Dicembre 2, 2022

Windows Lover

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

La nuova mappa del cielo notturno rivela 4,4 milioni di galassie e altri oggetti spaziali

La nuova mappa del cielo notturno rivela 4,4 milioni di galassie e altri oggetti spaziali

La stragrande maggioranza di questi oggetti sono galassie contenenti enormi buchi neri o nuove stelle in rapida crescita. Altre scoperte includono la collisione di gruppi di galassie lontane e stelle luminose, che variano in luminosità, all’interno della Via Lattea, secondo un comunicato stampa della Durham University in Inghilterra.

Le osservazioni sono state effettuate analizzando un’enorme quantità di dati dal sensibile telescopio Low Frequency Array, noto come LOFAR, che utilizza le basse frequenze radio per osservare e classificare nei minimi dettagli circa un quarto del cielo dell’emisfero settentrionale. È gestito da ASTRON, l’Istituto olandese di radioastronomia.

Questo set di dati è il secondo rilevamento del cielo LOFAR ad essere annunciato e copre un’area 13 volte prima edizioneche ha registrato segnali radio da quasi 300.000 galassie e altri oggetti spaziali.

La radioastronomia è un altro modo per rivelare i segreti dell’universo, in particolare cose che non possono essere viste con le onde luminose visibili, come i buchi neri.

Viene mostrata un'immagine radio (viola), UV (giallo) e raggi X (blu) del residuo di supernova dell'anello Cygnus nella Via Lattea.

“Ogni volta che creiamo una mappa, i nostri schermi si riempiono di nuove scoperte e cose che gli occhi umani non hanno mai visto prima. Esplorare i fenomeni sconosciuti che brillano nel mondo della radio attiva è un’esperienza straordinaria e il nostro team è entusiasta di poterlo fare rendere pubbliche queste mappe”, ha detto l’astronomo Timothy Shimwell. , scienziato partecipante a ASTRON e Leiden University, in un comunicato.

Una nuova indagine sul cielo rivela centinaia di migliaia di galassie

Questa versione dei dati Solo il 27% dell’intero sondaggio, ha affermato Schmuel.

“Ci aspettiamo che questo porti a molte scoperte scientifiche in futuro, incluso lo studio di come crescono le strutture più grandi dell’universo, come si formano ed evolvono i buchi neri, la fisica che governa la formazione stellare nelle galassie lontane e persino i dettagli delle più eccitanti fasi della vita delle stelle nella nostra galassia.”.

READ  "Punti" misteriosi e instabili delle dimensioni di continenti sotto la superficie terrestre confondono gli scienziati

Per mappare gli oggetti spaziali, gli scienziati hanno utilizzato algoritmi su computer ad alte prestazioni in tutta Europa per elaborare 3.500 ore di osservazioni. Questa prodezza di elaborazione dei dati ha richiesto la potenza di calcolo di quasi 20.000 computer portatili.

Ashley Strickland della CNN ha contribuito a questa storia.