Dicembre 5, 2021

Windows Lover

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Aggiorna gratuitamente a Windows 11 … prima di entrare in Windows 11

Microsoft lo ha annunciato in anticipo: Windows 7 è ora completamente abbandonato. Fino al 14 gennaio 2020 il sistema operativo non beneficerà di alcun supporto tecnico. Chiaramente, ad eccezione dei professionisti e delle aziende che hanno sottoscritto il piano di manutenzione a pagamento, alla fine non ci sarà nessun aggiornamento per Windows 7, che potrebbe causare seri problemi di sicurezza se riscontrati

Ovviamente i PC dotati di Windows 7 continueranno a funzionare “normalmente”. Rilasciata nell’ottobre 2009, dieci anni fa, questa versione è ancora considerata una delle migliori versioni di Windows con Windows XP: ha ancora molti seguaci.

Ma alla fine e nella situazione attuale se si “disabilita” un computer, non ci sarà altra soluzione che passare presto a Windows 10 e 11 o adottare un altro sistema operativo.

Ottieni Windows 10 gratuitamente

Quando Windows 10 è arrivato nel 2015, Microsoft ha offerto la migrazione gratuita agli utenti legali di Windows 7 e Windows 8.1. Per molto tempo – fino a luglio 2016 – è bastato accettare la proposta di Windows Update per l’aggiornamento gratuito.

Da allora, il passaggio a Windows 10 ha ufficialmente dato i suoi frutti. A seconda che si acquisti la versione in scatola o la chiave di attivazione, il sistema operativo viene offerto in vendita a prezzi molto diversi. Ma contro ogni previsione e senza pubblicizzarlo, Microsoft ha mantenuto il suo sistema di aggiornamento gratuito. Se il processo non è automatizzato, puoi migrare direttamente a Microsoft senza un portafoglio integrato. Un metodo non ufficiale, quindi, ma del tutto legale!

In pratica è necessario procurarsi uno strumento dedicato (e gratuito) da Microsoft e scaricare la versione ufficiale di Windows 10 (in realtà un’immagine ISO). Tutto viene fatto automaticamente su un computer dotato di Windows 7 seguendo le istruzioni visualizzate sullo schermo!

READ  La NASA potrebbe portare Thomas Baskett e tre astronauti questo fine settimana

Attenzione però: si consiglia vivamente di eseguire il backup di tutti i file personali importanti sul sistema prima dell’aggiornamento, anche se il rischio è basso, altrimenti si potrebbero perdere dati irreparabili. Questa è la fase più dolorosa dell’intervento.

Ovviamente l’aggiornamento è in linea di massima riservato alle versioni ufficiali di Windows 7, ovvero le versioni implementate con la chiave corretta e legale. In linea di principio, non devi preoccuparti della chiave: Windows 10 la ripristina automaticamente durante l’aggiornamento e la esegue senza ritardi o interruzioni. Un dettaglio che semplifica notevolmente il processo.

Infine, tieni presente che questo aggiornamento teoricamente funziona ancora su PC dotati di Windows 8 o 8.1. In pratica, quando è stato rilasciato Windows 10, è stata prima migrata.

Quale PC per Windows 10?

Ovviamente, non dovresti aspettarti di installare Windows 10 su un computer più vecchio. O, più precisamente, su un sistema che non ha abbastanza potenza. Nella sua documentazione tecnica, Microsoft richiede almeno la seguente configurazione hardware: Processore: 1 GHz; RAM: 1 GB per la versione a 32 bit o 2 GB per la versione a 64 bit; Spazio di archiviazione: 16 GB per la versione a 32 bit o 32 GB per la versione a 64 bit; Definizione del display: 800 x 600 pixel.

Anche se queste caratteristiche potrebbero non essere molto accurate, il processore da 1 GHz potrebbe essere molto lento o relativamente veloce a seconda del suo design, il che non è raro – la definizione minima è simile al vecchio schermo caddy-ray da 15 pollici – e relativamente modesto per eseguire Windows 10. Quindi, un PC con un processore di dieci o dodici anni può eguagliare Windows 10. Tuttavia, si consigliano almeno 4 GB di memoria ad accesso casuale (RAM). È anche meglio utilizzare un SSD per il computer rispetto a un normale disco rigido per ottenere la fluidità del funzionamento. In entrambi i casi, Microsoft Update Tool esegue un controllo della configurazione hardware prima dell’installazione.

READ  Festival of Lights - Tetene Pokemon arriva al GO per Break Philippe

In pratica è meglio avere spazio libero (una decina di gigabyte) sull’hard disk (o SSD) per l’installazione. È anche possibile avviare il processo dalla chiavetta USB. L’uso del DVD masterizzato è anche possibile, ma sconsigliato per la sua apparente recessione, tanto più che questo tipo di supporto oggi è quasi scomparso.

Inoltre, l’applicazione di aggiornamento richiede una copia di Windows 10 – in formato file ISO – e un aggiornamento su un computer connesso a Internet per scaricare gli ultimi aggiornamenti di sistema.

Fonti: Redazione e web

Microsoft lo ha annunciato in anticipo: Windows 7 è ora completamente abbandonato. Fino al 14 gennaio 2020 il sistema operativo non beneficerà di alcun supporto tecnico. Chiaramente, ad eccezione dei professionisti e delle aziende che hanno sottoscritto il piano di manutenzione a pagamento, alla fine non ci sarà nessun aggiornamento per Windows 7, che…