Project Spartan: supporto allo streaming adattivo DASH, HLS e come abilitarlo

Da IEBlog arriva la notizia che il browser di Windows 10 (nome in codice Spartan) supporterà i protocolli HTTP Live Streaming e MPEG-DASH. Non sapete di cosa stiamo parlando? Siete curiosi? Continuate a leggere.

Lo streaming è un tipo di tecnica che è utilizzata per veicolare dei flussi multimediali (video o audio) dalla rete sul vostro PC tramite protocollo HTTP e che vi permettono di usufruire del contenuto senza attendere il download dell’intero file. Lo usiamo comunemente ogni volta che visioniamo un video su Vimeo, YouTube o quando ascoltiamo la musica attraverso Spotify. Ciò che lo caratterizza, e lo rende straordinario, è che il file comincia ad essere riprodotto subito, senza che il caricamento arrivi al 100%. Nella pratica ciò avviene, a lato server, prendendo il file originale (il video ad esempio) e “spezzettandolo” in tanti pacchetti (piccole porzioni video riproducibili), che vengono scaricati con ordine uno dopo l’altro e consentono la visione dell’intero file durante il suo download. All’inizio della riproduzione vi è un attimo di attesa chiamato “buffering” nel quale il browser scarica i primi pacchetti per iniziare la riproduzione e portarsi in vantaggio con il download.

A volte però, come sarà successo a tutti, il video non si carica bene e si blocca o va a tratti, con un costante buffering. Ciò avviene perché la velocità con cui state scaricando i pacchetti non è sufficiente, questo perché o la vostra rete è lenta o la qualità del video è troppo alta (pacchetti troppo grandi, ci vuole più tempo). Ogni video è infatti caratterizzato da un “bitrate”, cioè la quantità di byte utilizzata per secondo di video (o audio, fa lo stesso). Più il bitrate è alto, più la qualità del video è maggiore, più tempo ci vorrà a scaricarlo! Un video in FullHD è molto più pesante (ha un bitrate maggiore) rispetto a uno a 360p.

YouTube ci ha abituato a scegliere la qualità del video tra varie opzioni per permetterci di vedere un video senza interruzioni dovute al caricamento.

Lo streaming adattivo

Ma allora cos’è questo streaming adattivo? Lo streaming adattivo consente lo streaming di un contenuto variando automaticamente il bitrate del video per consentire la visione di quest’ultimo alla massima qualità possibile con la vostra rete senza avere interruzioni dovute al caricamento (buffering). Cioè voi mettete play e fa tutto il browser! In pratica il video è sempre spezzettato, ma i pacchetti vengono offerti dal server in diversa qualità (bitrate) e il browser sceglie quale scaricare a seconda della velocità della vostra connessione.

Con Windows 10 sono implementate due tecniche di streaming adattivo: il MPEG-DASH e HLS nel nuovo motore di rendering EdgeHTML. Come dice IEBlog:

“Web-delivered video content har rapidily shifted away from download and playing a single video file to an adaptive approach designed to support a broad array of network conditions. (the adapitve streaming) allows the client to react to changing network and device conditions in order to provide the best possible experience for the user.”

“Il contenuto video distribuito tramite web è rapidamente passato dallo scaricare e riprodurre un singolo file video ad un design più adattivo, progettato per supportare tutte le condizioni possibili della connessione. (Lo streaming adattivo) premette al client di reagire al cambiamento delle condizioni del dispositivo e della rete internet per veicolare comunque la migliore esperienza possibile per l’utente.”

Sembra che il nuovo motore EDGE sarà molto più potente dell’attuale e implementerà molte nuove caratteristiche dell’HTML5. Speriamo inoltre che, essendo il motore in comune, queste caratteristiche giungano anche sugli smartphone Windows Phone che da sempre presentano una sensibile inferiorità nella fruizione video rispetto ad Android o iOS. Soprattutto nell’impossibilità di effettuare lo streaming live, che speriamo sia compreso in queste tecniche in via di implementazione.

Provate voi stessi

Per chi ha aderito al programma Windows Insider ed ha installato Windows 10 Technical Preview sul proprio PC o Tablet è possibile provare questa nuova funzionalità attivando le funzioni sperimentali all’interno di Internet Explorer. Per ora soltanto la tecnica HLS è stata implementata (il DASH è ancora in via di sviluppo, ma arriverà presto).

Per attivare il motore di rendering Edge, dovrete:

  1. Digitare about:flags
  2. Impostare su Enabled la voce Enable Experimental Web Platform Features
  3. Cliccare in fondo su Apply Changes

Immagine 01

Potete ora provare la funzionalità con questi siti consigliati da IEBlog:

Conclusioni

Leggo con impazienza ogni nuova caratteristica di Windows 10 anche perché spero venga abilitata anche sugli smartphone. Trovo ottima l’implementazione di questa funzionalità, premesso che la si usi per abilitare lo streaming live sugli smartphone. Personalmente non uso lo streaming adattivo (anzi lo odio spesso) per la fruizione dei video normali perché mi piace cercare di vedere il video in alta qualità ma attendere un po’ per il caricamento!

 FONTI: Wikipedia, IEBlog

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Francesco Tili
When you change the way you see the world, you'll change the world you see - S. Nadella