Uno store unificato: ecco lo spot di Microsoft

Già dalla presentazione di Windows 10 Microsoft aveva dato un messaggio chiaro: “One product family, One platform, One store”. Questo sarà il futuro del suo sistema operativo, con un’integrazione tra dispositivi, pc, tablet e smartphone, che offra una continuità e una user experience molto migliore.

In attesa del rilascio della versione definitiva di Windows 10, Microsoft continua a celebrare il recente traguardo delle 500.000 applicazioni, e stavolta lo fa con uno video della durata di 30 secondi sul suo canale Youtube, probabilmente destinato anche ad andare in onda in tv.

Nello spot, intitolato “Windows Store: Apps”, si esaltano le universal apps, quelle che appunto funzioneranno su tutti i device motorizzati Windows: ora, dice Microsoft, ce ne sono per tutti i gusti.

Certo, alcune funzionalità in alcune applicazioni, diciamo noi, mancano, almeno rispetto ad altre piattaforme mobile, ma resta pur sempre un dato di fatto che ora coprono praticamente tutti i campi e, quando non ci sono quelle dai grandi nomi (qualcuno ha detto “vogliamo Retrica!”?), molte volte ci sono applicazioni che fanno la stessa identica cosa e anche meglio.

Se così non fosse, non saremmo qui a scrivere, dopotutto.

Detto questo, vi lasciamo con la descrizione del video:

“Guarda più da vicino il modo più intelligente in cui funzionano le app su Windows. Si sincronizzano tra i device per funzionare su telefoni, tablet e pc, e su questi possono essere usate anche quattro per volta, fianco a fianco. Con giochi, applicazioni di lifestyle, intrattenimento, social app e molto altro, Windows Store ha tutte le applicazioni che vuoi.”

Senz’altro un modo creativo per mettere bene in luce il suo sistema operativo e introdurre gradualmente la grande innovazione chiamata Windows 10.

FONTE Informazioni: Windows

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Con la passione per la scrittura e maniaco di tecnologia, un esploratore dei recessi della comunicazione e dei suoi mezzi: un Indiana Jones dell'era digitale