PhotoScrambler, codifica le tue foto come un vero agente segreto

Se avete foto con segreti di stato, materiale scottante o top secret, questa app le potrà codificare per voi in modo da renderle illeggibili. Solo voi poi potrete decodificarle, conoscendo la password di codifica, e farle tornare leggibili come foto normali.

PhotoScrambler è una applicazione molto originale sviluppata da Smart App solutions che ci permette di criptare le nostre immagini JPEG e PNG con algoritmo AES a 256 bit. Le foto codificate sono accessibili dalla galleria del telefono, ma tutto quello che vedremo è un insieme di rumore casuale incomprensibile (un esempio sotto).

Image 13

 

Lo scrambling è una procedura ampiamente utilizzata nel mondo digitale per codificare le trasmissioni e renderle illeggibili da chi le intercetta. Senza la chiave di codifica è sostanzialmente impossibile decodificare il messaggio (nel nostro caso la foto). Per questo nell’applicazione, che possiamo proteggere con un PIN iniziale, dovremo inserire dei profili di scrambling. In pratica sono i codici (password) con i quali l’app codificherà le nostre foto, insieme ad un titolo per ricordarci meglio il profilo. Nella versione di prova dell’applicazione potremo memorizzare solo un set limitato di profili.

Per codificare una foto dovremo prima creare un profilo, immettendo il suo nome (codice descrizione) e la password (codice scrambling) a nostra scelta. Possiamo anche impostare un colore.

Image 2

Una volta creato il profilo, dovremo selezionare le foto da codificare e scegliere la dimensione finale (la prova limita questa funzionalità a solo 3 set di risoluzione). Toccando codifica inizierà lo scrambling e dovremo soltanto attendere, molto poco. Prima della codifica, possiamo anche scegliere se sostituire direttamente gli originali o creare delle copie. Per provare l’applicazione vi consiglio di creare delle copie, anche perché la versione di prova limita la risoluzione e potrebbe diminuire irrimediabilmente la qualità delle foto che date “in pasto” alla cifratura.

Image 3

L’utilizzo più comune è ovviamente quello di un utente normale che vuole semplicemente nascondere dei determinati contenuti. Tuttavia ci sono altri scenari di utilizzo e creare più profili di scrambling è utile se vogliamo condividere queste foto codificate con qualcuno. Mettiamo di avere bisogno di codificare delle immagini da inviare ad una azienda: creiamo un profilo ad hoc, ci codifichiamo le foto e condividiamo queste foto codificate all’azienda tramite l’app.

PhotoScrambler, infatti, integra un sistema di “condivisione sicura” che caricherà le foto sul loro server sicuro. Ve l’ho già detto che è sicuro? Nell’app questa parole è ovunque. Scherzi a parte, prima del caricamento dovrete selezionare il giusto profilo di scrambling che avete usato per codificare le foto e potrete anche impostare un timer di autodistruzione delle foto dal server, scaduto il quale verrà eliminata ogni traccia dei vostri file. Terminato l’upload, potrete condividere i link tramite qualsiasi app appaia sul vostro Windows Phone. Nel mio caso, tramite SMS, potrete inviare una cosa del genere:

Check out my PhotoScrambler image(s) https://photoscrambler.com/DownloadLink.aspx?imgsrc=serie di tanti numeri senza senso

Ogni immagine avrà il proprio link che vi porterà ad una pagina web in cui potrete scaricare le immagini codificate oppure vederle decodificate inserendo il codice di scrambling (che dovrete necessariamente comunicare in qualche modo al destinatario).

 

Articolo precedenteArticolo successivo
Francesco Tili
When you change the way you see the world, you'll change the world you see - S. Nadella
  • M_90® ????⚡??

    che belle le universal app, ti fanno innamorare di questo ecosistema.

  • giovinciello

    Segnalo Perfect Photo Locker (così come tutte le app di questa software house, davvero ben fatte), non cripta le immagini a tal punto come quest’app, diciamo che ha un approccio un pò più soft ma la trovo semplice e ben fatta :)

    • Do subito uno sguardo :)

    • Conosco bene lo sviluppatore di queste app ;) Se non erro era quello dietro a #1 Toolkit