Luglio 4, 2022

Windows Lover

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti su cui vuoi saperne di più

La Slovacchia invierà difese aeree S-300 ucraine se la NATO ricaricherà le sue armi

La Slovacchia invierà difese aeree S-300 ucraine se la NATO ricaricherà le sue armi

Intervenendo a Bratislava, capitale della Slovacchia, insieme al segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin, Nad ha osservato che “nel caso in cui ci sia una situazione in cui abbiamo un’alternativa adeguata – o abbiamo una capacità garantita per un certo periodo di tempo – allora sarà pronto a discutere” dotando l’Ucraina delle difese aeree che cerchi.

Alla domanda se gli Stati Uniti sarebbero disposti a inviare alternative alla Slovacchia, come i missili Patriot, Austin si è opposto. Queste sono cose su cui continueremo a lavorare con tutti i nostri alleati, e certamente questa non è solo una questione americana. “È una questione della NATO”, ha detto.

L’aiuto può venire da altrove. All’inizio di giovedì – pochi minuti prima dell’apparizione congiunta dei vertici – il ministero della Difesa tedesco ha indicato in a twittare Distribuirà alcuni dei suoi sistemi Patriot in Slovacchia. “Continuiamo ad aumentare il nostro coinvolgimento sul lato orientale”, hanno affermato i tedeschi.

L’offerta improvvisata dalla Slovacchia ha una sorprendente somiglianza con quella del suo vicino settentrionale, la Polonia, che questo mese ha cercato di fornire all’Ucraina caccia MiG-29 in cambio di F-16 di fabbricazione statunitense. Polonia, In un insolito annuncio pubblico, ha annunciato di essere pronto a trasferire gli aerei sotto la custodia degli Stati Uniti, consentendo a Washington, non a Varsavia, di consegnarli in Ucraina. I funzionari statunitensi sono rimasti sorpresi dalla mossa e l’hanno immediatamente respinta, dicendo che un tale accordo avrebbe un valore limitato data la capacità dei missili terra-aria russi e la frequenza limitata con cui l’esercito ucraino pilota il suo attuale aereo.

La Slovacchia è tra i pochi paesi dell’Europa orientale a cui gli Stati Uniti hanno fatto appello per aiutare a rafforzare la capacità dell’Ucraina di monitorare lo spazio aereo del paese. I funzionari hanno affermato che i sistemi missilistici terra-aria di fabbricazione sovietica sono familiari al personale militare ucraino che li utilizzerà, facilitando la necessità di addestramento ed eliminando il rischio che armi più avanzate cadano nelle mani dei russi.

L’S-300 è emerso come un punto focale delle affermazioni dell’Ucraina perché è progettato per colpire bersagli ad altitudini più elevate e distanze più lunghe rispetto ai missili Javelin e Stinger forniti direttamente dagli Stati Uniti. Tuttavia, i paesi con questi vogliono assicurarsi che, con l’aiuto degli ucraini, non si rendano inavvertitamente più vulnerabili a un potenziale attacco russo.

Un alto funzionario della difesa statunitense, che ha parlato in condizione di anonimato in base alle regole di base stabilite dal Pentagono, questa settimana ha sollevato la possibilità che invece dell’S-300, i paesi occidentali possano facilitare il trasferimento di altri sistemi di difesa aerea come l’S-300 ucraini. familiare.

L’Ucraina ha ordinato l’SA-7 Grail e l’SA-8 Gecko, nonché l’S-300, ha detto un funzionario statunitense che conosce la situazione, parlando a condizione di anonimato perché le discussioni rimangono molto delicate. L’SA-7, noto anche come 9K32 Strela-2, è un sistema missilistico a spalla che può raggiungere aerei che volano per oltre due miglia. L’SA-8, noto come 9K33 Osa nei paesi di lingua russa, può raggiungere aerei fino a tre miglia di altezza, Secondo una scheda informativa dell’esercito americano.

L’S-300 può raggiungere altitudini fino a 18 miglia, a seconda del tipo di missile che stai sparando.

READ  Inondazioni distruttive e smottamenti di fango lasciano almeno 78 morti in Brasile | Brasile

Gli ucraini considerano già la discussione sui missili terra-aria come un compromesso. La principale richiesta del presidente Volodymyr Zelensky per l’Occidente era di aiutare a imporre una no-fly zone sul suo paese o, meno, di fornire all’Ucraina aerei da guerra MiG-29 in modo che potesse farlo da solo. Gli Stati Uniti hanno resistito a entrambe queste proposte, sostenendo che sarebbero state inefficaci e rischierebbero di essere viste come escalation dalla Russia.

Giovedì, Austin ha citato un recente attacco missilistico da crociera russo a un centro di addestramento vicino a Leopoli, vicino al confine polacco, per sottolineare il punto.

Austin ha osservato che “questi missili sono stati effettivamente lanciati dall’interno della Russia”. “Quindi una no-fly zone avrebbe proibito questa attività”.

Austin ha suggerito giovedì che potrebbero esserci “una serie di cose” che potrebbero essere utilizzate per contrastare i razzi, i missili e l’artiglieria russi.

Abbiamo visto che i droni sono stati molto efficaci. Abbiamo anche visto che anche avere la capacità di condurre il fuoco con razzi e artiglieria è molto efficace. E quindi penso che, sempre più, vedremo le forze ucraine ricorrere a quelle tattiche per contrastarlo”, ha detto.

I legislatori hanno chiesto all’amministrazione Biden di fornire all’Ucraina più radar che possano essere utilizzati rapidamente per localizzare le forze russe che lanciano armi a lungo raggio. Finora, la Casa Bianca ha fornito quattro sistemi radar anti-artiglieria e quattro sistemi radar anti-mortaio, secondo una scheda informativa della Casa Bianca pubblicata mercoledì.