Windows 10 è installato su 300 Milioni di Device e presto non sarà più gratuito… forse!

Windows 10 PC

Windows 10 raggiunge l’incredibile traguardo delle 300 Milioni di Installazioni in meno di un anno, confermandosi come il sistema operativo di Microsoft con la maggiore crescita della sua storia.

Chi oggi non ha in casa un PC con Windows 10? Probabilmente tutti voi ne possedete almeno uno, e se non avete un PC probabilmente avete un Mac con Windows 10 Installato o virtualizzato. Scherzi a parte, la crescita di Windows 10 è stata la più veloce della storia di Microsoft. In meno di un anno, infatti, il sistema operativo è stato installato su ben 300 Milioni di device, tra PC e Tablet. Crescita sottolineata anche dalla grande stabilità ed affidabilità guadagnata aggiornamento dopo aggiornamento, grazie ai quali oggi possiamo usare un PC o un Tablet assolutamente performante e sicuro.

Una svolta decisiva è stata sicuramente data dalla possibilità di aggiornare il proprio PC da Windows 7, Windows 8 e 8.1 alla nuova versione dell’OS Desktop in maniera completamente gratuita. Ma questi non sono gli unici dettagli interessanti, poichè Microsoft ha rilasciato un’altra serie di dati che parlano in modo molto chiaro: Windows 10 è un successo!!

  • 63 miliardi di minuti spesi su Edge nel solo mese di marzo – una crescita del 50 per cento rispetto all’intero precedente trimestre.
  • Cortana ha risposto a 6 miliardi di domande dal momento del lancio
  • 9 miliardi di ore di gameplay su Windows 10 dal lancio
  • 144 milioni di utenti sull’app galleria integrata Microsoft Foto
  • Crescita continua del Windows Store con nuove Universal App e giochi di qualità per PC

Una cosa importante da tenere a mente, però, è il fatto che Windows 10 non sarà gratuito per sempre. Avrete infatti tempo fino al 29 Luglio per aggiornare ufficialmente e gratuitamente il vostro device a Windows 10 e per usufruire di tutte le novità che l’aggiornamento porta con se.

Ma il 29 Luglio sarà la data definitiva prima che l’aggiornamento diventi a pagamento? Si, ma forse no. A sottolineare tutto ciò è Mary Jo Foley di ZDNet, la quale ha posto la stessa domanda ad un rappresentante di Microsoft. La risposta, piuttosto criptica, non lascia intendere ne una sicurezza sul fatto che il 29 Luglio rappresenterà davvero la fine dell’aggiornamento gratuito, ne tantomeno di possibili piani per allungare il periodo previsto per spingere ancora l’acceleratore di Windows 10.

L’offerta è al momento programmata per terminare il 29 luglio 2016

In ogni caso, la notifica di aggiornamento è sempre li con voi. Aggiornate il vostro PC, è gratis.

ZDNet- Fonte

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
  • massimo

    I matti che rimarranno su sistemi vetusti tipo windows 7 o 8 presto si troveranno con un bel cerino in mano se non aggiornano a 10

    • Luca Serri

      No, perchè per loro basta ciò che hanno e hanno paura degli aggiornamenti. Windows 7 rimane valido, anche se 10 è migliore.

      • massimo

        Lol, rimarranno a breve con un bel cerino in mano, non sviluppa quasi più nessuno su w7

        • Luca Serri

          Certo, infatti gli sviluppatori se ne fregano di un OS che sta al 50% di share e resterà lì intorno per un po’. Ma che ragionamenti fai?

          • ILCONDOTTIERO

            Ha ragione Massimo, stanno dismettendo tutto il vecchio , vedrai che arriveranno altri annunci . Ormai guardano ai costi e tagliano tutto ciò che possono . Inutile mantenere in piedi progetti che non hanno futuro . Stanno facendo come Apple tutto il vecchio out , avanti il nuovo .Dato che Windows 10 dura 10 anni inutile preservare Windows 7 all’infinito ormai ha fatto il suo tempo . Non dico che accadrà domani , ma credo che sarà lento e graduale .

          • massimo

            Luca non si rende conto, chi usa 7 sono vecchie (e grandi) reti di pc (es le Asl o altri enti pubblici) che usano solo il loro gestionale, qualche web app e vecchi office (tipicamente il 2007)

            Non sono utenze che comprano applicazioni
            Si chiamano ambienti legacy

            E sono fuori dal supporto mainstream di MS, alias non ci sviluppa quasi più nessuno a parte gli antivirus e qualche gestionale, fine

            Il mainstream ormai è w10 chi è rimasto indietro, w8.1 compreso, avrà un prodotto legacy congelato alle quattro cose che fa al momento

            Dal punto di vista tecnico è una follia informatica chi rimane su certi ambienti

          • massimo

            Io sono un informatico solo oggi ho in programma l’update di 2 pc di clienti w8.1 e 2 w7 a w10

            Tu pensa che io sono una piccolissima attività…
            Pensa quelle grandi

            Cmq di qui a luglio finisco la migrazione a w10 di circa 300 pc, comprese aule informatiche, nel mio piccolo

            Poi so che ci sono colleghi cantinari e poco professionali che lasciano i clienti fermi su ambienti legacy per incompetenza e pigrizia, ma questo è un altro discorso (l’80% degli informatici in italia farebbe bene ad andare a zappare la terra)

          • massimo

            Agg. oggi aggiornati altri 3 pc 1 da 7 e 2 da 8.1

          • Luca Serri

            Appunto, sarà lento e graduale. Chi non aggiorna non si troverà abbandonato.

          • massimo

            Ehhh? Windows 7 è già fuori dal supporto mainstream, sai cosa vuol dire?

            Te lo spiego io, malato terminale in coma che aspetta di tirare le quoia
            Windows 8.0 in End of life, cioè già putrefatto
            Windows 8.1 ancora in vita, ma con un adenocarcinoma

            Spero di essere stato chiaro, sono un sistemista e so cosa scrivo

          • Luca Serri

            Sarai un sistemista, ma secondo me non capisci bene i ragionamenti dell’utente medio. Molta gente se ha qualcosa che funziona fa il possibile per non toccare nulla, perché qualsiasi cambiamento potrebbe dare problemi. W7 è valido, quindi non sentendo alcuna necessità di un OS migliore (come W10) rimangono lì.
            Se dici che invece non è valido, mi spieghi ALL’ATTO PRATICO cosa cambia per un utente medio? Perché queste cose del supporto, delle migliorie e balle varie le conosciamo solo noi “esperti”, l’utente medio vuole solo accendere il PC e usare i suoi programmi.

          • massimo

            Forse non mi sono spiegato bene o fai finta di non capire…
            Quando migreranno le grandi reti nel giro di uno max due anni, i quattro sprovveduti o ansiosi che sono rimasti con i vecchi sistemi si troveranno con un bel cerino in mano, anche lo stesso office probabilmente l’ultimo installabile da fuori store sarà il 2016.

            Tu mi dirai che c’è gente che nel 2016 per loro seghe mentali usa ancora xp con open office e firefox, tipo il mio avvocato che ha ancora un pc con la porta parallela…
            Mi spieghi il mercato cosa se ne fa di utenti del genere?
            Non portano soldi, non portano un caxxo
            Io faccio l’informatico non lo psicologo

            Che me ne faccio di clienti con xp o w7 con le pe..e al culo?
            Nulla, stessa cosa vale per microsoft
            Ripeto, per l’ultima volta sono utenti di cui non interessa più a nessuno che rimarranno presto con scatole vuote

          • Luca Serri

            Questi utenti sono la maggior parte. L’utente medio vuole solo accendere il PC ed usare i suoi programmi, quindi finché sono tutti compatibili con Windows 7 non avrà nessun interesse ad aggiornare (se esistono programmi compatibili solo con W10 sono una parte minima, praticamente nulla rispetto a quelli che invece girano anche sui predecessori). E finché W7 rimane alto come share i programmatori non potranno ignorarlo. Chiamasi logica.

          • massimo

            Poi senza aggiungere il fatto che w7 è un pachiderma, lento all’avvio, lento in chiusura, lento in tutto è un os che ha ricevuto quasi 10 anni di aggiornamenti non ce la fa più prestazionalmente

            E senza aggiungere i problemi che da rispetto a 8.1 o a 10 (es. I tanti pc w7 che spesso danno il problema del “salto” della relazione di trust in dominio, ecc.. ecc..)

            Lascia perdere, windows 7 una prece
            Chi ci rimane è matto da legare informaticamente parlando
            .

          • Luca Serri

            Niente, non ci arrivi proprio. Lo so anche io che W10 è migliore di W7, sia per stabilità/prestazioni che per altro, ma se per l’utente medio va bene ed è sufficiente per fare ciò che serve, che interesse dovrebbero avere nel cambiare?

          • massimo

            buonanotte, se parliamo di utenti medi (critical mass) sono anche quelli che guardano cos’ha il suo amico, il suo parente ecc.. è sufficiente uno con W10 che aggiornano subito anche l’oro perché “gliel’ha detto suo cuGGGino”
            non regge molto nemmeno questa tua ipotesi
            il mio avvocato col portatile ancora con la porta parallela, xp e open office non è l’utente medio, bensì ormai il nulla

            quel nulla che non interessa più a nessuna sw house o sviluppatore tant’è vero che anche Kaspersky Labs dice addio a XP e Vista a fine 2016…

          • Luca Serri

            È la tua ipotesi che non regge. Altrimenti, perchè W7 sta ancora al 50% dopo parecchi mesi?
            Poi l’hai detto pure tu, Kaspersky dice addio a XP e Vista, ma STRANAMENTE non a W7. Ma non era un OS di cui non importa più a nessuno? Gli utenti di W7 non erano il nulla?

    • Gionata mummia800

      Non proprio tutti sono matti, Io per esempio so tablet non posso perché ho driver specifici di Intel che già faticano a far girare 8.1, con w10 hanno reso audio e video inutilizzabili. La mia idea é fare un ultima prova il 29 luglio, per vedere se redstone risolverà questa situazione, ma ne dubito.

      • TheVexed

        Se hai già fatto l’aggiornamento a w10 una volta, ce l’hai per sempre

        • Gionata mummia800

          Sono tornato a 8 tramite cd, perché non mi accettava il Product key in quanto passato a 10, dici che se aggiorno anche dopo il 29 luglio, posso istesso?

          • TheVexed

            Dovrebbe essersi memorizzato il PK del 10 nel bios uefi. Prova con qualche programmino per sapere il PK (bingalo) e dovrebbe esserci. In alternativa bastava tirarsi giù il seriale a mano all’epoca dell’aggiornamento sempre con lo stesso programmino.

          • massimo

            Vai su ebay e ti compri una licenza a 20 euro.. Fai prima