Xamarin viene acquisita da Microsoft

Microsoft acquisisce Xamarin

La notizia di oggi è Microsoft Corporation acquisisce Xamarin.

Cos’è Xamarin?

Se non siete degli sviluppatori, molto probabilmente, questo nome non vi suggerirà nulla, al contrario, se siete dei developer questo nome non vi sarà del tutto sconosciuto.
Prendiamo i dati da Wikipedia:

Xamarin è un’azienda produttrice di software statunitense con sede a San Francisco, California fondata nel maggio 2011 dagli ingegneri di Mono, Mono per Android e MonoTouch che sono implementazioni multipiattaforma di Common Language Infrastructure (Infrastrutture di linguaggio comune) e di Common Language Specifications (spesso chiamato Microsoft .NET) Con un codice condiviso basato su C#, gli sviluppatori possono usare gli strumenti Xamarin per scrivere applicazioni native Android, iOS e Windows con interfacce utenti native e condividere il codice su diverse piattaforme. Xamarin ha oltre 1 milione di sviluppatori in più di 120 paesi nel mondo (Maggio 2015).

xamarin

Come detto nella nota, Xamarin è una società che produce l’omonimo software di sviluppo e la sua particolarità è quella di riuscire a sviluppare tre applicazioni mobili (iOS, Android e Windows) tramite l’utilizzo di un solo codice comune scritto in C# (si legge “see sharp”); attingendo a piene mani nuovamente da Wikipedia, possiamo leggere:

C# è linguaggio di programmazione orientato agli oggetti sviluppato da Microsoft all’interno dell’iniziativa .NET, e successivamente approvato come standard ECMA.

xamarin

Aggiungo inoltre che C# è uno dei linguaggi nativi per lo sviluppo di app per Windows.

xamarin

Il bello, per gli sviluppatori non finisce qui, perché grazie alla soluzione denominata Xamarin Forms è possibile anche scrivere una sola interfaccia (scritta tramite codice di tipo XAML) che verrà automaticamente riadattata e resa nativa per ogni piattaforma operativa (Windows, Android, iOS), purtroppo questa comodità ha un costo di 999$ l’anno per piattaforma, quindi se vogliamo sviluppare sia per Android, sia iOS spenderemo una 1998$ all’anno, mentre, per Windows dovremmo rivolgerci a Visual Studio.

 

L’acquisizione di Xamarin da parte di Microsoft

Ok, basta con i tecnicismi e affrontiamo il cuore della notizia.

xamarin

Questa mattina, tramite un post sui propri blog ufficiali, sia Microsoft, sia Xamarin hanno ufficializzato l’operazione.

La cifra spesa da Microsoft per la conclusione di questa operazione non è nota, ma fonti molto attendibili (mi riferisco al Wall Street Journal) parlano di esborso compreso tra i 400 e i 500 milioni di dollari.

 

Il perché di questa acquisizione

I servizi di Xamarin erano già integrati da molto tempo all’interno dei servizi del colosso di Redmond, difatti era visibile questa integrazione all’interno di Visual Studio, Azure, Office 365 ed Enterprise Mobility Suite.

Inoltre i partner che utilizzano questa soluzione software appartengono agli ambiti più disparati, tra queste troviamo compagnie aeree, governi, etc.

xamarin

A mio modo di vedere, con questa mossa sulla scacchiera del mobile development, Microsoft raggiunge un’ottima posizione all’interno della marcia volta a colmare il celeberrimo app gap del nostro amato sistema operativo. L’Universal Windows Platform è ormai completa: un solo codice porterà alla possibilità di fruire l’app scritta sia sull’intero ecosistema di Windows 10 (Desktop, tablet, smartphone, etc.), sia su iOS (quindi iPhone e iPad) sia su Android (tablet e phone).

xamarin

 

Conclusione

Nel mio cuore, ora, convivono due speranze: la prima è che Google ed Apple non facciano la guerra a Xamarin per quanto riguarda l’integrazione delle proprie API all’interno dell’omonimo software di sviluppo(un’API “Application programming interface” non è altro che una porzione di codice che permette allo sviluppatore di accedere a funzioni specifiche. Propongo un esempio che spero chiarisca il concetto: WhastApp all’interno del proprio menù per l’invio dei file, ha inserito il tasto per l’accesso diretto fotocamera per scattare una nuova foto da inviare nella chat; per far ciò, gli sviluppatori dell’app, hanno dovuto utilizzare un’API scritta da Microsoft per l’utilizzo della fotocamera all’interno di applicazioni di terze parti). La seconda è la speranza che Microsoft spinga questo prodotto per lo sviluppo delle proprie app, in modo tale da invogliare anche gli sviluppatori più pigri a rilasciare app in contemporanea su tutti i tre principali OS mobili.

xamarinCosa ne pensate di questa acquisizione? Secondo voi quali risvolti avrà dal lato dell’utente consumatore? Come al solito, mi piacerebbe discuterne assieme nei commenti.

FONTE: Microsoft Blog (ufficiale)
Xamari Blog (ufficiale)
Wall Street Journal

Articolo precedenteArticolo successivo
Angelo Gino Varrati
Studio ingegneria meccanica, sono appassionato di Harley Davidson, Kustom e meccanica in genere! Adoro il mio Lumia 830 e fotografo con una Canon EOS1000d! Amo cucinare e l'informatica (sono un MSP). Amo essere italiano!
  • TheVexed

    Apprezzo molto questo tipo di articoli, non la notizia buttata là ma spiegata in ogni sua parte! Complimenti! Secondo me potrebbe essere un passo importante non solo per l’importazione ma anche l’esportazione agli interessati. Anche se il fine ultimo dovrebbe essere la uwp

  • Andrea Lumia 1520

    Potrebbe essere la svolta forza microsoft

  • Ale Campanella

    Per me già con WP 8.1 manca poco ormai alla risoluzione di questo problema, questa è però la svolta decisiva! Sono soddisfatto di aver abbandonato Android!

  • pensavo si leggesse “si ashtag” ????

  • Federico

    Bellissima notizia, ma xamarin continuerà ad essere un tool per sviluppare ‘anche’ una tipologia di applicazioni multipiattaforma, oppure diventerà la piattaforma di sviluppo per le applicazioni UWP? Perché già ci sono una pletora di soluzioni, WPF, Windows form, Windows store, UWP. Insomma sarebbe il caso di avere una unica piattaforma di sviluppo e via andare!

    • Questo è da vedersi.. Credo rimanga così com’è ora, ovvero un tool per la scrittura di app native su ios, android e windows per mezzo della scrittura di un unico codice

      • Marco

        lo penso anch’io e credo sia anche la soluzione più logica

  • Luis

    In poche parole ora hanno comprato lo strumento per sviluppare universal^2 app, compatibili con tutto l’ecosistema windows, IOs e robottino in una volta sola?

    • Esattamente! Con lo stesso codice puoi fare un’app per i principali ecosistemi

  • Luis

    Anche abbattere il costo di xamarin forms sarebbe furbo, o almeno in linea con quello che sembra vogliono fare

    • abbatterlo del tutto credo sia impossibile, anche perché esiste il piano “indie” che costa “soli” 25$ al mese ed include i forms, anche se, al contrario dell’edizione business, non si ha accesso all’integrazione con Visual Studio e, di conseguenza, bisogna ricorrere all’IDE proprio di Xamarin

      • Luis

        Sicuramente l’azienda punta al profitto, Ma microsoft attualmente non può “desiderare” altro che essere considerata dagli sviluppatori

  • Benedetto Celentano

    Speriamo perche se tra un anno gli sviluppatori continueranno ad ignorare windows mi sa che passo alla concorrenza…

    • purtroppo non posso che darti ragione e ammettere di cominciare a pensare allo stesso tuo modo, anche se mi dispiacerebbe tantissimo abbandonare questo ecosistema