[Aggiornato] Project Spartan diventa Microsoft Edge e svela altre potenzialità

Project Spartan cambia nome (come avevamo preannunciato qui) e diventa Microsoft Edge, e svela tutte le sue potenzialità ancora nascoste.

Il nuovo browser si pone come un cavallo di battaglia della nuova versione di Windows, puntando ad assottigliare il confine (“edge”) tra mondo esterno e dispositivi tecnologici.

Come abbiamo avuto modo di vedere durante questi mesi di Preview, infatti, esso includerà, tra le altre cose, il nostro amato assistente vocale personale, Cortana, e, funzione di estrema utilità, la possibilità di prendere note facendo diventare ogni pagina web un foglio di appunti.

Ma fin qui niente di nuovo a parte il nome, scelta obbligata per il termine “Project”, anche se a me Spartan piaceva (forse Spartan era troppo… “spartano”? D’altronde questa non è Sparta, ma Microsoooooooooft!!!).

Cosa è svelato ancora al Build?

La possibilità di gestire le estensioni Web HTML e Javascript e di rendere compatibile ognuna delle miriadi di estensioni di Chrome tramite piccole modifiche al codice.

Una svolta “democratica” che ha trasformato Sparta in Atene: ora neanche sul versante web gli sviluppatori hanno più scuse.

Articolo pubblicato il 30 aprile 2015 ore 00:37

Aggiornamento

Ecco trapelato il nuovo logo di Microsoft Edge, vi sembra familiare? Chissà perché volevano cercare a tutti i costi un nome che iniziasse con la “e”? Perché gli utenti sono abituati ad associare, ormai, il logo di Internet Explorer a “quella cosa che va su internet” e quindi questo nuovo nome e questo nuovo logo faciliteranno il passaggio al nuovo browser. Vi ricordo che esso sarà di default e andrà a soppiantare Internet Explorer, il quale rimarrà comunque per questioni di compatibilità.

CDx9t8_WMAIzbSV

Fonte: Kyle Pflug su Twitter

 

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Con la passione per la scrittura e maniaco di tecnologia, un esploratore dei recessi della comunicazione e dei suoi mezzi: un Indiana Jones dell'era digitale