegneristico di questo dispositivo, conseguenza diretta di un design così ricercato. Così per raffreddare i potenti processori Intel si è dovuto ricorrere ad un sistema iperbarico, che sfrutta, cioè, una differenza di pressione generata da un sapiente posizionamento delle ventole per aspirare aria fresca dall’esterno. Questo permette un’efficienza migliorata nella dispersione del calore, che solitamente è attribuita esclusivamente ad un sistema di “espulsione” del calore tramite ventole.

 

HP spectre cooling iperbolic

 

Un altro fattore in netto contrasto con leggerezza e sottigliezza (anche il peso infatti è stato magistralmente limitato ad 1,1kg) è la capacità della batteria: per permettere un’autonomia dichiarata di nove ore è stata divisa in quattro celle di dimensioni differenti distribuite su tutto il dispositivo.

Per quanto riguarda la connettività essa è affidata principalmente a tre porte Usb Type-C, che permettono anche di ricaricare il dispositivo in massima libertà. Anche le prestazioni sonore promettono di essere all’altezza della situazione, con un sistema marchiato Bang & Olufsen, come siamo ormai abituati a vedere sui prodotti Hewlett-Packard di rilievo.

Il tutto dovrebbe essere preordinabile già dal 25 Aprile, e sarà disponibile in due colorazioni: nero e oro.

 

HP Spectre

 

Si tratta evidentemente di un dispositivo che ha saputo raggiungere un eccellente compromesso tra prestazioni e design, privilegiando sicuramente quest’ultimo aspetto. Sembra infatti un ultrabook dedicato a chi non si accontenti di un prodotto eccellente, ma ne voglia uno che sappia esprimere il prorpio valore già a colpo d’occhio. Tra le poche mancanze sottolineate dai primi opinionisti si annoverano la mancanza del QHD, che su uno schermo di queste dimensioni reputo pressoché inutile, o la mancanza di uno schermo touch-screen, che però avrebbe certamente richiesto uno spessore maggiore. L’unico divetto che invece io considero tale, a volerne trovare uno, è forse la capacità del SSD, limitata a 256 GB nel modello più economico e quindi un po’ limitante.

 

Quel che è sicuro è che HP sa dimostrando di saper innovare, e innovare bene. Lodevole infine l’iniziativa di produrre una serie limitata di Spectre in oro e diamanti, dal valore di 25.000 dollari, la cui vendita finanziera alcune associazioni di beneficienza. Innovazione e filantropia, what else?

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Simone Mascarino
La vita e la bici hanno lo stesso principio, devi continuare a muoverti per stare in equilibrio
  • Mi sembra notevole.
    Io ho un Dell XPS 13 2016, l’ultimo con skylake. Un i5 8gb con schermo opaco. Mi serviva un notebook leggero, piccolo e sottile. Sono estremamente soddisfatto del mio acquisto. Ho applicato ovunque delle sobrie pellicole dbrand in modo che non dovessi preoccuparmi di graffi e potessi stare “meno attento del solito” maneggiandolo outdoor. Ma il vero valore aggiunto del Dell è lo schermo. Ragazzi quando usate per più di 30 secondi quello schermo tutto il resto diventa NIENTE. Quelle micro cornici asfaltano qualunque confronto.
    Di questo HP apprezzo la linea e il prezzo ma non apprezzo le prese IO dietro e, ovviamente, le cornici.

    • ho sempre adorato quell’ultrabook.. 13″ che ingombrano quanto un 11″…. <3

  • TheVexed

    Bel portatile non c’è che dire! Una via di mezzo tra portatile classico e il surface, ma senza touch.

    Ps: Per la filantropia, si può fare benissimo in altri modi invece di finanziare i mercati dell’oro e diamanti che nella maggior parte dei casi sono a scapito delle popolazioni e dell’ambiente. Ma si sa, il lusso non guarda in faccia a nessuno.

    • Simo_Masca

      verissimo quello che dici, ma si può dire lo stesso di chi vende stelle di natale e mimose nelle piazze per le festività, anche quei fiori potrebbero essere coltivati da lavoratori in nero e sottopagati.. il termine filantropo è probabilmente eccessivo, però forse è meglio di niente no?

  • Molto molto bello, il pc perfetto pr chi non ci gioca ma lo usa per fare, diciamo fra molte virgolette il blogger/giornalista. Giusto per dare un’idea. Io lo prenderei.

  • scheda video? spero non sia limitata alla intel integrata nel processore..

    • Simo_Masca

      temo di si invece, non ho trovato nessuno che parlasse di scheda grafica dedicata

  • Luca Serri

    Non capisco che senso abbia prendere il modello con i5 + 256, se quello con i7 + 500 costa solo 80€ in più. La differenza di prezzo è minima.