Una delle grandi novità introdotte da Microsoft in Windows 10 è Windows Hello. Ecco come sbloccare il vostro smartphone con uno sguardo od un tocco.

Negli ultimi anni, la tecnologia ha fatto passi da gigante. Siamo passati dall’utilizzo di dispositivi composti solo da un tastierino ed uno schermo a quello di smartphone, vere e proprie macchine da lavoro.  Uno smartphone è un telefono cellulare che, oltre alle classiche funzioni di chiamata ed invio messaggi, offre la possibilità di interfacciarsi totalmente col Web grazie ad una grande potenza di calcolo ed una memoria per consentire l’immagazzinamento di un’ingente quantità di dati.

Ma, nel loro utilizzo, la potenza non basta; è indispensabile anche la velocità con cui si interagisce con esso. Per venir incontro a queste richieste, sono stati creati diversi tipi di sblocco del dispositivo per velocizzarne l’avvio e garantire una maggiore tutela dei propri dati.

Windows Hello

Col rilascio di Windows 10, Microsoft ha ideato un nuovo modo per sbloccare i suoi dispositivi chiamato Windows Hello.

Windows Hello è un sistema molto personale per autenticarsi sul proprio dispositivo Windows 10 solo utilizzando lo sguardo o il tocco. Ovviamente, quando parlo di Windows 10 mi riferisco anche al sistema operativo mobile ed, in questo caso, vorrei soffermarmi un attimo su Lumia 950 XL. Questo dispositivo è stato il primo ad adottare un’interessante metodo di sblocco del dispositivo: lo scanner per l’iride.

Il riconoscimento dell’iride rende più sicura la riattivazione del device, a discapito della rapidità. Infatti, per il suo utilizzo si necessità comunque dell’accensione dello schermo e il risultato, in termini di velocità, è equiparabile all’utilizzo di un PIN (forse poco meno).

Per sviare a questo problema, HP ha deciso di introdurre, sul suo HP Elite x3, un sensore d’impronta digitale per rendere fulmineo il suo sblocco. Per il suo utilizzo non c’è bisogno di attivazione lo schermo, ma bisogna soltanto appoggiare il proprio dito sul sensore e il telefono si sbloccherà automaticamente.

Ovviamente ci sono diversi casi in cui uno potrebbe essere migliore dell’altro e viceversa. Per esempio, se si hanno le mani bagnate sarà molto più comodo l’utilizzo del proprio sguardo, mentre se si sta in macchina sarà più comodo utilizzare il proprio dito. Perché non ci dite nei commenti altre situazioni di questa specie?

Confronto

Alcune ore fa, i colleghi di Windows Central hanno caricato un video sul loro canale ufficiale di Youtube per mostrarci le differenti velocità fra lo sblocco con l’iride e quello con l’impronta digitale. La loro video dimostrazione avviene utilizzando lo smartphone HP Elite x3 che possiede entrambe le funzionalità.

Entrambi gli sblocchi sono perfettamente funzionanti, quindi il risultato è un buona la prima, ma qual è più efficiente?

Personalmente trovo più utile l’attivazione del dispositivo tramite il contatto del dito, grazie alla sua fulminea velocità di esecuzione; e voi, quale implementazione di Windows Hello ritenete migliore? Ditecelo nei commenti!

Fonte

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Alessandro Perrone
Una macchina può fare il lavoro di cinquanta uomini ordinari, ma nessuna macchina può fare il lavoro di un uomo straordinario.