Zombie’s Got a Pogo: l’endless runner dove non si corre

Lo store di Windows Phone, al pari di quello degli OS concorrenti, è ormai pieno di endless runner molto simili tra di loro e in tutti si deve correre e fuggire da qualcosa. Questo non è il caso di Zombie’s Got a Pogo: qui non si corre e non si sfugge da nulla. Dopotutto lo zombie siamo noi!  L’obiettivo, invece, è di andare avanti facendo rimbalzare lo zombie col pogo per più tempo possibile, senza che cada. Il gioco in sé è molto semplice e lineare e proprio questa è una delle sue caratteristiche vincenti che lo rende un passatempo piacevole. Vi basterà toccare la parte sinistra dello schermo per far inclinare all’indietro il vostro zombie e la parte destra perché si pieghi in avanti, in un percorso in cui dovrete schivare diversi ostacoli: scatole, travi, ceppi, ruote o addirittura automobili. Potrete saltare su gomme e su molle per avere maggiore spinta, e persino su dei palloni da calcio legati a palloncini (ve lo giuro, non sono pazzo). Proseguendo gli ostacoli diventeranno dinamici e sempre più insidiosi: io ho incontrato un cannone spara-meloni, saltando sui quali, però, si ha uno slancio aggiuntivo. Zombie's got a pogo - screenshot 5 Degli obiettivi giornalieri vi faranno guadagnare monete che potrete anche comprare tramite acquisti in app. Per ogni partita avrete a disposizione tre vite da utilizzare eventualmente per far “resuscitare” il nostro zombie (paradossale, eh?) e raggiungere record più alti; al termine delle vite si possono sempre usare le monete. Qualcuno potrebbe dire che si tratta di un gioco troppo semplice o inutile, tuttavia la creatività degli elementi di gioco e la cura grafica lo rendono a mio parere particolare e migliore di molti giochi dello stesso genere. Inoltre non ha un eccessivo impatto sulla batteria, è fluido e non ha problemi con il resume dell’app. L’audio è più curato di come potrebbe sembrare a una prima impressione: la musica di sottofondo è lieve e poco fastidiosa (potete comunque silenziarla) e ogni oggetto colpito dallo zombie fa un rumore diverso. E la tile? È carina, ma nel formato medio il testo (che mostra i metri raggiunti e l’obiettivo) non è facilmente leggibile e il nome dell’app fa un po’ a pugni con l’immagine della tile. Tutto un altro discorso la tile grande, più colorata e curata della media, e che permette di leggere agevolmente il testo. Un’ultima chicca sono i diversi temi che il gioco sembra avere: per esempio, ora all’apertura si festeggia “la celebrazione dell’anno della capra” e, infatti, il nostro zombie ha una simpatica capretta sulla spalla e nel cielo volano lanterne di carta; attenti a non perdere una capretta o riderà di voi. Buffo!

Articolo precedenteArticolo successivo
Staff
One love, one staff, one vision! - Seguiteci anche su Facebook e Twitter -
  • La grafica è veramente bella! Penso che meriti una prova ;)