Settembre 28, 2021

Windows Lover

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Il futuro di Stadia è molto nuvoloso: ipotizzando il backend per altri siti di streaming

GoogleStadia sta crescendo lentamente, ma molti si chiedono ancora cosa riserva il futuro alla piattaforma di cloud gaming a marchio Google. Le voci sulla sua salute sono numerose e contraddittorie. Stadia è stato probabilmente lanciato in anticipo e per più di un anno e mezzo ha visto una continua e necessaria aggiunta di giochi e funzionalità. Tuttavia, un nuovo rapporto suggerisce che Stadia potrebbe diventare un prodotto white label, che funge da spina dorsale per altri siti di streaming. Se si tratta di un prodotto white label, significa che Stadia concederà in licenza le apparecchiature e i prodotti a un’altra società, che può venderli con il proprio nome. Volendo fare un esempio, puoi fornire una versione “white label” di Google Stadia in collaborazione con Ubisoft.

Questa ipotesi deriva dall’annuncio di lavoro di Google su LinkedIn: “Vediamo un’opportunità vitale non solo per costruire il nostro sito di videogiochi, ma anche per mettere la nostra infrastruttura e i nostri strumenti a disposizione dei partner che vogliono costruire i loro siti di streaming interattivi. Il nostro obiettivo è creare un’attività sostenibile a lungo termine che aiuti a far crescere il settore attraverso giochi e altre applicazioni di streaming interattive. Google ha menzionato per la prima volta la possibilità a febbraio, diffondendo la voce che vuole “sostenere i suoi partner commerciali”. Resta da vedere se Google vorrà mantenere Stadia nella versione attuale o chiuderlo per dedicarsi completamente alla soluzione white label.

READ  Presenta il concorrente di OnePlus Airports Pro