Smartphone modulare con Windows 10 in arrivo!

Smartphone modulare render

La tedesca Shift, azienda specializzata nel settore della telefonia, ha recentemente annunciato la commercializzazione di uno smartphone modulare. Con questo termine si intende un dispositivo composto da moduli intercambiabili riguardanti la componentistica hardware. In concetto di base è quello di un telefono in cui l’utente possa facilmente sostituire le singole componenti, come processore o fotocamera, senza dover smontare l’intero dispositivo, un po’ come già avviene su molti telefoni per quel che riguarda la batteria.

L’idea di uno smartphone con queste caratteristiche non è certamente nuova: numerose sono le aziende che stanno portando avanti studi e test in merito, come Google con il proprio Project Ara, e alcuni modelli, come il Fairphone, sono già in commercio. Tuttavia il Shift5+ si ripromette di essere il primo dispositivo basato su questa tecnologia ad essere lanciato sul mercato con Windows a bordo.

modular smartphone windows 10 shift
Le notizie diffuse dalla società riguardo questo terminale sono tutt’ora incomplete, e la totale assenza di immagini non aiuta ad intuirne le caratteristiche. Tuttavia, da quanto si legge nel sito, saranno fornite ulteriori specifiche dal mese di dicembre, mese in cui dovrebbero anche diventare possibili eventuali preordini. Sappiamo comunque che sarà disponibile sia nella versione con Windows 10 che in quella con Android, monterà un processore Snapdragon quadcore o octacore, più di 2GB di RAM e una memoria interna da almeno 32 GB espandibile tramite Micro Sd. Il device, nonostante il prezzo di listino si attesti a € 444, sarà disponibile in pre-ordine a € 399. Sfortunatamente la ditta stima il lancio sul mercato solo per il terzo quarto del 2016, quindi l’attesa per vedere questo dispositivo all’opera è ancora lunga, ma nei prossimi mesi ci auguriamo quantomeno di poter approfondire le specifiche tecniche.
Ad oggi infatti non conosciamo ancora i dettagli più significativi, tra cui quali componenti avranno effettivamente caratteristiche modulari, e con che metodologia avverrà l’assemblaggio degli stessi. L’azienda si è limitata a comunicare che “non solo si potrà sostituire molto rapidamente la batteria e la memoria, ma anche il display e diversi altri componenti chiave“.

modular smartphone render
L’idea di un dispositivo modulare è certamente accattivante, ma bisogna anche considerare che, se il progetto non sarà supportato dall’azienda in maniera adeguata, potrebbe concludersi con un flop. Il rischio infatti, considerando anche le dimensioni dell’azienda produttrice, è quello di non avere una base di moduli consona a giustificare l’acquisto di un prodotto simile. Lo scopo della tecnologia modulare, infatti, non è soltanto quello di avere ricambi a portata di tutti, e quindi risparmio sulla manodopera per l’utente, qualora qualche componente venisse danneggiato, ma anche, e soprattutto, la possibilità di scegliere tra diverse opzioni di componentistica per ottenere un dispositivo modellato ad personam. Quest’ultimo aspetto comprenderebbe anche la possibilità di mantenere il telefono aggiornato, dal punto di vista hardware, senza dover cambiare l’intero terminale, ma semplicemente sostituendo i componenti diventati obsoleti. Come detto, per rendere conveniente tutto ciò, l’azienda produttrice dovrà mettere in commercio un buon numero di “ricambi” ad un prezzo conveniente e con periodici aggiornamenti della gamma.

telefono modulare render

Non nego di nutrire alcune incertezze riguardo le capacità economiche e gestionali della Shift di supportare un simile progetto, ma certamente noi utenti non possiamo che trarre beneficio dal tentativo: si tratta pur sempre di un primo passo verso un nuovo concetto di device, e il fatto che veda protagonista anche Windows 10 rende il tutto più piacevole. Chiaramente mi auguro che l’azienda tedesca sappia smentire le mie perplessità, e che questa nuova versione di telefono modulare possa servire da spinta ad altre aziende per accelerare le ricerche e i progetti in merito. Sono infatti convinto che in un futuro più o meno prossimo potremo ottimizzare costi e sprechi grazie proprio a telefoni come questo, anche se i progressi da fare sono ancora tanti.
Che condividiate la mia visione o, tanto più, se siete in disaccordo, fateci sapere il perché nei commenti!

Articolo precedenteArticolo successivo
Simone Mascarino
La vita e la bici hanno lo stesso principio, devi continuare a muoverti per stare in equilibrio
  • Antonio

    Mi piace tantissimo questa idea!!!! :P è anche per il rispetto dell’ambiente!!!!

    • Simo_Masca

      Esatto: meno telefoni venduti=meno telefoni buttati=meno rifiuti

  • Piergy

    Veramente una bella idea!

  • Ma ✔ᵛᵉʳᶦᶠᶦᵉᵈ

    Idea buona, contando che Google dopo anni di studio ancora non caccia nemmeno un prototipo, solo immagini di progetti e test in laboratorio, qui siamo già ad un livello avanzato. Questo dimostra da un lato lo scarso interesse che da Google al suo progetto, dall’altro Shift che mostra che per fare un telefono modulare non ci vogliono 15 anni, solo un po’ di buona volontà.

  • Sal Cantali

    Uuuuuuhhhhhhhhh che bello, finalmente potrò comprare un WP alla mia erede :) ama da morire il Lego XD, unisco le 2 cose, WM + Lego ahahahahahaahah
    Che fi**ta …. lo voglio!

  • Alessandro

    Un dispositivo di questo tipo, con moduli intercambiabili, sarebbe davvero stupendo e rischierebbe anche di mandare in crisi le vendite di smartphone se funzionasse davvero. Quello che sarebbe da capire è quali potrebbero essere gli svantaggi.

    • Simo_Masca

      Beh, io rimango convinto che un telefono con componenti sostituibili non avrà mai, con le tecnologie attuali, l’usabilità di un device con tutte le componenti native.. Perché ogni componente non può essere ottimizzato su una particolare configurazione ma su un insieme di configurazioni possibili, è già complesso per i pc assemblati, non oso immaginare su uno smartphone.. comunque “ai posteri l’ardua sentenza” ?

      • Alessandro

        È vero, non ci avevo pensato, grazie. ?

        • Simo_Masca

          Figurati, comunque si tratta di supposizioni personali, staremo a vedere ?

  • Sergione

    Che bello! I computer non esisteranno più dopo telefoni del genere ?
    Ormai possono fare tutto. Personalmente io non sapevo neanche che esistevano “Smartphone modulari” ?

  • Bastava che Microsoft producesse un modulo con os w10m per l’ara (che mi piace tanto tanto)

  • Omega

    Sarebbe bello

  • Caesar Invictus

    Le parti saranno intercambiabili per uno specifico modello non credo proprio che saranno saranno universali. Anche se come idea non è affatto male. Ti si rompe lo schermo? Cambi solo quello. Vuoi un processore più potente? C’è quello per il tuo telefono che puoi cambiare smanettando un po’ a casa. Cosa c’è di meglio della personalizzazione del telefono in ogni sua parte?

    • Simo_Masca

      Universali no, ma che ci siano diverse scelte per ogni “modulo” di un modello è da sperare, altrimenti il senso di un telefono di questo tipo è quasi completamente perso.. per quanto riguarda il ricambio di parti danneggiate sarà fondamentale il prezzo, se uno schermo nuovo mi costa come la riparazione di un normale telefono, di nuovo, si perde il senso, per come la vedo io :)

      • Caesar Invictus

        Era proprio quello che intendevo, non mi so spiegare ☺

        • Simo_Masca

          Ottimo ? con ogni probabilità non ho capito io, ero fuso da lezioni interminabili ?

  • Mi piace molto questa idea. Un telefono ad obsolescenza “differita” e tamponabile. Interessantissimo.

  • TheVexed

    Simone ha colto perfettamente i punti salienti, sono perfettamente d’accordo, anche nei commenti! Ottimo acquisto per il blog, complimenti continua cosi!? personalmente vedo ancora lontano una sua reale applicazione, anche perché estremamente di nicchia. Immagino che la maggior parte non voglia grane nel sostituire i pezzi manualmente! Comunque anche il mio é un lumia modulare, ogni volta che cade si stacca la cover e la batteria! ?

    • Simo_Masca

      Grazie, non è che un grande onore poter imparare e condividere idee con una community unica come questa! Per quanto riguarda la tua idea, la condivido pienamente, ma penso che da qualche parte bisogni pur cominciare: come tutte le tecnologie innovative avrà bisogno di tempo e probabilmente di alcuni fallimenti prima di prendere piede, ma intravedo del potenziale ;)