Luglio 1, 2022

Windows Lover

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

La Russia invia aerei da combattimento ipersonici in Siria per esercitazioni navali - rapporto

La Russia invia aerei da combattimento ipersonici in Siria per esercitazioni navali – rapporto

MOSCA (Reuters) – La Russia ha schierato aerei da combattimento MiG-31K equipaggiati con missili ipersonici Kinzal e bombardieri strategici a lungo raggio Tu-22M nella sua base aerea in Siria per esercitazioni navali, ha riferito martedì l’agenzia di stampa Interfax, citando il ministero della Difesa. Ministero.

Gli aerei inviati alla base aerea russa di Hmeimim parteciperanno ad esercitazioni nel Mediterraneo orientale, nel contesto dell’escalation dell’attività militare russa in un confronto con l’Occidente sull’Ucraina e la sicurezza in Europa.

Mosca ha annunciato il 20 gennaio che la sua flotta navale condurrà una serie di esercitazioni che coinvolgeranno tutte le sue flotte dall’Oceano Pacifico all’Oceano Atlantico, con la partecipazione di 10.000 soldati, 140 navi da guerra e dozzine di aerei.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Damasco, guidata dal presidente siriano Bashar al-Assad, è stata un fedele alleato di Mosca da quando la Russia ha lanciato una campagna aerea in Siria nel 2015. Oltre alla base aerea di Hmeimim, la Russia controlla anche la struttura navale di Tartus.

La Russia ha inviato per la prima volta jet da combattimento con missili Kinzal l’anno scorso dopo aver ampliato la pista alla base per gestire tali velivoli, ha affermato Rob Lee, analista militare presso il Foreign Policy Research Institute con sede negli Stati Uniti.

Ha affermato che gli schieramenti indicano la crescente presenza militare russa in Medio Oriente e la sua capacità di operare in diverse regioni e mostrare la sua forza.

I media russi hanno affermato che il missile ipersonico Kinzal potrebbe colpire obiettivi a una distanza di 2.000 km. È una delle numerose armi strategiche svelate dal presidente russo Vladimir Putin nel marzo 2018.

Segnalazioni aggiuntive di Tom Palmforth e Paulina Devitt. Montaggio di Bernadette Bohm

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.