Sky Patrol: combattimenti aerei in punta di dita

Si può provare ad innovare il genere shoot ‘em up a scorrimento verticale? Sky Patrol ci prova. Vediamo come.


Sky Patrol (versione 1.0.0.2), prodotto dalla Beartrap Games Limited, é un gioco di aerei a scorrimento verticale con vista dell’azione dall’alto, nel quale saremo chiamati a scortare dei velivoli convoglio Alleati della nostra squadriglia, opponendoci ad una serie di insidie predisposte dal nostro nemico per completare i vari livelli e progredire nella nostra carriera di pilota militare. Quanto al gameplay vero e proprio, invece, avete presente il meccanismo alla base di questo genere di giochi, secondo il quale il vostro aereo solitario (o accompagnato da cloni che copiano le vostre manovre) deve sparare ad ogni nemico, compiendo manovre elusive per schivare i colpi avversari? Ecco, se avete presente questo schema… Stop. La formula é un pochetto variata.

L’idea di fondo é sempre quella di avanzare per i livelli e usare il vostro arsenale contro i nemici. Peró, e qui sta la novità, non avrete alcun controllo dell’apparecchio, poiché chiamati “soltanto” a proteggerne l’avanzata usando le armi a vostra disposizione.

Sulle prime, lo schema parrebbe cosí semplice da annoiare. Sarete chiamati, semplificando il concetto, a calcolare la traiettoria dei vostri missili per intercettare quelli del nemico ed evitare che impattino col vostro mezzo. Già dopo la prima missione, tuttavia, l’azione si farà più frenetica e le complicazioni per portare a casa la pelle non mancheranno.

Non solo il nemico inizierà a manifestarsi sotto forma di aerei, carri armati, postazioni balistiche, navi, etc., unitamente ai sempre presenti missili; ma anche voi sarete dovrete usare e gestire una quantità maggiore di armi per fronteggiare i nemici. Parecchie armi.

Ad esempio, se per contrastare un carro armato dovrete sganciare una bomba aria-terra (e spesso fallirete il bersaglio, perché il nemico si muoverà), dovrete invece usare un missile a ricerca di calore per gli aerei da fronteggiare. E cosí via dicendo, con armi sempre diverse, utili alla bisogna, ed antagonisti sempre più numerosi e “astuti”.

La traiettoria delle vostre armi sarà determinata dalle vostre dita. Dovrete disegnare una linea per i missili, nella speranza di intercettare la traiettoria di quelli nemici; oppure, a titolo di esempio, dovrete fare un tap sull’obiettivo delle vostre bombe, dopo aver selezionato questa specifica arma. Ne risulta un’azione davvero concitata e coinvolgente (ma anche un po’ caotica).

Vi assicuro che terminare il livello, dopo i primi quadri di apprendistato, diverrà sempre meno una passeggiata.

La grafica incontra il mio gusto, con colori ben dosati e consoni ad uno scenario piuttosto contemporaneo. Il suono é di buon accompagnamento, anche se non fa gridare al miracolo, specie per alcuni elementi come le esplosioni.

Articolo precedenteArticolo successivo
Orienta la tua vita in maniera che nessuno possa dire che l'unica cosa che hai di smart sia il tuo telefono!