Sound Band: un’app “progetto” che mi ha già conquistato

Le potenzialità del Microsoft Band non sono solo relegate all’ambito fitness (si scrive così? non ne pratico molto…). Per chi come me ha il Band ma ha fatto si e no 5 minuti di corsa (e non per allenarsi ma per fuggire da qualcuno), allora sarà felice di scoprire che esistono app per dare un senso profondo e mistico all’accessorio che avete al polso.

Ok, forse non proprio così profondo e mistico, sicuramente divertente! Di cosa si tratta? Di un’applicazione che sfrutta i sensori del vostro smartband al fine di emettere un suono dal vostro telefono.

Aprite l’app, associatela al vostro band, selezionate un suono e poi dimenate il polso come squilibrati malati di mente.

Il video sotto (o sopra se siete da app) vi guiderà alla realizzazione di tale follia.

L’ho definita app progetto perché effettivamente ha una grafica scarna, un solo suono (ne arriveranno altri), e ho come l’impressione che sia stata realizzata più per “dimostrare” le potenzialità del band che non per un’effettiva utilità. Ma siccome io sono una persona che vuole trovare un senso a queste cose “anche se queste cose un senso non ce l’hanno” [cit.] ho immaginato l’utilità in un contesto teatrale dove, spesso, l’associare un suono ad un movimento è riservato alla pura sinergia che si crea tra la regia di suoni e luci e l’attore sul palco. Con il band, la tempistica dei suoni più immediati può essere “gestita” direttamente dall’attore.

Costa 0,99€ con versione di prova. Io l’ho acquistata ad occhi chiusi ed ho passato un’ora intera a fingere di frustare qualsiasi cosa trovassi in giro per casa…

PS: non mi sono tagliato la barba, tranquilli: mi assomiglia ma quello nella foto non sono io…

FONTE Windows Central

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Mariano Mercuri
Chiedere ragione, è la prima cosa che l'apprendista filosofo dovrebbe apprendere a fare. Là dove nessuno chiede ragione, come può la filosofia anche solo cominciare? La domanda "perché?" ci fa scoprire l'intreccio di etica e logica, su cui i filosofi si interrogano, da Platone a Husserl. Se l'etica è la logica dell'agire giusto, la logica è l'etica del pensare [Roberta De Monticelli]