Dicembre 1, 2022

Windows Lover

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

La crisi russo-ucraina turba il mercato azionario

La crisi russo-ucraina turba il mercato azionario

stato unito Mercato azionario Vacilla dall’inizio dell’anno. Attualmente, L’escalation del conflitto tra Russia e Ucraina Si aggiunge notevolmente ai problemi del mercato.

dopo il presidente Vladimir Putin La Russia ha ordinato truppe in due enclavi controllate dai separatisti in Ucraina, l’S&P 500, che spesso funge da proxy per il mercato azionario statunitense, anche lui ha superato una soglia notevole.

Martedì, l’S&P 500 è sceso a 4304,76, in calo dell’1,01% rispetto alla giornata. Questa non è stata una perdita enorme, ma ha comunque rappresentato una pietra miliare significativa. Ciò ha fatto scendere il mercato azionario del 10,3% dal massimo del 3 gennaio.

Mercoledì, l’indice è sceso di un altro 1,84%, portando le sue perdite dal livello record all’11,9%.

Nel gergo di Wall Street, ciò significava che l’S&P 500 era in “correzione”, poiché le sue perdite dal 3 gennaio sono superiori al 10%.

Questa definizione del 10 percento è del tutto arbitraria e oggetto di molte stranezze, ma questa è molto chiara: applicare le patch non è una buona cosa.

“È un indicatore di allerta precoce che ti dice che il mercato non sta andando nella direzione in cui vorresti che andasse”, ha detto. Edoardo Yardeni, un economista indipendente di Wall Street che ha compilato registrazioni dettagliate della storia recente del mercato azionario. “Un calo del 10 percento non è necessariamente negativo di per sé, ma se il mercato continua a essere in una tendenza al ribasso, la prossima cosa che sai, sei in calo del 20 percento e quindi, in linea generale, sei in un mercato ribassista e, forse, preoccuparsi di una recessione”.

Ciò che rende preoccupante la flessione del mercato è che l’escalation del conflitto geopolitico nell’Europa orientale viene ora aggiunto a I guai del grande mercato azionario.

Le scorte sono in calo da settimane, per una serie di motivi. Preoccupazioni per le prospettive alti tassi di interesse E la politica monetaria più restrittiva della Federal Reserve in generale è in cima alla mia lista personale.

READ  Wall Street chiude in forte ribasso mentre la crisi ucraina fa paura Di Reuters

La Fed prevede, forse in ritardo, nella riunione del 15-16 marzo di iniziare ad aumentare il tasso sui fondi dall’attuale livello prossimo allo zero, per poi iniziare a tagliare il suo valore di $ 8,9 trilioni. bilancio. Tutto ciò è finalizzato alla mitigazione dell’inflazione che corre a tasso annuo 7,5 per cento, 40 anni.

Inoltre, la morte, la malattia e i disagi causati dalla pandemia di coronavirus hanno avuto una miriade di effetti negativi. La forza lavoro statunitense è più piccola di quanto sarebbe altrimenti e l’economia del settore dei servizi non si è completamente ripresa. Anche l’epidemia ha causato colli di bottiglia della catena di approvvigionamento Ciò ha comportato un calo delle vendite e della produzione e un aumento dei prezzi di prodotti importanti come automobili ed elettrodomestici da cucina.

Molte società quotate in borsa aggirano questi problemi e trasferiscono i costi associati ai consumatori, ma la loro capacità di continuare a farlo, generando profitti alimentando il mercato azionario, è discutibile.

La crisi russo-ucraina minaccia di peggiorare le cose per l’economia e i mercati. La Russia produce materie prime importanti, come il palladio, essenziale nei convertitori catalitici per auto a benzina, i cui prezzi hanno contribuito a un’elevata inflazione negli Stati Uniti.

L’anticipazione di interruzioni nella fornitura di materie prime ha fatto aumentare i prezzi nei mercati dei futures, in particolare petrolio e gas naturale, che potrebbero aumentare significativamente se la crisi ucraina si intensifichi e se Sanzioni occidentali iniziare a morso.

Per coloro che ricordano gli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80, l’era dell’inflazione elevata e Recessioni multiple In parte causata dal cambiamento geopolitico e da due shock petroliferi, la prospettiva di un parallelo nel 2020 è estremamente preoccupante.

READ  Le azioni sono instabili, Roku sta crollando, Deere aumenta le aspettative: aggiornamenti in tempo reale

Così è il fatto che la Russia è una potenza nucleare che si impegna in un atto di aggressione contro una nazione indipendente sostenuta dalla NATO. La possibilità che il conflitto possa essere l’inizio di una nuova Guerra Fredda, o peggio, non può essere esclusa.

Tuttavia, per gli investitori, vale la pena notare che da quando il mercato azionario ha toccato il minimo a marzo 2020, l’S&P 500 è in rialzo del 114,4% a partire dal 3 gennaio. Rispetto a questo massiccio aumento, il calo del mercato da allora è stato insignificante.

Inoltre, sebbene tutti coloro che seguono il mercato azionario siano d’accordo sul fatto che si verificherà una correzione, non c’è accordo su quando avverrà. Laszlo Periniche ha iniziato ad analizzare il mercato con Salomon Brothers nel 1976, afferma che una correzione si verifica quando il mercato supera il limite del 10 percento, sia alla fine della giornata di negoziazione che nel mezzo di essa.

Ecco perché Perini, che dirige la sua società indipendente di ricerche di mercato azionario, Perini Associates, a Westport, nel Connecticut, afferma che la correzione del mercato è avvenuta il 24 gennaio, non martedì. Il mercato a un certo punto il 24 gennaio è sceso del 12% dalla sua chiusura del 3 gennaio prima di rimbalzare abilmente. “La psicologia del mercato e l’umore generale sono cambiati”, ha affermato Perini. “Le persone erano in preda al panico fino ad allora – e poi non lo erano”.

Il mercato si è spostato lateralmente da allora e ora è leggermente più basso. In termini puramente finanziari, questo declino, di per sé, non è un gran problema, secondo lui.

Il Sig. Perini si concentra sulla selezione di singoli titoli, non sulla media del mercato, e dice che non permette che cose minori come le correzioni di mercato influiscano sulla sua strategia.

READ  Tutto quello che devi fare prima che i tassi di interesse salgano

“Non ci stiamo concentrando su aumenti del 10% quando il mercato è in rialzo”, ha affermato. Non venderemo azioni solo perché c’è un guadagno del 10 percento. E non importa nemmeno se c’è un calo del 10 percento”.

Da parte sua, il signor Yardeni afferma di vedere il 24 gennaio anche come un momento psicologico importante. Ha rappresentato una “cedimento dei mercati” – una fase in cui molti investitori hanno semplicemente rinunciato e venduto le loro azioni, consentendo allo slancio del mercato di cambiare quando i cacciatori di occasioni hanno iniziato a fare offerte sulle azioni.

Il signor Yardeni descrive episodi come questi come “attacchi di panico” e afferma che il 24 gennaio ha segnato la fine del 73esimo attacco dall’inizio di un mercato rialzista lungo nel 2009. Potrebbe aver segnato le ostilità russe e il crollo del mercato azionario martedì 74esimo . attacchi. “Non c’è scienza qui”, ha detto. “È del tutto personale”.

Ha detto che gli investitori si fanno facilmente prendere dal panico, ma che starebbero meglio, la maggior parte delle volte, se continuassero a farlo. “Non credo che siamo in un mercato ribassista, è proprio quello che sto dicendo”, ha aggiunto.

Per quanto riguarda etichette di mercato come queste, sono neutrale. Siamo in un mercato rialzista, ribassista, correzione o attacco di panico? Non posso dire.

So solo che la geopolitica della crisi ucraina mi rende nervoso in un modo che nessun piccolo calo del mercato può fare.

Non pagare per farti prendere dal panico. Ma questa settimana, sono preoccupato.