Una lettera di Bill Gates per i 40 anni di successi Microsoft: si punta al futuro

Oggi ricorre il 40° anniversario dalla fondazione di Microsoft, da quando nel 1975 ad Albuquerque, Nuovo Messico, Bill Gates e Paul Allen, rispettivamente di 19 e 22 anni, saltarono fuori con l’idea di “un computer su ogni scrivania”.

C’è chi non sa guardare oltre il proprio naso e chi invece ci vede così lungo da precorrere i tempi: è proprio quest’ultimo il caso di queste due grandi personalità che, tacciate all’epoca di essere dei pazzoidi, hanno scritto e segnato gran parte della storia dell’informatica.
Tuttavia questo non vuole essere un articolo celebrativo, ma ci limiteremo a riportare, senza aggiungere nient’altro, le parole che lo stesso Bill ha scritto per questa occasione ai suoi dipendenti in una lettera.

Piuttosto chiediamo a voi quali sono i vostri pensieri in merito, anche alla luce delle voci che ventilano il fantasma di un Windows open source. Sarà questo il futuro di Microsoft al quale tende lo sguardo di Bill Gates?

Fateci sapere nei commenti.

Ecco la lettera:

“All’inizio, io e Paul Allen fissammo l’obiettivo di un computer su ogni scrivania e in ogni casa.
Era un’idea audace e un sacco di gente pensava che fossimo fuori di testa a immaginare che fosse possibile.
È stupefacente pensare a quanto l’informatica è progredita da allora, e possiamo essere tutti orgogliosi del ruolo svolto da Microsoft in questa rivoluzione.
Oggi, però, sto pensando molto di più al futuro di Microsoft che al suo passato. Credo che l’informatica si evolverà più rapidamente nei prossimi 10 anni di quanto non abbia mai fatto.
Noi viviamo già in un in un mondo multi-piattaforma, e l’informatica diventerà ancora più pervasiva. Ci stiamo avvicinando al punto in cui computer e robot saranno in grado di vedere, muoversi e interagire naturalmente, rendendo possibili molte nuove applicazioni e potenziando ancora di più le persone.
Sotto la guida di Satya, Microsoft è nella posizione migliore di sempre per guidare questi progressi.
Abbiamo le risorse e cerchiamo di risolvere problemi difficili. Siamo impegnati in ogni aspetto dell’informatica moderna e abbiamo una grandissima dedizione alla ricerca nel settore.
Nel mio ruolo di consulente tecnico di Satya, mi capita di partecipare a recensioni di prodotti e sono rimasto colpito dalle idee e dal talento che vedo.
Il risultato è evidente nei prodotti come Cortana, Skype Translator, e HoloLens: e queste sono solo alcune delle molte innovazioni lungo il percorso.
Nei prossimi anni, Microsoft ha la possibilità di soddisfare ancora più persone e organizzazioni in tutto il mondo.
La tecnologia è ancora fuori portata per molte persone, perché è complessa o costosa, o semplicemente perché non ne hanno accesso. Quindi spero che penserete a quello che si può fare per rendere il potere della tecnologia accessibile a tutti, per connettere le persone tra di loro, e rendere il personal computing a disposizione dappertutto, anche se il concetto vero e proprio di ciò che un PC si fa spazio in tutti i dispositivi .
Abbiamo fatto molto insieme durante i nostri primi 40 anni e dato la possibilità a innumerevoli imprese e persone di esprimere il loro pieno potenziale.
Ma ciò che più conta ora è ciò che faremo dopo.
Grazie per averci aiutato a rendere Microsoft una fantastica società ora e per i decenni a venire.”

FONTE: recode

Articolo precedenteArticolo successivo
Michele Lichinchi
Con la passione per la scrittura e maniaco di tecnologia, un esploratore dei recessi della comunicazione e dei suoi mezzi: un Indiana Jones dell'era digitale
  • Sal Cantali

    Non sono molto tecnologico, quindi a volte non capisco nulla di alcuni termini o applicazioni che saltano fuori ?. Ma da utilizzatore di prodotti Microsoft non posso dire altro che grazie. Visto che al momento solo Microsoft ci da la possibilità di avere 1 OS che dialoga con tutto…. Grazie…. Mi ha semplificato l’esistenza ?.

  • M_90® ????⚡??

    zio bill <3

  • Beh, Bill Gates ha espresso in maniera illuminante quello che Microsoft – sotto la guida geniale di Nadella & co. – sta portando avanti in questo scorcio della nostra epoca. Quindi, per me è una soddisfazione pura usufruire dei servizi e dei dispositivi targati MS (alcuni con l’anima Nokia). Gli altri, queste cose se le sognano e, in un non lontano futuro, potremmo gridare: “Arrendetevi, siete circondati!”. ???

  • Grazie a quest’uomo in casa mia ci sono più pc che persone… lui è un vero genio, lui ha davvero rivoluzionato l’informatica… con tutto il rispetto per Jobs, pace all’anima sua, che però viene visto come un rivoluzionario quando in realtà ha sempre venduto roba super costosa spacciandola per facilissima da usare… se Bill non avesse “ri-rubato” da Xerox, non ci sarebbe stato Windows 3.1 su ogni scrivania ma un mac su “qualche” scrivania… ed ancora oggi cerca di fare questo: eliminare il digital divide proponendo un sistema operativo a prezzo accessibile, se non gratuito (anche se i suoi surface son cari, un mediakom con Windows lo trovi a poco prezzo…) e negli smartphone pure: 640 e 640XL sono un esempio… e funzionano a differenza dei base di gamma android (che però da questo punto di vista hanno una filosofia simile)

    • Michele

      Mariano, l’hai poi finita quella statua che gli stavi facendo? ?