Qualcomm ufficializza il supporto alle app WIN32

Qualcomm conferma ciò che tutti noi aspettavamo: l’esecuzione degli eseguibili x86 sul nuovissimo processore Qualcomm Snapdragon 835.

Il CES 2017 è stato il palcoscenico di presentazione di tantissimi prodotti, più o meno importanti. Uno fra questi è stato il processore di nuova generazione Snapdragon 835 prodotto da Qualcomm. Questo nuovissimo processore ha una potenza di calcolo impressionante e sarà in grado di creare una nuova era per il mondo Mobile. Infatti, è il primo processore che supporta il 5G e che si incentra ampiamente sulla realtà virtuale/aumentata. Ma fra le sue particolarità, ce n’è una che riguarda in prima persona l’ecosistema Windows; ma facciamo un passo indietro.

Emulo o non emulo?

Circa un mesetto fa, durante la conferenza WinHEC tenutasi da Microsoft in Cina, l’azienda di Redmond ha dato particolare importanza al suo progetto di “emulazione” dei software sviluppati per architetture x86 su processori ARM64. Prima di iniziare, ci tengo a riproporvi questo video:

Se ho scritto emulazione fra virgolette c’è una ragione. Alcune settimane prima della conferenza, pubblicai un articolo dove vi illustravo in grandi linee l’intendo di Microsoft. Dissi che il loro obiettivo era creare un software simile a WOW64 tramite il quale eseguire quei software sull’architettura ARM (Piccola parentesi: WOW64 permette l’esecuzione dei software x86 su processori x64).

Se questa tesi è reale, allora non si può parlare di una vera emulazione. WOW64 non emula il software, bensì crea un sottosistema che emuli componenti hardware mancanti nel PC: nel caso in questione, dentro a Windows a 64bit è presente un sottosistema a 32bit che permette l’esecuzione di questi applicativi. Perciò dire che i software verranno emulati su ARM non rappresenta la pura realtà.

Qualcomm mette tutto nero su bianco

Dopo questo piccolo chiarimento, passiamo alle cose serie. Durante la conferenza di presentazione di Snapdragon 835, Qualcomm ha ribadito il suo impegno nella collaborazione con Microsoft nel portare gli eseguibili WIN32 sui suoi processori ARM. Ecco un piccolo estratto dalla sua descrizione dell’835:

Al CES 2017, Qualcomm Incorporated ha annunciato che la sua filiare, Qualcomm Technologies Inc., ha presentato un nuovo fattore premium nell’universo mobile, il processore Qualcomm Snapdragon 835 con x16 LTE. Il processore Snapdragon 835 è il primo per dispositivi mobili ad essere dotato di FinFET da 10nm, consentendo una svolta prestazionale ed un’incredibile efficienza a livello di batteria. Lo Snapdragon 835 è stato ideato per la nuova generazione dell’intrattenimento, con completa connessione ai cloud e potenzialità e dispositivi consumer premium, fra cui smartphone, visori VR/AR, camere IP, tablet, mobile PC, ed altri dispositivi con svariati sistemi operativi fra cui Android e Windows 10 con supporto legacy alle app WIN32.

Per farvi un quadro completo, ecco a voi le specifiche più importanti di questo processore:

  • Quad-Core con frequenza di 2.45 GHz;
  • Quick-Charge 4.0;
  • CPU Qualcomm Kyro 280;
  • Qualcomm Haven Security per una maggiore sicurezza nello sblocco coi sensori biometrici;
  • Snapdragon LTE x16;
  • Autofocus molto più veloce;
  • Rendering più veloce del 25% rispetto all’821;
  • Miglioramenti nella riproduzione dei colori da parte della scheda video;
  • Consumo energico ridotto dell’80% rispetto al modello 801 del 2014;
  • Supporto al 4K HEVC.

Vorrei precisare che il sottosistema Windows x86 sarà implementabile solo su processori Qualcomm, escludendo così device con Mediatek, Rockchip, Kirin ecc ecc. Infine, alcuni giorni fa Qualcomm ha scritto proprio un articolo nel suo blog ribadendo questa partnership con Microsoft. Eccolo a voi.

Lo spettacolo sta per cominciare

Ormai tutte le carte per la rivoluzione targata Microsoft sono sul tavolo. Partendo dagli smartphone fino ad arrivare agli ibridi, la presenta dei processori ARM, col loro basso consumo di batteria e prestazione altissime, può giovare certamente alla produttività, ma questa volta sia in ambito business che consumer. Anche se fino ad oggi Microsoft non si è mai esposta affermando che il suo prossimo smartphone permetterà l’esecuzione dei x86 sui Qualcomm, tutti gli indizi ce lo suggeriscono.

Partendo da quello appena detto fino ad arrivare alla nuova interfaccio Metro per Redstone 3, questo 2017 si prospetta veramente molto interessante. Adesso non ci resta che attendere il Surface Pro 5 ed il nuovo HP con Windows 10 Mobile al MWC 2017. Diteci cosa ne pensate del futuro della casa di Redmond nei commenti!

Fonte

Articolo precedenteArticolo successivo
Alessandro Perrone
Una macchina può fare il lavoro di cinquanta uomini ordinari, ma nessuna macchina può fare il lavoro di un uomo straordinario.
  • Azzorriano

    Fossi in Intel comincerei a preoccuparmi! Avanti così Qualcomm! :-)

    • Ma ✔ᵛᵉʳᶦᶠᶦᵉᵈ

      Le CPU Intel sono indicate per altri utilizzi, dubito che un processore da 2 watt di consumo possa fare meglio di un i3 che ne consuma 70, sono ambienti differenti, sistemi che non centrano niente uno con l’altro.

      • Azzorriano

        Certo, ma se la maggior parte del mercato consumer ha bisogno di basse potenze per un normale uso quotidiano temo che Intel si ritroverà relegata in una nicchia dorata, quella dell’utenza pro.

  • Alberto Nuti

    I processori x86_64 non sono dei veri 64bit quanto normali 32bit con alcuni registri aggiuntivi a 64bit. Per questo WOW64 fa girare software 32bit su Windows a 64bit senza emulazione ma semplicemente rimappando le chiamate 64bit a 32bit.

    Per l’architettura a 64bit “Itanium” è necessario che (un’altra versione di ) WOW64 debba compiere una “costosa” emulazione del processore x86 per renderlo compatibile con il set di istruzioni della cpu fisica.

    In questo caso, Microsoft e Qualcomm hanno collaborato per creare un “WOW64” da x86 verso ARM, facendo in modo che vengano emulate solo le chiamate cpu, lasciando quelle verso le altre periferiche gestite nativamente dalla cpu arm. È questo che dovrebbe fare la differenza, rispetto ad una emulazione completa, ma sempre di emulazione parliamo.

    • 000

      domanda..quindi sul sistema operativo per arm, io andrò ad installare direttamente un exe e verrà riconosciuto al pari di un’app e come clicco l’icona mi carica il software come sui pc x86?

      • Alberto Nuti

        questo poi dipende da come hanno deciso di far fare le cose all’utente, ed è una decisione puramente di “stile” e non tecnica.

        Probabilmente impediranno l’installazione classica e faranno girare tutto via Store. Questa è una occasione d’oro per spostare il piu possibile l’attenzione sullo store e se ci pensi già da adesso ci puoi trovare normali Win32 dentro.

        Inoltre potrebbero fare in modo che le applicazioni win32 siano mescolate alle normalissime App UWP oppure potrebbero tenerle completamente nascoste fino a quando non colleghi il cellulare ad una dock e usi continuum. A quel punto diventa un pc a tutti gli effetti e le fai partire come su un normale Windows.

        • 000

          mmm…ok…diciamo che si va dalla massima libertà fino ad una soluzione parecchio “bloccata”…speriamo scelgano bene!
          A me già basterebbe che fosse adottato sugli snapdragon 810… :-P

    • Francesco Nunnari

      Senza dubbio, se dovessi confrontarmi con te dal punto di vista informatico,(in quanto sia appunto solo un grande appassionato di tecnologia e non uno smanettone nerd se mi passi il termine!)tu saresti Steve Jobs e io restando sempre in tema al massimo arriverei ad essere Checco zalone se rendo l’idea della mia preparazione in materia!detto ciò,e leggendo ciò che hai scritto,sicuramente sarà una attenta analisi dei fatti,ma per un buon 80% per me e’ un linguaggio criptato tipo aramaico antico!in sostanza è una cosa positiva o negativa,per Microsoft e Windows 10 -Windows 10 mobile?sia ben chiaro non sto facendo sarcasmo,sto semplicemente cercando di avere una traduzione di ciò che hai scritto per gli ignoranti in materia come me,grazie 1000 anticipatamente!😊😉

      • Ma ✔ᵛᵉʳᶦᶠᶦᵉᵈ

        Se mi dessi dello “Steve Jobs” sarei profondamente offeso :P

        • Francesco Nunnari

          Ahahah!pardon…bill Gates va meglio?😉

      • 000

        non per passare avanti ad @albertonuti:disqus , ma credo che quello che ha spiegato sia abbastanza neutro. Nel senso che ha detto come verrà fatto, spetterà a Microsoft sfruttare al meglio il colpo in canna!

        • Francesco Nunnari

          Il punto è che avendo parlato con linguaggio molto informatico,non avevo appieno compreso ciò che diceva,infatti poi mi ha gentilmente risposto e ho compreso meglio,tutto qui…😉

      • Sasà Cantali

        Mi accodo a Franceschino in quanto da ignorante informatico non capisco cosa leggo :P
        Traduction please….. Io comunque sono Aldo (Aldo,Giovanni e Giacomo) aahahahahaah

      • Alberto Nuti

        I processori (cpu) possono avere dei circuiti dedicati allo svolgimento di una particolare operazione. Questi circuiti sono pensati per svolgere uno ed un solo specifico compito, ma lo possono fare “a costo zero”.

        Ad esempio X86 ha un circuito che permette di sommare 4 numeri con una sola “passata”. ARM, essendo sprovvisto di questa istruzione, deve compiere queste somme separatamente, mettendoci “il doppio del tempo”. (molto semplificato, ma rende l’idea)

        Per questo motivo si cerca di evitare il più possibile l’emulazione: non soltanto devi tradurre ogni operazione da una architettura verso un’altra (perdendo tempo), ma c’è anche il rischio che quella specifica operazione non sia presente e tu debba svolgerla “a mano” (MOLTO altro tempo perso).

        Va a finire che è più il tempo che viene speso per l’emulazione da una cpu all’altra che non quello speso per effettivamente svolgere l’operazione! (e questo molto è male)

        Se QualcommMS hanno trovato un sistema che aggira tutti questi problemi (fino a ieri “insormontabili”) allora andrà tutto a gonfie vele, sopratutto per MS!

        • Sasà Cantali

          Grazie della spiegazione semplificata Alberto :D.
          Mi permetti un’ultima domanda sciocca? Ci sono smartphone con 4 core che viaggiano a 2.0 ghz e 8 core a 2.0/2.3. Leggo che questo 835 trattasi di 4 core a 2,45 ghz. Mi chiedo la differenza e quale sia meglio, 4 core o 8 core?
          Grazie dell’eventuale risposta.

          • Alberto Nuti

            Qui bisogna introdurre il concetto di IPC(Instruction Per Clock), ovvero il numero di cicli di clock che sono necessari ad un circuito per svolgere un operazione. 2.0ghz, sono 2 miliardi di cicli al secondo ed è il numero massimo che può generare quella cpu, ad esempio.

            Esempio:
            Supponiamo 2 CPU entrambe a 10Hz (10 cicli al secondo).
            CPU1 ha un circuito molto ottimizzato che svolge una somma tra due numeri in 2 cicli di clock, mentre CPU2 è molto più economica e poco curata e il suo circuito esegue la stessa somma in 5 cicli di clock.
            Questo significa che pur essendo entrambe a 10 cicli al secondo, CPU1 impiegherà 1/5 di secondo per svolgere una somma (oppure, eseguirà 5 somme al secondo) mentre CPU2 ci metterà 1/2 secondo (oppure, eseguirà 2 somme al secondo).
            Nonostante siano entrambe vendute come CPU a 10Hertz, una delle due è più del doppio più veloce dell’altra!

            Purtroppo è molto più economico aumentare il numero dei core, piuttosto che progettare core più efficienti. Per questo le marche più economiche tendono ad avere tantissimi core mentre quelle più “grandi” ne mantengono pochi ma buoni.

            Questo esempio calza anche su grandi numeri ed è il motivo per cui le CPU Amd sono più lente delle CPU Intel o per restare nel mercato dei cellulari, è il motivo per cui le CPU Qualcomm, Samsung e Apple (aziende enormi che investono fior di quattrini) sono molto più potenti delle CPU cinesi, pur avendo quasi le stesse frequenze ma metà dei core.

            Quindi di per se è meglio una CPU che abbia un IPC alto, come quelle “di marca”.
            Avere più core permette di eseguire effettivamente più programmi contemporaneamente, quindi più core hai meglio il carico viene suddiviso ma tieni conto che moltissime operazioni che i programmi svolgono non possono essere eseguite da più core contemporaneamente, quindi avere 10 core aiuta quando hai tante applicazioni aperte che lavorano (solo pochissime applicazioni per volta girano in contemporanea su un cellulare), ma una singola applicazione che deve svolgere 1 compito lo fa usando 1 solo core ed è qui che conta tantissimo l’IPC.

            Quindi prima si guarda la bontà di un singolo core, poi il numero. A meno che tu non debba svolgere operazioni che dipendono solo dal numero dei core e non dalla loro potenza (casi molto particolari).

            Per il numero dei core vale il vecchio detto: “avere 9 donne incinte non permette di avere 1 bambino in 1 mese.”

          • Sasà Cantali

            Grazie esaustivo come sempre….. Imparare sempre, aiuta il tuo essere :D

        • Francesco Nunnari

          Grazie 1000 questa è una spiegazione decisamente cristallina ora!👍

  • 000

    ..uffa! chi ci arriva al MWC…mancano ancoro 2 mesi!…sono impaziente di vedere…

  • Freerider

    Tutto sembrerebbe far ben sperare in sostanziose novità ramo mobile se non che l’avversione di Nadella verso gli smartphone mi fa molta paura. Dai rumor emersi fino ad oggi, da casa Microsoft non c’è stato nessun accenno verso questo mitologico sufrace phone ma solo di un device mobile. Quindi si potrebbe trattare anche di un tablet ARM con modulo GSM e sarebbe una bella presa per il cul0 visto che ora hanno davvero tutto pronto per proporre lo “smartphone definitivo” ma sembrerebbe che non abbiano alcuna intenzione. Il problema è che nemmeno gli OEM potrebbero proporlo perché su win10 completo manca la modalità smartphone, la modalità tablet non andrebbe bene su schermi da 5-6 pollici. Nadella prende troppo sottogamba l’importanza degli smartphone e del mondo consumer, tra un po, senza smartphone e un ecosistema forte non si potrà nemmeno aprire la porta di casa.

Se questo contenuto ti è piaciuto, condividilo sui social!

❤ SHOW US SOME LOVE ❤