Windows Phone 7.8: terminato il supporto di Microsoft. Qualche riflessione

Il 14 ottobre scorso è terminato il supporto ufficiale da parte di Microsoft per i terminali  con a bordo Windows Phone 7.8, l’ultima release disponibile per la generazione antecedente la famiglia 8.x  attualmente in commercio. Il supporto a Windows Phone 7.8 è durato 18 mesi (v. immagine appena sotto), a differenza di quello per Windows Phone 8 che Microsoft, ad oggi, ha portato a 36 mesi: cosa cambia per l’utente finale?
Poco o nulla, poichè all’atto pratico si potrà continuare ad utilizzare tranquillamente il proprio smartphone, con l’unica differenza che esso non riceverà ulteriori aggiornamenti. Con un pelo di polemica, potremmo dire “così come ha seguitato a fare sino ad ora, dal giorno del rilascio di Windows Phone 7.8”, ormai molti mesi orsono.

Cattura

In definitiva, era anche abbastanza evidente l’intento di Microsoft di non prolungare il supporto per la famiglia 7.x, destinata nei progetti della casa di Redmond a dover scomparire, come emergeva da piccoli indizi come il ritiro dell’app Skype dallo Store qualche mese fa. Chiaramente, dover supportare la generazione precedente avrebbe sottratto risorse allo sviluppo, già travagliato visti i lunghi tempi di attesa tra un update e l’altro, di Windows Phone 8.x e, perchè no, del suo successore, che con ogni probabilità prenderà il nome del fratello maggiore per Desktop, cioè Windows 10, in uscita nel 2015.

Stanti così le cose, dobbiamo osservare inermi questa decisione, spiacendoci per gli utenti – siamo utenti anche noi, ed abbiamo patito anche noi del passaggio ora detto – che si sono trovati da un giorno all’altro con un terminale “defunto” dal punto di vista delle prospettive future.

Non ci resta che auspicare, quindi, una più avveduta politica di transizione da parte di Microsoft, specialmente adesso che la battaglia per espandere le quote di mercato (e di conseguenza per catturare la fondamentale fiducia degli utenti/acquirenti) si è fatta più serrata che mai e viene combattuta su tutti i fronti (esempio: avete notato la presenza di terminali Lumia 930, 830 e 1520 nella trasmissione Tv “le Iene”?).

Un’ultima questione che va sottolinata è: cosa cambierà da oggi riguardo alle applicazioni?

Praticamente da ora in poi saranno gli sviluppatori a decidere se aggiornare o meno le proprie applicazioni per Windows Phone 7.8, quindi ci sono probabilità che a breve parecchie di esse non verranno aggiornate nè fixate, restando qundi “as is”, cioè così come si trovano sino a quel momento.
Comprendiamo anche in questo caso il malumore degli utenti che, senza colpa alcuna, si trovino a dover patire questa situazione del tutto frustrante.

Noi, come staff, non possiamo che suggerire, in punta di piedi, di provare a credere in questo sistema operativo, nonostante le sviste di Microsoft. Davvero, come voi, ci auguriamo che gli errori del passato siano serviti a comprendere quanto male si è fatto con decisioni poco lungimiranti come quelle appena accennate in questo articolo.

Per chi lo desiderasse, mediante il link di seguito, c’è la possibilità di visionare la tabella dei cicli di supporto attualmente schedulati da Microsoft: Ciclo di vita prodotti Microsoft.

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Alessandro Del Grano
If something is expensive to develop, and somebody's not going to get paid, it won't get developed. So you decide: Do you want software to be written, or not? - B. Gates