Work in progress per Cortana e l’integrazione con applicazioni di terze parti

Cortana è diventata ormai per molti di noi una funzionalità indispensabile.
Alcuni addirittura non concepiscono più il proprio Windows Phone senza il suo assistente vocale: hanno persino “placato la scimmia” in occasione del rilascio della Technical Preview di Windows 10 per smartphone proprio per l’assenza di Cortana. Una love story insomma.

Ma se già in versione alpha e con molte feature assenti Cortana ha fatto breccia nei cuori degli utenti Windows Phone, a Microsoft stanno preparando le carte per una sbandata bella e buona.

Infatti, direttamente dal responsabile dello sviluppo del team Cortana Speech, Rob Chambers, viene un tweet che ecciterà gli animi degli amanti dell’assistente vocale di Windows:
robchambers

“Ho appena visto il mio team provare le nostre nuove , fighissime API/UX di integrazione di Cortana. Non vedo l’ora di vedere cosa ci svilupperanno i developers!”

Per ora le integrazioni (attualmente quasi solo in inglese) non sono molte, quindi gli sviluppatori avranno una carta in più da giocarsi per rendere le loro applicazioni ancora più sofisticate e appetibili.
Dall’altra parte, per la user experience si prospetta un’evoluzione verso un’interazione sempre più vocale e sempre più semplificata col proprio smartphone.

Non ci resta che attendere e probabilmente ne sapremo di più in occasione della prossima Build.

Voi cosa vi aspettate dall’integrazione di Cortana e applicazioni di terze parti?

FONTE Informazioni: Rob Chambers

 

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Con la passione per la scrittura e maniaco di tecnologia, un esploratore dei recessi della comunicazione e dei suoi mezzi: un Indiana Jones dell'era digitale
  • WhatsApp e Telegram, è il vostro momento

    • Chiara

      Whatsapp che?
      A malapena quel team riesce a concepire l’uso della messaggistica, pensa te se potranno implementare Cortana.
      Secondo me, si staranno ancora chiedendo “what’s Cortana, dude?”.

      • triste realtà, sicuramente telegram ci darà soddisfazioni in merito…

  • Federico

    Non è questione di “Love Story” Michele, è che è proprio utile.
    Per chi come me gira con un padellone da 6” o per quelli che sono costantemente in auto (e ancor più in moto), l’assistente vocale fa fare veramente il salto di qualità.
    L’utilizzo privo di contatto dei terminali è il futuro, quando Norman scrisse che la miglior tecnologia è quella che non si vede… beh, aveva centrato il punto.
    Spero veramente che il nuovo set di API, a quanto vedo potenti e semplici da utilizzare, spingano i developer ad impiegare quanto più possibile Cortana.
    Per Whatsapp, che sarebbe l’integrazione più importante, temo che ci sarà molto da attendere. Non perchè sia complesso prevederne l’interfacciamento ma la ragione sarebbe la disuniformità di comportamento con le altre piattaforme.
    Spero di sbagliarmi, naturalmente.

    • Michele

      Certo Federico, ho voluto ironizzare sull'”idillio” che si è creato con Cortana, ma sull’utilità degli assistenti vocali non si discute, e la loro integrazione in tutte o comunque nella quasi totalità delle azioni che compiamo quando usiamo la tecnologia è secondo me uno dei punti più alti ai quali possa puntare l’innovazione tecnologica. Quanto semplificherebbe la vita? Forse non molto, ma la vita digitale sarebbe molto molto più vicina alla vita reale e si verrebbe ad assottigliare il senso di alienazione che si ha quando si è alle prese con Smartphone, pc, ecc. In pratica avremmo una VA” (una seconda vita analogica che comunque analogica proprio non è). Fantastico.

      • Federico

        Io non la vedo questa distinzione fra vita analogica e vita digitale. O meglio, esiste fino a quando la nuova tecnologia non viene assimilata ed integrata nella quotidianità.
        Mettiti al centro di un moderno appartamento e percorri mentalmente dei salti all’indietro di una generazione, diciamo 25 anni, e per ogni salto cancella gli oggetti non disponibili precedentemente.
        Al primo passo sparirà tutto ciò che è informatica. Non solo i computer e i cellulari, ma anche il cronotermostato del riscaldamento ed il lettore CD.
        Al secondo tutto quello che riguarda l’elettronica miniaturizzata e ti ritroverai in un mondo fatto di valvole, con il televisore in bianco e nero grande come un frigorifero.
        Al terzo sparirà tutto ciò che è elettronico e probabilmente casa tua non avrà neppure l’energia elettrica.
        Al quarto sarai un un mondo nel quale tu, ragazzo del 2015, non saprai più vivere ma solo sopravvivere.
        Ora, all’inizio di ciascuna di quelle epoche le innovazioni che stavano per venire introdotte erano catalogate come fai ora tu distinguendo fra vita analogica e vita digitale. In poco tempo sono diventate semplicemente vita.
        Lo stesso capiterà con queste.
        Vuoi sapere quale sarà l’innovazione più importante che porterà il “nostro salto”? Sarà la realtà aumentata.
        Fra venticinque anni i cittadini del pianeta non guarderanno più il mondo con i propri occhi ma lo faranno tramite la reinterpretazione data dagli elaboratori elettronici.
        E tutto sarà diverso, perché sarà cambiato lo stesso modo di percepire la realtà.

        • Muler

          Questa volta concordo pienamente con te, si vede come da quest’anno che vanno di moda gli smart, si passerà a fine anno con gli hololens di casa redmond e tutti i corrispondenti dei rivali…e sarà solo un inizio… Diciamo che i video della Microsoft sulla visione del futuro rendono molto sul “cosa esisterà sicuramente” e quindi su come cambierà radicalmente la vita quotidiana

          • Federico

            Non so come saranno quelli del futuro, probabilmente qualcosa tipo lenti a contatto ed impianti cocleari.
            Però guardando un monumento vedremo comparire una scheda con le sue caratteristiche e la storia, guardando uno strumento musicale ne avvertiremo il suono e di una persona potremo sapere istantaneamente chi è, cosa fa e sfogliare le sue pagine dei social.
            E poi la letteratura, sia classica che tecnica, le notizie, le procedure tecniche per compiere una determinata operazione… tutto immediatamente disponibile.
            Sarà per molti versi meglio di adesso, però sarà anche impossibile sapere se l’avversari che avremo di fronte è umano o se staremo giocando a scacchi con un computer.
            I risvolti sociologici saranno notevoli.

  • Per me non esiste muovermi in macchina senza cortana.. E ormai a fine giornata fisso gli appuntamenti in calendario solo a voce in meno di un attimo. Idem riguardo ai promemoria geolocalizzati: fondamentali per me ormai

  • Ne vedremo (sentiremo?) delle belle!

  • pasquale

    Io penso che Microsoft sta facendo un lavoro egregio da un po di tempo a questa parte…il salto di qualità é dietro l angolo

  • marecola

    Mi sento toccato dal primo paragrafo ahahahaahah

  • alessandro

    Io ancora nn ho cortana, provo a portarlo in assistenza