Dicembre 7, 2022

Windows Lover

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

110 navi aderiscono al programma volontario COVID-19 di CDC mentre l'agenzia allenta le linee guida sull'isolamento, la quarantena e lo stato del vaccino

110 navi aderiscono al programma volontario COVID-19 di CDC mentre l’agenzia allenta le linee guida sull’isolamento, la quarantena e lo stato del vaccino

(05:30 EDT) – Con l’avvicinarsi della scadenza del Centers for Disease Control and Prevention degli Stati Uniti per l’adesione delle compagnie di crociera al programma volontario per le navi da crociera COVID-19 dell’agenzia, l’agenzia ha selezionato più di 113 navi.

Norwegian Cruise Line Holdings, che comprende Norwegian Cruise Line, Oceania e Regent Seven Seas Cruises, aveva precedentemente annunciato l’adesione al programma di volontariato e il Gruppo Royal Caribbean, che comprende Royal Caribbean International, Celebrity Cruises e Silversea, ha confermato nuovamente venerdì. il programma.

“Il Royal Caribbean Group ha informato i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) che parteciperà al programma COVID-19 della nave da crociera, il nuovo programma di volontariato che l’agenzia ha rivelato”, ha annunciato la compagnia in una nota.

E lunedì, Princess Cruises ha anche confermato la sua partecipazione fino al 31 marzo su navi in ​​partenza dai porti statunitensi.

“La principessa ha dimostrato che le vacanze in crociera sono sicure e salutari per i nostri ospiti e i nostri team”, ha affermato John Padgett, presidente di Princess Cruises. “D’ora in poi, Princess è pronta ad adeguare i protocolli operativi per garantire ai nostri ospiti vacanze fantastiche proteggendo sempre la sicurezza dei nostri ospiti, dei membri del team e delle loro destinazioni”.

“Apprezziamo la collaborazione in corso tra più agenzie governative, nonché il supporto dei funzionari dell’Alaska e di altre delegazioni”, ha aggiunto Padgett.

Carnival Cruise Line ha annunciato venerdì che parteciperà anche al programma. Cruise Critic ha contattato altre compagnie di crociera per vedere se anche loro si sono unite.

Tre giorni fa, il CDC ha abbassato il suo avviso di viaggio per i navigatori dal livello 4 al livello 3 e ieri l’agenzia ha allentato silenziosamente la sua guida sul programma di volontariato, alleggerendo i requisiti e dando alle compagnie di crociera maggiore discrezione su come implementarli a bordo.

Le modifiche sono arrivate meno di 24 ore prima della scadenza imposta del 18 febbraio alle compagnie di crociera per iscriversi o uscire dal programma volontario per le navi da crociera COVID-19, i cui dettagli sono stati rilasciati il ​​9 febbraio.

Le linee guida originali furono inizialmente accolte con sorpresa dal settore crocieristico – e dalla maggior parte degli incrociatori – che credevano che le compagnie di crociera fossero state trattate ingiustamente quando i loro protocolli effettivamente superavano quelli richiesti dal CDC a terra.

Tra i cambiamenti più evidenti ci sono le linee guida e i requisiti allentati relativi all’isolamento e ai periodi di quarantena per i contatti stretti asintomatici di casi positivi e che consentono alle navi da crociera di escludere determinate popolazioni nei calcoli che determinano lo stato di vaccinazione generale delle navi.

I requisiti che impediscono ai passeggeri o all’equipaggio di risultare positivi durante il test NAAT iniziale rimangono invariati.

L’ente del settore CLIA ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Le istruzioni aggiornate sono certamente un passo avanti nella giusta direzione – la familiarizzazione con le prove nei protocolli delle compagnie di crociera e un migliore panorama sanitario – e sono stati fattori chiave per i membri delle compagnie di crociera CLIA nel rendere il loro decisioni circa l’iscrizione al programma e raccomandazione CLIA Condivisione con i membri.

“Tuttavia, c’è ancora bisogno di un ulteriore movimento verso una maggiore armonizzazione delle crociere nel settore dei viaggi e del turismo – in particolare data l’evidenza sull’efficacia dei protocolli di crociera – e i molteplici livelli preesistenti di regolamentazione in base ai quali operano le navi da crociera.

“La linea di fondo: i protocolli di salute e sicurezza che i membri delle compagnie di crociera sono tenuti a seguire non hanno eguali rispetto a quasi tutti gli altri luoghi commerciali e continueranno a fungere da modello per gli altri”.

Diamo uno sguardo alle nuove linee guida.

Nuove opzioni di isolamento e isolamento

Le navi da crociera avranno ora più discrezione quando si tratta di periodi di isolamento e quarantena per i passeggeri asintomatici che sono stati a stretto contatto con un caso positivo al COVID-19.

Le linee guida originali del programma volontario dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) richiedevano a tutti i passeggeri a stretto contatto, indipendentemente dallo stato di vaccinazione, di isolarsi per 10 giorni senza alcun contatto esterno e di ricevere un test virale l’ultimo giorno di quarantena.

Sono stati ridotti i periodi di isolamento per i viaggiatori completamente aggiornati con le vaccinazioni

Le nuove linee guida riducono il periodo di isolamento a cinque giorni per i viaggiatori asintomatici che sono vaccinati contro il COVID-19, compresi eventuali richiami idonei. I contatti stretti che non hanno sintomi e che non hanno tenuto il passo con i loro vaccini dovrebbero continuare a essere messi in quarantena per 10 giorni.

I periodi di quarantena e isolamento iniziano il primo giorno intero dopo che l’ultimo passeggero è risultato positivo. I test virali devono essere eseguiti il ​​primo e l’ultimo giorno di quarantena e i passeggeri possono essere rilasciati solo se entrambi i test sono negativi.

L’isolamento e la quarantena possono essere ridotti o sostituiti con test virali giornalieri

Inoltre, gli operatori crocieristici possono ora esercitare discrezione su come gestire i periodi di isolamento e quarantena.

Invece dei cinque giorni di quarantena richiesti, le compagnie di crociera possono invece scegliere di condurre test virali giornalieri su contatti stretti asintomatici che sono completamente in regola con le vaccinazioni.

Tuttavia, questi passeggeri devono consumare tutti i pasti nelle loro cabine, indossare sempre maschere adeguate quando non sono nelle loro cabine e se qualcuno, come l’equipaggio, la famiglia o gli amici, entra nella loro cabina.

Gli operatori di crociera possono ora ridurre i periodi di isolamento per i viaggiatori asintomatici che non hanno tenuto il passo con i loro vaccini COVID-19 entro cinque giorni e optare invece per un approccio ibrido di cinque giorni di isolamento seguiti da cinque giorni di test virali giornalieri. Una volta usciti dalla quarantena, questi passeggeri dovranno seguire la stessa mascherina e mangiare come sopra.

La nuova formulazione esonera i passeggeri non idonei alle vaccinazioni dal calcolo dello stato vaccinale di una nave da crociera

Il nuovo programma volontario del CDC ha creato nuove categorie di stato di vaccinazione per indicare i livelli di vaccinazione su ciascuna nave del programma. In origine, queste categorie erano determinate dalla percentuale totale di passeggeri completamente vaccinati e passeggeri che sono completamente in regola con le vaccinazioni COVID-19 a bordo della nave. Alle navi da crociera è stato chiesto di calcolare queste percentuali in base al numero completo di passeggeri e membri dell’equipaggio.

Il CDC ha definito la definizione di “aggiornato”, spiegando che “significa quando una persona ha ricevuto tutti i vaccini COVID-19 raccomandati, comprese le dosi di richiamo quando idonee”.

Il chiarimento di questa nuova formulazione ora consente alle navi da crociera di esentare i passeggeri che non si qualificano per i booster, ovvero i bambini sotto i cinque anni, nei loro calcoli verso lo “standard di vaccinazione premium” dei Centers for Disease Control and Prevention. Questa valutazione, la più alta disponibile, include le navi da crociera che operano con almeno il 95% dei passeggeri e il 95% dell’equipaggio in regola con i vaccini COVID-19.

READ  Una donna è stata aggredita e trascinata davanti ai suoi figli in un'auto di McDonald's