Ottobre 15, 2021

Windows Lover

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

Impronte di 23.000 anni riscrivono la storia umana dell’America

Fotografia di dune di gesso nel Parco Nazionale di White Sands, New Mexico, dove sono state identificate impronte umane di 23.000 anni.

Orme risalenti a 23.000 anni fa sono state trovate nel sud-ovest degli Stati Uniti, con uno studio pubblicato giovedì che rivela che l’immigrazione umana in Nord America era già in corso molto prima della fine degli Stati Uniti. Si ritiene che l’ultima era glaciale abbia permesso questa migrazione.

Queste impronte erano ora lasciate nel fango sulle rive di un lago in secca. Ciò ha portato a un deserto di gesso bianco situato nel White Sand National Park, nel New Mexico.

Nel tempo i sedimenti si sono riempiti e induriti nelle insenature e conservati fino all’erosione, riscoprendo queste testimonianze del passato, con grande gioia degli scienziati.

“Molte delle tracce sembrano essere adolescenti e bambini; le impronte degli anziani sono meno visibili”, gli autori dello studio, pubblicato sulla rivista americana Science.

Sono state individuate anche tracce di animali, mammut e lupi preistorici. Alcuni, come i giganteschi pigri, sono contemporanei e vicini a impronte umane sulle sponde del lago.

Al di là dell’emozione e del mito, la scoperta è cruciale per il dibattito sull’origine dell’arrivo dell’Homo sapiens negli Stati Uniti, l’ultimo continente abitato dalla nostra specie. La datazione delle tracce di sabbia bianca “indica che gli esseri umani sono stati sulla terra qui per almeno 23.000 anni e le prove dell’occupazione dureranno per circa duemila anni”, afferma lo studio.

Per decenni, la tesi generalmente accettata è stata che durante un’emigrazione dalla Siberia orientale, i nostri antenati hanno attraversato un ponte di terra – l’attuale Stretto di Bering – per sbarcare in Alaska e diffondersi più a sud.

READ  Apple vuole rilevare immagini di abusi sessuali su minori sui suoi telefoni e server

Le prove archeologiche, comprese le punte di lancia usate per uccidere le mummie, risalgono a 13.500 anni a quella che è nota come cultura di Clovis – il nome dato a una città del New Mexico – ed è considerata la prima cultura americana.

Questo modello di “antica cultura Clovis” è stato messo in discussione per 20 anni, con nuove scoperte che hanno spinto indietro l’età della prima popolazione. Ma di solito questa data non va oltre i 16.000 anni dopo il completamento del “Last Glacier Max”.

Questo capitolo glaciale è molto importante perché è generalmente accettato che le calotte glaciali fossero coperte nella parte settentrionale del continente o che non fosse possibile alcuna migrazione umana dall’Asia attraverso lo stretto di Bering. Recenti scoperte suggeriscono una costa del Pacifico.