Dicembre 5, 2021

Windows Lover

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

“Gioco verde”, o quando l’industria dei videogiochi vuole essere verde

Con quasi $ 175 miliardi di entrate globali entro il 2020, I videogiochi dominano completamente il mercato dell’intrattenimento. Il settore è in crescita da molti anni, controllato dall’epidemia Govt-19 (con una crescita del 10% entro il 2020), e Dovrebbe continuare il suo ritmo.

Nei paesi europei più popolosi (Francia, Spagna, Regno Unito, Germania, Italia), il 50% della popolazione tra i 6 e i 64 anni gioca ai videogiochi (compreso il 79% degli 11-14 anni), e trascorre una media di 10 ore a settimana su questo hobby (14 ore per i social network e 23,5 ore per la televisione). I videogiochi sono diventati per molti un oggetto quotidiano, un oggetto culturale sempre più riconosciuto, motivo per cui i professionisti hanno già creato una serie di reazioni e azioni per valutare e mitigare l’impatto ambientale di questo intrattenimento elettronico. Il Green Games Summit si è tenuto il 20 e 21 ottobre 2021, per riunire le parti interessate del settore sensibili alle questioni ambientali, per espandere la discussione in parallelo con la prossima COP26.

La complessità delle pratiche dei videogiochi

Complessivamente, emissioni di gas serra (GHG), consumo di carburante. È difficile stimare con precisione l’impatto ambientale della tecnologia digitale (o delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione) in termini di energia o impronta di carbonio. In tanti l’hanno provata, ogni volta con i suoi pregi e difetti, Stime recenti vanno dal 2% al 4% delle emissioni globali di GHG, Se le tendenze saranno confermate continueranno ad aumentare.


Mucca Leggi anche: “Data Age”, un documento sull’impatto ambientale di Internet e della sobrietà digitale


Qual è il ruolo dell’industria dei videogiochi nell’impatto ambientale della tecnologia digitale? La domanda più difficile a cui rispondere dal lato del giocatore è perché il videogioco offre una serie di pratiche molto diverse al di là di azioni come intrattenimento, joystick, mouse o smartphone. Può variare da giochi in streaming, guardare giocatori dal vivo, fare sport o chattare sui social media dal loro canale Twitch. Mito (Storia, universo, persone di un videogioco), o creare videogiochi non amatoriali ispirati ai giochi professionali.

Da parte di sviluppatori e produttori, invece, è facile valutare l’impatto della creazione di giochi e della realizzazione di dispositivi (console, PC, smartphone).

READ  I personaggi di George R.R. Martin nell'Elton Ring non sono presenti nel gioco

E ricorda questi principi:

  • Non importa quanto sia realistica la grafica di un gioco (insomma, con modelli 3D dalla geometria complessa), il suo sviluppo sarà costoso in termini di consumo energetico. In effetti, i programmi in grado di creare modelli 3D iperrealistici e integrarli in un ambiente di gioco richiedono molta potenza di calcolo, quindi dovrebbe funzionare sulla maggior parte dei PC che consumano energia. Questo è in qualche modo vero anche dal lato del giocatore, ma dipende dal livello di ottimizzazione del gioco: più sarà necessaria, meno potenza del computer.
  • Un “PC Gamer” costruito per eseguire i giochi più recenti utilizzerà più energia di una console. In effetti, il loro ciclo di vita dura 6 anni (o più) ed è generalmente meno potente della maggior parte dei PC dedicati ai videogiochi. Questo è ancora più vero per l’ultimo Nintendo Switch: l’azienda giapponese, a differenza dei suoi concorrenti, PlayStation e Xbox, ha deciso di promuovere l’esperienza di gioco piuttosto che le prestazioni. Il risultato è una console ibrida (portatile e standard), che consuma pochissimo rispetto alle sue controparti.
  • I giochi per dispositivi mobili hanno un basso consumo energetico perché sono ottimizzati per funzionare sul maggior numero possibile di smartphone e tablet. Il cloud gaming, giocando su un server esterno, può essere un punto di svolta: i giochi mobili non sono più definiti dalle specifiche dei dispositivi mobili, diventando così meno “verdi”.
  • Il Giochi sul cloud, Rispetto al gioco ‘locale’, è più o meno il consumo di energia a seconda del tipo di gioco. Ci sarà una pista a basso tenore di carbonio se giochi a un gioco che richiede una configurazione potente Giochi sul cloudQuesto perché il consumo di energia in un data center è ottimale rispetto a un personal computer. D’altra parte, considerando il costo del trasferimento dei dati attraverso le reti di telecomunicazione, un piccolo gioco indie che non consuma molta energia sarebbe più ecologico se giocato localmente.

Mucca Leggi anche: Data Age: il cloud gaming diventerà il lato oscuro dello streaming?

READ  23:21 - Missione spaziale di Thomas Peskett completata, missione completata mission

Sensibilizzare attraverso i videogiochi

Sulla base di questi principi, molte discussioni si svolgono nei sistemi e negli studi di videogiochi per ridurre al minimo l’impatto ambientale del gioco, ma per promuovere comportamenti eco-compatibili: perché i videogiochi, se divertenti, È anche uno strumento di educazione e sensibilizzazione.

Ad esempio, nel 2019, le Nazioni Unite hanno lanciato l’iniziativa “Playing for the Planet” per creare videogiochi che promuovono la consapevolezza ambientale per studi e giocatori. Quest’anno è stata organizzata la “Green Game Jam”: gli studi partecipanti devono creare un videogioco a tema ambientale in tempi brevissimi. Attraverso il gioco “Dreams”, che permette di creare i propri videogiochi, hanno potuto partecipare quasi 400 sviluppatori “amatoriali”, creando così giochi di avventura sulla lama di coralli o simulatori di erba.

Oltre a queste iniziative, vediamo apparire sempre più giochi dove c’è un ambiente e rispetto per l’ambiente. Un buon esempio recente”Alpha, un’avventura naturalistica “a Studio UsTwo Games, Giochiamo come una bambina che esplora la fauna selvatica su un’isola e decidiamo di intraprendere un’azione decisiva per conservare questa biodiversità. Una vera e propria bolla d’aria in un mondo videoludico, dove la colonizzazione dei territori e la distruzione delle risorse naturali è una sorta di paradigma nelle dinamiche di gioco.

Lanciato in Scandinavia “Green Green Green”, une Association Combinando guide e ispirazioni per gli studi di sviluppo per migliorare la pista di carbonio. “Spegni il computer quando esci dal lavoro” (“Non è un’impresa da poco nel settore”), “Incorpora una modalità eco nei tuoi giochi, questi sono semplici suggerimenti che consentono al giocatore di scegliere la configurazione più configurabile per te” Richiede quantità minima di potenza del sistema. “

“Riproduzione climatica” Fornisce una serie completa di prodotti che vanno dagli articoli web alla ricerca virtuale, compresi i podcast, per sensibilizzare gli attori sul problema del cambiamento climatico.

Ma questa competizione per più potere

Nonostante questi molti sforzi e la consapevolezza di alcuni giocatori, l’industria dei videogiochi è un’industria high-tech in cui la competizione per il potere è molto alta. Ad eccezione di Nintendo, le console di nuova generazione sono sistematicamente più potenti e potenti delle precedenti. Un articolo del 2014 ha misurato il consumo di diverse generazioni di console : Passiamo da dieci watt per PS1 a oltre 100 W per PS4, nel gioco. Sul sito Web di PlayStation, possiamo vedere che il consumo energetico medio di PS5 è più del doppio di quello del suo predecessore PS4. Questo non è il migliore sulla pagina Xbox di Microsoft. Peggio ancora, questo articolo NRDC (lo fa notare) Le console di ultima generazione rendono più semplice guardare lo streaming, ma consumano 10 volte più energia rispetto ai dispositivi di streaming dedicati come Apple TV o Amazon Firestick. Inoltre, anche se questi costruttori sono firmati “Accordo di volontariato per console di gioco” Questo incoraggia le console a ridurre il loro impatto ambientale. Sul versante dei PC e delle schede grafiche dedicate ai videogiochi, il problema è lo stesso.

READ  C'è una forte domanda per il futuro iPhone 5G negli Stati Uniti

Un altro problema è l’uso del drug designer in molti giochi: usandoli, non nelle meccaniche di gioco Pass stagionale, Cassa del bottino, e altri sistemi al di fuori del gioco, che sono vicini a potenziali giochi, che incoraggiano il giocatore a tornare più frequentemente e a giocare più a lungo.

Fare il lavaggio verde o il finale?

Quindi, tutti questi buoni obiettivi ambientali dell’industria dei videogiochi saranno ecologici? Per i giocatori più grandi, ovviamente, data la loro implicazione in questa idea, sarebbe bello se un gioco avesse più grafica (quindi è necessaria la potenza del computer) e La loro disponibilità a utilizzare una licenza redditizia per il centro. Poiché investire nello sviluppo di un videogioco è così importante (da centinaia di migliaia di euro a milioni di cosiddetti giochi AAA), spesso esistono titoli finanziari e di marketing in termini ambientali.

Fortunatamente, lo sviluppo della scena “indipendente” (cioè i giochi non creati da editori di terze parti) ha aiutato le comunità di gioco a godersi i videogiochi che si basavano molto sulla direzione del gioco, sul gameplay o sulla narrazione. Giochi che spesso girano su macchine con prestazioni “normali”.

Informazioni sulla newsletter

Ricevi notizie importanti ogni mattina.

ok