#Focus: perché a Microsoft piacciono tanto gli hamburger

No, non quelli da mangiare, mi riferisco ai “menu hamburger”. Finalmente abbiamo un parere ufficiale da casa Microsoft.

Sapevamo poco del perché con Windows 10 si sia cominciato a vedere sempre di più questo tipo di menu “hamburger”, potevamo fare supposizioni e teorie, ma al più tali rimanevano. Ora con un post sul suo blog, Jerry Nixon, un Developer Evangelist di Microsoft, ci spiega come implementare l’hambuger menu nelle app in cui l’interfaccia grafica è scritta utilizzando il linguaggio XAML.

Windows 10 introduce la nuova piattaforma universale per le app, così come nuovi strumenti grafici per il toolbox di Visual Studio. Stiamo parlando di hamburger menu ed il controllo si chiama SplitView.

Tuttavia non siamo qui per fare un discorso tecnico per gli sviluppatori, ma siamo qui per carpire informazioni sulle nuove linee guida del design Microsoft, il cosiddetto Microsoft Design Language 2.0 (MDL2) che caratterizzerà le app di casa Redmond ed il sistema operativo stesso.

Image1

Jerry Nixon come giustifica questo controllo e, quindi, il menu hamburger?

The purpouse of the SplitView is to help developers build popular navigation experience.

Che in italiano significa che lo scopo di questo nuovo controllo SplitView è quello di aiutare gli sviluppatori ad implementare una esperienza di navigazione popolare. Proprio così: Microsoft metterà ovunque i menu hamburger, perché lo fanno tutti gli altri e quindi per portare agli utenti una esperienza di navigazione che già conoscono.

Jerry, però, mette le mani avanti: coloro che odiano odieranno (Haters are going to hate) perché ad alcuni designer e sviluppatori proprio non piace questo menu. Tuttavia egli conosce anche altrettanti designer e sviluppatori che attualmente lo utilizzano nelle loro app, soprattutto in quelle multipiattaforma per creare un interfaccia comune tra i vari sistemi operativi.

Ma, c’è sempre un ma, vengono anche suggerite alcune linee guida per l’utilizzo di questo menu per evitare un uso improprio o non “user-friendly”.

Perhaps I could offer just a little design guidance, however. The hamburger button allows for the main visual to be clean. But some developers/designers have used the hamburger “drawer” as a catch-all for everything – a disorderly junk drawer, if you will. It makes the menu unpredictable; users ask “what will I find when I click the menu button?” Bad. Remember, keep hidden menus as intuitive and easy-to-use as main visuals. That should quell much frustration.

Nonostante il controllo SplitView non sia “regolamentato” da delle linee guida ufficiali, ci si può affidare al buon senso. Giustamente Jerry evidenzia il fatto che questo tipo di menu aiuta a rendere più pulita la visuale principale dell’applicazione, ma alcuni sviluppatori utilizzano il menu per buttarci dentro ogni cosa costringendo l’utente a chiedersi “cosa troverò lì dentro?“. Per questo l’hamburger menu deve essere anche ben congegnato per inserire al suo interno le opzioni più raramente usate oppure deve essere intuitivo.

Effettivamente nelle app di Windows 10 che abbiamo avuto modo di vedere (come Musica e Video, ad esempio) l’hamburger menu è anche accompagnato da delle icone che rimangono visibili e che suggeriscono all’utente che ci sono ulteriori visuali da esplorare. Questo approccio non è negativo ed è sintomo che a Redmond non si sono dimenticati che dietro ad una interfaccia deve esserci uno studio sull’utilizzo da parte dell’utente finale.

Imgae2

Per questo Jerry Nixon spende qualche parola anche per l’uso dell’interfaccia con una sola mano.

A final thought on implementation is around one-handed operation. If you determine that your UI should be best served with one-handed operation (which includes small tablets and most phones) you might move your hamburger button down to the bottom of the screen. There’s nothing wrong with that.

Cioè se lo sviluppatore ritiene che l’interfaccia grafica (UI) debba essere utilizzata con una sola mano (ad esempio sui piccoli tablet o sui telefoni) potrebbe essere una buona idea spostare il tasto hamburger in basso. Non c’è nulla di male in questo.

In conclusione, Jerry Nixon ci ha un po’ chiarito le idee sulle nuove linee guida del design Microsoft: similarità e usabilità. Una interfaccia simile a quella degli altri sistemi operativi in quanto a navigazione, ma pur sempre interpretata nell’ottica della migliore usabilità possibile. Abituatevi e rassegnatevi, quindi, agli hamburger button! Ma state tranquilli che probabilmente li troveremo in basso sui nostri smartphone.

Fonte ed informazioni tecniche per gli sviluppatori: Jerry Nixon on Windows

Se reputi utile questo contenuto, aiutaci condividendolo!
Articolo precedenteArticolo successivo
Francesco Tili
When you change the way you see the world, you'll change the world you see - S. Nadella