Ottobre 15, 2021

Windows Lover

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

600 marchi cinesi vengono truffati con recensioni degli utenti Amazon vietate

Più di 3.000 account sono stati bloccati dal sito di Amazon in un periodo di 5 mesi.

Che ci piaccia o meno Amazon, l’e-commerce è ormai parte integrante delle nostre abitudini di consumo. L’acquisto di prodotti era molto raro. Molto semplicemente, alcune persone disoneste non esitano ad abusare del computer per ottenere il massimo da esso.

Tra questi truffatori ci sono quelli che dirottano il sistema di valutazione e recensione di Amazon, creando recensioni e acquirenti falsi per massimizzare i profitti sparando meglio ai loro prodotti per i clienti. Queste aziende capiscono che valutazioni migliori aumentano il numero delle vendite.

Completamente intollerante

Tuttavia, dal 2016, Amazon ha iniziato a stringere i toni per questo tipo di comportamento. Ricevere denaro o un articolo contro la pubblicazione o l’eliminazione di un’opinione è ora formalmente proibito.

Negli ultimi mesi, Amazon ha costantemente vietato alle aziende di violare i suoi termini di utilizzo. Aki è stato bandito a maggio, dopo Embo, RawPower, Wawa, Dotronics o Ciotech. Amazon ha rivelato oggi che queste restrizioni si applicano al più grande quadro antifrode.

600 negozi per 3.000 account bannati

Per un totale di 3.000 account, l’azienda statunitense ha fatto un altro passo avanti vietando dal proprio mercato quasi 600 negozi cinesi. Secondo Amazon, i marchi cinesi accusati hanno cercato di incoraggiare recensioni positive sui prodotti che offrono. Sono state utilizzate varie tecniche di occultamento, come la creazione di piani “VIP” per accedere a buoni sconto o estensioni di garanzia offerte in cambio di buone recensioni.

Un’altra tecnica, più sottile, era il lavoro. Gli “acquirenti” possono richiedere un rimborso dopo l’acquisto dell’articolo… senza rimborso del prodotto. A volte, invece di acquistare recensioni negative, le aziende cercano di persuadere gli acquirenti insoddisfatti a cambiare idea o a rimuovere la loro valutazione.

READ  Sony offre un cambio di generazione a ritroso

Lo ha detto un portavoce di Amazon Al limite Queste aziende hanno violato consapevolmente e ripetutamente le politiche di Amazon: Miglioreremo l’individuazione di negligenza e intraprenderemo azioni di contrasto contro i malintenzionati, compresi coloro che commettono consapevolmente reati multipli e ripetuti, compresi gli abusi di ritorsione. Riteniamo che le azioni che intraprendiamo vadano a beneficio dei nostri clienti e delle aziende oneste che costituiscono la maggior parte della nostra comunità di vendita globale. “

Niente più conti, niente più soldi

Amazon non solo li ha banditi dal suo sito, ma ha anche disabilitato alcune delle risorse di queste società. Tra i marchi vietati c’è “Shenzhen Yukeshu Technology Company” (YKS), uno dei più grandi rivenditori cinesi sulla piattaforma. Circa 20 milioni di dollari sono stati congelati quando Amazon è stato bandito.

Nonostante questo divieto, la maggior parte di queste aziende escluse non ha perso tempo e si è già affermata su altri siti come eBay o AliExpress.